Risorsa Tipologia: Scheda Corso

Scheda corso – LA VALUTAZIONE QUALITATIVA DEL RISCHIO DI CORRUZIONE (corso online a fruizione individuale)

Nel PNA 2019 ANAC ha raccomandato alle amministrazioni di rivedere la propria valutazione del rischio in un’ottica qualitativa, per superare i limiti di una valutazione “meccanica” e “quantitativa” (come quella proposta dall’allegato 5 al PNA 2013), coinvolgere maggiormente gli uffici e motivare le stime di probabilità e impatto del rischio. Tuttavia, ANAC non ha proposto una vera e propria metodologia, limitandosi a fornire alcune indicazioni e un numero limitato di indicatori di rischio /fattori abilitanti. Il corso mira a sviluppare una maggiore conoscenza delle dinamiche di rischio corruttivo e propone indicatori e strumenti di analisi che possono consentire al RPCT e al personale degli uffici di collaborare allo sviluppo di una analisi qualitativa del rischio corruttivo, in linea con gli indirizzi dell’Autorità Nazionale Anticorruzione.

NUOVO CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA. LA VALUTAZIONE QUALITATIVA DEL RISCHIO DI CORRUZIONE

DESTINATARI: Aperto a tutte le organizzazioni pubbliche (amministrazioni centrali, Enti Locali, amministrazioni del SSN, Enti pubblici, società controllate e/o partecipate)

IL CORSO DI FORMAZIONE IN MODALITA’ ELEARNING E’ ANCHE FRUIBILE SULLA PIATTAFORMA “SPAZIOETICO ACADEMY“.

Chi vuole ricevere maggiori informazioni in merito al corso può scrivere a: info@spazioetico.com

DISPONIBILITA’: 30 giorni dall’acquisto

La valutazione del rischio non è un adempimento: la corruzione esiste davvero ed è fondamentale che le pubbliche amministrazioni capiscano quanto sono vulnerabili alla corruzione. E una adeguata valutazione del rischio dovrebbe anche tenere in considerazione le caratteristiche specifiche del rischio di corruzione e le dinamiche di sviluppo dei fenomeni corruttivi.

Il corso promuove un approccio consapevole e dinamico al rischio di corruzione, proponendo indicatori di rischio riconducibili alle tre dimensioni che la corruzione attraversa nel suo percorso di sviluppo:

  • Dimensione relazionale
  • Dimensione etica
  • Dimensione organizzativa

La metodologia di identificazione dei rischi non si concentra esclusivamente sulla “maladministration”, ma privilegia una analisi delle “esternalità positive” degli eventi corruttivi, identificando come a rischio quei comportamenti che minacciano l’imparzialità ma sembrano promuovere un gran numero di interessi in gioco. La probabilità che questi comportamenti a rischio siano messi in atto dipende dal grado di integrità dell’amministrazione. 

Spazioetico ha sviluppato un metodo di valutazione che identifica 7 “qualità” che, se adeguatamente sviluppate, garantiscono l’integrità di una amministrazione o di un sistema pubblico. Se queste qualità sono carenti, il rischio di corruzione aumenta. 

Le 7 qualità sono, quindi, anche degli indici di stima del rischio di corruzione e sono le seguenti:

  1. “Roleability”: le persone che prendono decisioni hanno chiaro il proprio ruolo, le proprie responsabilità e gli interessi primari che devono essere perseguiti;
  2. “Surfability”: capacità di includere, metabolizzare, mediare e gestire la pressione degli interessi ed i conflitti di interessi;
  3. “Leaderability”: esemplarità dei comportamenti della leadership, capacità di gestione dei comportamenti organizzativi, ethos organizzativo;
  4. “Discussability”: clima inclusivo, condivisione, benessere organizzativo
  5. Visibility“: Le scelte compiute nel corso del processo sono sufficientemente visibili e documentate. I flussi informativi sono trasparenti
  6. “Promptability”: Tutti i diversi ruoli e le funzioni intervengono adeguatamente nelle attività: (es. risorse e competenze adeguate, procedure idonee)
  7. “Accountability”: responsabilità sociale, capacità dell’organizzazione di identificare e sanzionare i comportamenti non corretti o illeciti

Scheda corso – VALUTARE E GESTIRE IL CONFLITTO DI INTERESSI IN 5 PASSI (corso online a fruizione individuale)

Una solida valutazione delle situazioni di conflitto di interessi si costruisce attraverso un’indagine approfondita sulla minaccia all’imparzialità, in termini di probabilità, e sulla minaccia alla percezione di imparzialità, in termini di impatto. Il consolidamento di siffatti meccanismi di valutazione che promuovono la cultura della gestione del rischio permetterebbero di superare le questioni di certezza del diritto e di operare in uno schema di piena consapevolezza degli Agenti così come dei valutatori interni (RPCT, dirigenti, ecc…).

Il corso mira a trasferire un “metodo di valutazione e di gestione” delle situazioni di conflitto di interessi in ogni processo organizzativo pubblico.

NUOVO CORSO. VALUTARE E GESTIRE IL CONFLITTO DI INTERESSI IN 5 PASSI.

DESTINATARI: Aperto a tutte le organizzazioni pubbliche (amministrazioni centrali, Enti Locali, amministrazioni del SSN, Enti pubblici, società controllate e/o partecipate).

Il corso è disponibile per una fruizione individuale.

IL CORSO DI FORMAZIONE IN MODALITA’ ELEARNING E’ ANCHE FRUIBILE SULLA PIATTAFORMA “SPAZIOETICO ACADEMY“.

Chi vuole ricevere maggiori informazioni in merito al corso può scrivere a: info@spazioetico.com

DISPONIBILITA’: 10/15 giorni dall’acquisto

Una solida valutazione delle situazioni di conflitto di interessi si costruisce attraverso un’indagine approfondita sulla minaccia all’imparzialità, in termini di probabilità, e sulla minaccia alla percezione di imparzialità, in termini di impatto. Il consolidamento di siffatti meccanismi di valutazione che promuovono la cultura della gestione del rischio permetterebbero di superare le questioni di certezza del diritto e di operare in uno schema di piena consapevolezza degli Agenti così come dei valutatori interni (RPCT, dirigenti, ecc…).

Il corso mira a trasferire un “metodo di valutazione e di gestione” delle situazioni di conflitto di interessi in ogni processo organizzativo pubblico.

La conformazione testuale dell’articolo 42 del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 – Codice dei contratti pubblici – permette, per la prima volta, di costruire un “metodo di valutazione”. Le Linee Guida ANAC n. 15/2019 «Individuazione e gestione dei conflitti di interesse nelle procedure di affidamento di contratti pubblici», inoltre, forniscono un chiaro orientamento alle stazioni appaltanti, le quali devono individuare preventivamente possibili situazioni di rischio che possano far emergere, nelle varie fasi della procedura, conflitti di interesse non dichiarati o non comunicati. Il rischio che si intende evitare può essere, ai sensi dell’art. 6-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241 e dell’art. 53 del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, soltanto potenziale e viene valutato ex ante rispetto all’azione amministrativa.

Spazioetico ha sviluppato un metodo di valutazione “per scenari“. L’uso degli scenari nella valutazione dei conflitti di interessi si rivela un’arma molto utile per non cadere vittime della complessità di questo fenomeno.

Il nostro obiettivo è di trasferire questo “metodo di valutazione” e permettere ai partecipanti di indagare la prevedibilità di scenari in cui i vari elementi di un conflitto di interessi interagiscono in maniera tale da generare un’interferenza (e la caduta di un interesse primario). 

L’attività di valutazione mira a valutare se un conflitto di interessi si è manifestato nella realtà, così come farebbe un giudice amministrativo e, conseguentemente, annullare un provvedimento finale. Oppure come farebbe il Presidente di una commissione di gara che si trova a valutare l’astensione di un commissario o se escludere o meno un concorrente (ex art. 80  comma 5, lett. d del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50). 

Questo metodo di valutazione, peraltro, potrebbe essere adottato anche nella situazione in cui un Agente pubblico sta valutando se dichiarare di essere in conflitto di interessi e proporre di astenersi. Così come potrebbe essere il metodo di valutazione del superiore gerarchico o del RPCT che si trova a valutare l’astensione del dichiarante. 

La valutazione si compone di 5 STEP:

  1. Chi è il Soggetto in Valutazione (SIV)?
  2. Quale è la sua potenzialità di influenzamento?
  3. Ha interessi nella vicenda? Quanto sono intensi?
  4. Questo scenario minaccia l’imparzialità della procedura? (PROBABILITA’)
  5. Questo scenario può rappresentare una minaccia alla percezione di imparzialità? (IMPATTO)

.

Scheda corso – ECOLOGIA DELLE RELAZIONI DELL’AGENTE PUBBLICO (ambito sanitario)

NUOVO CORSO. ECOLOGIA DELLE RELAZIONI DELL’AGENTE PUBBLICO (ambito sanitario) DESTINATARI: Professionisti clinici di Aziende Sanitarie e Ospedaliere IL CORSO DI FORMAZIONE IN MODALITA’ ELEARNING E’ ANCHE FRUIBILE SULLA PIATTAFORMA “SPAZIOETICO ACADEMY“. Le organizzazioni che hanno interesse ad acquistare il corso possono scrivere a: info@spazioetico.com DISPONIBILITA’: immediata. ACQUISTABILE SU MEPA? SI’ FRUIBILITA’: su piattaforma Spazioetico Academy oppure su […]

Anteprima del corso: “Episodio 7. La diffusione del disordine”

NUOVO CORSO. ECOLOGIA DELLE RELAZIONI DELL’AGENTE PUBBLICO (ambito sanitario)

DESTINATARI: Professionisti clinici di Aziende Sanitarie e Ospedaliere

IL CORSO DI FORMAZIONE IN MODALITA’ ELEARNING E’ ANCHE FRUIBILE SULLA PIATTAFORMA “SPAZIOETICO ACADEMY“.

Le organizzazioni che hanno interesse ad acquistare il corso possono scrivere a: info@spazioetico.com

DISPONIBILITA’: immediata.

ACQUISTABILE SU MEPASI’

FRUIBILITA’: su piattaforma Spazioetico Academy oppure su piattaforma dell’Ente committente.

Le relazioni sensibili sono l’eco-sistema in cui in cui si generano le premesse del patto occulto della corruzione. La complessità delle relazioni sensibili richiama l’agente pubblico alla responsabilità di conoscere e categorizzare correttamente le interazioni che si generano nella sua sfera privata, personale o professionale, e che possono interferire in qualche modo con la sfera professionale pubblica.

Il corso ha un taglio valoriale e vuole promuovere la responsabilità di professionisti clinici del Servizio Sanitario Nazionale in merito al modo in cui devono essere gestite le relazioni professionali e personali.

Il corso è diviso in due parti: lezioni 1 – 5 e lezioni 6 – 10.

Le lezioni 1 e 6 sono introduttive.

Le lezioni 2, 3 e 4 introducono alcuni concetti base per comprendere le dinamiche relazionali:

· Il nesso tra bisogni, relazioni, interessi e comportamenti;

· Il ruolo della dimensione valoriale nei principi decisionali;

· I cluster di bisogni e le macro-categorie relazionali;

· I diritti e gli interessi primari della pubblica amministrazione.

La lezione 5 analizza due dinamiche relazionali: la strumentalizzazione e la tossificazione

Le lezioni 7 e 8 affrontano il tema della leadership etica delle qualità etiche delle organizzazioni.

La lezione 9 studia il funzionamento del “filtro etico individuale” e i meccanismi di manipolazione o disattivazione dello spazio valoriale.

La lezione 10 enuncia i principi dell’etica delle relazioni e affronta il tema dei dilemmi etici.

ISCRIZIONI
Contattare Spazioetico Associazione Professionale
Via email: info@spazioetico.com
Via tel. Massimo Di Rienzo: 3334158347 – Andrea Ferrarini: 3472728727

SCHEDA CORSO – IL RISCHIO DI CORRUZIONE. Processi, comportamenti, asimmetrie, soluzioni

OBIETTIVI FORMATIVI Esplorare i meccanismi di base della corruzione Analizzare le tre dimensioni del fenomeno corruttivo: organizzativa, economico-relazionale ed etica Entrare in contatto con norme, misure, valori per la prevenzione della corruzione Acquisire nozioni di base sul conflitto di interessi IL TEMAIl percorso formativo ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza degli agenti pubblici circa la […]

OBIETTIVI FORMATIVI

  • Esplorare i meccanismi di base della corruzione
  • Analizzare le tre dimensioni del fenomeno corruttivo: organizzativa, economico-relazionale ed etica
  • Entrare in contatto con norme, misure, valori per la prevenzione della corruzione
  • Acquisire nozioni di base sul conflitto di interessi

IL TEMA
Il percorso formativo ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza degli agenti pubblici circa la complessità dei rischi corruttivi associati alle attività da loro svolte. Il rischio corruttivo (nel modo in cui è inteso dalla L. 190/2012 e dal PNA) emerge da vari fattori:

  • dai conflitti tra etica individuale, etica pubblica (dimensione etica)
  • dalla cultura etica dell’organizzazione (dimensione etica)
  • dalle modalità di gestione dei processi (dimensione organizzativa)
  • dalle asimmetrie decisionali, informative e relazionali (dimensione organizzativa)
  • dagli interessi pubblici e privati coinvolti nel processo (dimensione economica)
  • dai criteri adottati, per ottimizzare il processo e per identificare gli interessi pubblici e privati meritevoli di tutela (dimensione economica)

Costi “in presenza”

Euro 1.200,00con la presenza di 1 formatore (Massimo Di Rienzo o Andrea Ferrarini)Codice MEPA
SE01
Euro 2.000,00con la presenza di 2 formatori (Massimo Di Rienzo & Andrea Ferrarini).Codice MEPA
SE21

• I costi comprendono la pianificazione del percorso formativo, la preparazione del materiale didattico, la realizzazione della docenza, i costi di viaggio, vitto e alloggio.
• I costi devono essere considerati al netto di IVA (22%) e INPS (4%).

Costi “a distanza”
Chiedere informazioni a Spazioetico Associazione Professionale (info@spazioetico.com)

ISCRIZIONI
Contattare Spazioetico Associazione Professionale
Via email: info@spazioetico.com
Via tel. Massimo Di Rienzo: 3334158347 – Andrea Ferrarini: 3472728727

Il CATALOGO MEPA di Spazioetico

Scopri l'offerta formativa di Spazioetico su MEPA

Scheda corso – IL WHISTLEBLOWING

CORSO IN PRESENZA o A DISTANZA DOCENTI Massimo Di Rienzo Fondatore di Spazioetico e Andrea Ferrarini Fondatore di Spazioetico OBIETTIVI FORMATIVI• Promuovere una corretta definizione di Whistleblowing• Distinguere una segnalazione, da una denuncia, da una comunicazione di ritorsione subita• Esplorare il dilemma del segnalante• Eseguire una corretta segnalazione• Gestire correttamente una segnalazione IL TEMANel mese di […]

CORSO IN PRESENZA o A DISTANZA

DOCENTI Massimo Di Rienzo Fondatore di Spazioetico e Andrea Ferrarini Fondatore di Spazioetico

OBIETTIVI FORMATIVI
• Promuovere una corretta definizione di Whistleblowing
• Distinguere una segnalazione, da una denuncia, da una comunicazione di ritorsione subita
• Esplorare il dilemma del segnalante
• Eseguire una corretta segnalazione
• Gestire correttamente una segnalazione

IL TEMA
Nel mese di novembre 2017, dopo un paio di anni di gestazione non facile, è stata emanata una normativa “Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato“. L’impianto normativo ha l’obiettivo di evitare che il dipendente, venuto a conoscenza di condotte illecite in ragione del rapporto di lavoro, ometta di segnalarle per il timore di subire conseguenze pregiudizievoli.

COSTI
IN PRESENZA:
Euro 1.200 con la presenza di 1 formatore (Massimo Di Rienzo oppure Andrea Ferrarini),
Euro 2.000 con la presenza di 2 formatori (Massimo Di Rienzo & Andrea Ferrarini),
– I costi comprendono la pianificazione del percorso formativo, la preparazione del materiale didattico, la realizzazione della docenza, i costi di viaggio, vitto e alloggio.
– I costi devono essere considerati al netto di IVA (22%) e INPS (4%).

A DISTANZA:
Chiedere a info@spazioetico.com

ISCRIZIONI
Contattare Spazioetico Associazione Professionale
Via email: info@spazioetico.com
Via tel. Massimo Di Rienzo: 3334158347 – Andrea Ferrarini: 3472728727

Video di presentazione del corso

Scheda corso – IL CONTRASTO AL RICICLAGGIO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CORSO IN PRESENZA o A DISTANZA DOCENTI Massimo Di Rienzo Fondatore di Spazioetico e Andrea Ferrarini Fondatore di Spazioetico OBIETTIVI FORMATIVI– Esplorare il “fenomeno” del riciclaggio– Inquadrare il sistema di prevenzione del fenomeno– Esplorare i modelli organizzativi da adottare– Acquisire consapevolezza sugli indicatori di anomalia IL TEMAGli uffici della Pubblica Amministrazione, al fine di identificare e […]

CORSO IN PRESENZA o A DISTANZA

DOCENTI Massimo Di Rienzo Fondatore di Spazioetico e Andrea Ferrarini Fondatore di Spazioetico

OBIETTIVI FORMATIVI
– Esplorare il “fenomeno” del riciclaggio
– Inquadrare il sistema di prevenzione del fenomeno
– Esplorare i modelli organizzativi da adottare
– Acquisire consapevolezza sugli indicatori di anomalia

IL TEMA
Gli uffici della Pubblica Amministrazione, al fine di identificare e comunicare alla U.I.F informazioni concernenti operazioni sospette di riciclaggio, devono acquisire una serie di conoscenza relative al fenomeno, nonché conoscere in modo approfondito gli indicatori di anomalia, che supportano l’identificazione delle possibili operazioni sospette. E’ anche necessario che le amministrazioni si dotino di modelli organizzativi idonei a gestire i flussi informativi tra gli uffici e il gestore delle segnalazioni.
Il corso illustra gli strumenti da utilizzare per identificare le operazioni sospette, le modalità di segnalazione e il modello organizzativo da adottare.

COSTI
2 webinar di 2 ore ciascuno su piattaforma messa a disposizione da Spazioetico o su piattaforma dell’Ente committente..
Euro 1.200,00 con la presenza di 2 formatori (Massimo Di Rienzo & Andrea Ferrarini)

ISCRIZIONI
Contattare Spazioetico Associazione Professionale
Via email: info@spazioetico.com
Via tel. Massimo Di Rienzo: 3334158347 – Andrea Ferrarini: 3472728727

Scheda corso – LA VALUTAZIONE QUALITATIVA DEL RISCHIO DI CORRUZIONE (corso in presenza)

CORSO IN PRESENZA DOCENTI Massimo Di Rienzo Fondatore di Spazioetico e Andrea Ferrarini Fondatore di Spazioetico OBIETTIVI FORMATIVI– Esplorare la dimensione “qualitativa” del rischio di corruzione”.– Acquisire la metodologa per effettuare una corretta analisi del contesto (interno ed esterno), la valutazione “qualitativa” del rischio (identificazione, analisi e ponderazione del rischio) ed il conseguente trattamento del rischio […]

CORSO IN PRESENZA

DOCENTI Massimo Di Rienzo Fondatore di Spazioetico e Andrea Ferrarini Fondatore di Spazioetico

OBIETTIVI FORMATIVI
– Esplorare la dimensione “qualitativa” del rischio di corruzione”.
– Acquisire la metodologa per effettuare una corretta analisi del contesto (interno ed esterno), la valutazione “qualitativa” del rischio (identificazione, analisi e ponderazione del rischio) ed il conseguente trattamento del rischio (identificazione e programmazione delle misure di prevenzione).

IL TEMA
La valutazione qualitativa del rischio, richiesta a seguito dell’aggiornamento del PNA 2019, misura la capacità di un’organizzazione di sviluppare una sorta di attrito, che si oppone alla generazione dei fenomeni corruttivi. Questa valutazione non deve concentrarsi esclusivamente sulla dimensione organizzativa, ma “risalire” fino alla dimensione relazionale ed etica e misurare:

  • la capacità di gestire nella dimensione relazionale i precursori della corruzione (conflitti di interessi, caduta di interessi primari, ecc…);
  • la capacità dello spazio etico di “bloccare” l’emersione degli azzardi morali (disponibilità delle persone a negoziare i propri valori, percezione dei valori condivisi e dell’ethos organizzativi, capacità di affrontare dilemmi etici);
  • la capacità della dimensione organizzativa di impedire che i processi siano manipolati dalla corruzione (modalità di esecuzione dei processi, gestione dei momenti decisionali, capacità di rispettare le leggi i regolamenti e le procedure, gestione delle informazioni).

COSTI
Euro 1.200 con la presenza di 1 formatore (Massimo Di Rienzo oppure Andrea Ferrarini), CODICE MEPA: SE04
Euro 2.000 con la presenza di 2 formatori (Massimo Di Rienzo & Andrea Ferrarini), CODICE MEPA: SE24
– I costi comprendono la pianificazione del percorso formativo, la preparazione del materiale didattico, la realizzazione della docenza, i costi di viaggio, vitto e alloggio.
– I costi devono essere considerati al netto di IVA (22%) e INPS (4%).

ISCRIZIONI
Contattare Spazioetico Associazione Professionale
Via email: info@spazioetico.com
Via tel. Massimo Di Rienzo: 3334158347 – Andrea Ferrarini: 3472728727