@spazioetico

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

Archivi delle etichette: privacy

Un affare di famiglia: sulle tracce della corruzione

Oggi vi presentiamo un caso (real-case scenario), per raccontarvi in che modo il RPCT di un ente locale potrebbe attivarsi e svolgere una INDAGINE INTERNA, nel caso in cui rilevasse anomalie nella gestione di un procedimento a rischio di corruzione. Le INDAGINI INTERNE  sono strumenti utili per migliorare la capacità delle pubbliche amministrazioni di identificare gli eventi di corruzione, che abbiamo presentato in un precedente post (Valutare la tenuta di un processo: lo STRESS TEST e le INDAGINI INTERNE – Istruzioni per l’uso). Il protagonista del nostro racconto è un po’ burbero e non va molto per il sottile: se ne frega della privacy, se c’è in gioco l’integrità della Pubblica Amministrazione. 


 

AFFARI DI FAMIGLIA

immagine di apertura

  1. Una Anomalia inattesa

L’Unione di Comuni “Alta Val Parenti” si è costituita nel 2016, aggregando circa 10 comuni, di piccole e medie dimensioni, che hanno deciso di gestire in modo associato le proprie funzioni fondamentali. L’Unione, per esempio, gestisce tutto il personale dei Comuni, assicura il servizio di Polizia Locale su tutto il territorio e segue le procedure di affidamento di lavori, servizi e forniture.

11ir12Se l’Unione funziona così bene è anche merito del suo Segretario Generale, il dott. Tommaso Trivella che è anche il Responsabile della Prevenzione della corruzione. E’ un uomo tutto d’un pezzo, di grande esperienza, ma anche noto per il suo carattere un po’ burbero.

Il Dott. Trivella, nella sua funzione di Responsabile della Prevenzione, tiene costantemente monitorati i processi a rischio di corruzione, con particolare riferimento alle procedure di acquisto. Lo fa soprattutto per precauzione, ma è abbastanza tranquillo, perché la responsabile che gestisce le procedure di affidamento, la dott.ssa Benedetta Briscola, è una funzionaria nota per la propria onestà.
Marta

Benedetta Briscola è tutta casa e lavoro: non ha né marito né figli. Il Codice degli Appalti e le Linee Guida di ANAC sembrano essere la sua unica ragione di vita. Tuttavia Tommaso Trivella, verificando gli affidamenti degli anni 2017 e 2018 (primo semestre) ha rilevato delle anomalie che lo preoccupano abbastanza.

A quanto pare, Benedetta Briscola ha fatto ripetuti affidamenti diretti alla societàlosco srl “LOSCO S.r.l. di Orietta Oscura & C.”, che si occupa di forniture per uffici, musei e biblioteche. In pratica, la dott.ssa Briscola, dovendo provvedere all’acquisto di scrivanie, sedie e scaffali per 5 Comuni aderenti all’Unione, non ha avviato una sola procedura di acquisto, ma 5 diverse procedure: in questo modo, il valore delle singole forniture è risultato essere inferiore a 40.000 Euro, consentendo di fare 4 affidamenti diretti alla “LOSCO Srl”. 

2. Io della privacy me ne infischio (tre scimmiette e un burbero.)

Tommaso Trivella vuole vederci chiaro. Ma non va direttamente a chiedere RETE 1chiarimenti a Benedetta Briscola. Decide prima di fare una piccola INDAGINE INTERNA e chiede alcune informazioni alla responsabile dei Servizi Demografici, alla Responsabile dell’Ufficio Personale e alla responsabile del Settore Tributi. Vuole capire se esiste qualche collegamento di interessi tra Benedetta Briscola e Orietta Oscura, l’intraprendente e affascinante titolare della LOSCO Srl. 

Senza titoloLe tre responsabili inizialmente sono un po’ restie a collaborare. Non sono sicuri che il Segretario possa accedere a tutte le informazioni detenute dal loro ufficio. Ci potrebbero essere problemi legati alla privacy, specialmente dopo l’entrata in vigore del GDPR. 

11ir12“Sapete cosa vi dico? Che io della privacy me ne infischio, se c’è in gioco l’integrità e la reputazione dell’ Unione!!!” tuona Trivella “Se i miei sospetti sono fondati, la vostra collega ha commesso un reato gravissimo. E, se non mi date una mano (oppure se vengo a sapere che e dite che sto indagando su di lei), quando manderò la mia denuncia in Procura dirò che siete state (direttamente o indirettamente) sue complici!

3. Tre Indizi e un particolare poco importante

Noi non condividiamo i toni intimidatori del dottor Trivella. Che sicuramente è una persona abituata ad agire fuori dagli schemi. E che inoltre ha un pessimo carattere. Tuttavia, la sua strategia funziona. Le tre responsabili (forse per paura di passare dei guai) cominciano a collaborare. E a fornire una serie di utili indizi.

MartaIndizio numero 1.  La Responsabile del Personale comunica che Benedetta Briscola ha lo stipendio pignorato, per i debiti contratti con una finanziaria. “Ma come ha fatto a contrarre dei debiti?” si chiede Trivella “se resta in ufficio dal mattino alla sera? Non ha nemmeno l’automobile? Dovrebbe fare debiti … di notte!

businesswoman-147101_640Indizio numero 2. La Responsabile dei Servizi Demografici scopre che Ombretta Oscura, titolare della LOSCO Srl ha avuto una vita sentimentale alquanto travagliata: si è sposata tre volte e per tre volte ha divorziato dai propri mariti. Strano ma vero, tutti e tre i suoi mariti si chiamavano Riccardo. “Questo non è un dettaglio importante, ai fini dell’indagine” pensa Trivella”.

elegant-3176410_640Indizio numero 3. La Responsabile del Settore Tributi scopre che Benedetta Briscola abita in un appartamento in affitto, di proprietà di un certo Riccardo Racchetti che, guarda caso, è anche l’ultimo degli ex mariti di Ombretta Oscura. “Questo è un dettaglio importantissimo” pensa Trivella “Era il tassello mancante!”

Quindi, esiste un collegamento tra la responsabile dell’ufficio appalti e la titolare della LOSCO Srl … E questo collegamento è Riccardo Racchetti!

RETE 2

4. Il baratto

Tommaso Trivella adesso è nel suo ufficio. Ha chiuso la porta e cerca di mettere insieme le idee. Ha un sacco di ipotesi che gli girano per la mente. Cerca gli scenari che le rendono plausibili. Ma i suoi pensieri sono confusi: “… perché Benedetta Briscola si è indebitata? Lei che è sempre così razionale, così equilibrata… quante sono le probabilità di avere, per caso, tre mariti con lo stesso nome? E di assegnare degli appalti alla ex moglie del tuo padrone di casa? Forse anche Benedetta Briscola hai i suoi demoni… ma devono essere demoni potenti, che la perseguitano … la corruzione è sempre uno scambio tra pari? … quante sono le probabilità di vincere giocando d’azzardo? … ci sono due modi per saldare un debito: le rate o il baratto! …” 

11ir12Tommaso Trivella è talmente assorto nei suoi ragionamenti, che non si accorge subito che qualcuno ha bussato alla porta. E’ Benedetta Briscola. E’ stato lui a convocarla nel suo ufficio e comincia subito a parlarle, come se continuasse un discorso già iniziato, da tempo, con lei: “Non sei tu. Vero? Tu non l’avresti fatto mai! Violare il codice dei contratti … Per te è sacro più della Bibbia”.

Marta“Cosa intende dire?” risponde Briscola. Sembra stupita. E non è per nulla spaventata. Forse anche anche lei ha immaginato per molti mesi quel momento. E si è abituata a viverlo. Solo le mani tradiscono un certo nervosismo. Continuano ad accarezzare fascicoli accatastati sulla scrivania di Trivella. Come per salutarli.

11ir12“Intendo dire che l’idea di frazionare gli affidamenti alla LOSCO Srl non è venuta a te. Ma a Roberto Racchetti. Tu i soldi glieli avresti anche ridati. Ma lui ha preferito prestarti i soldi ed avere in cambio la garanzia che l’azienda della moglie vincesse delle gare. Ho ragione? E’ successo così?”

Benedetta Briscola chiude gli occhi e piange. Tommaso Trivella ha un carattere burbero, ma non è completamente insensibile al dolore degli altri. E quindi non la incalza. Non pretende subito una risposta. Apre un fascicolo e comincia a leggere dei documenti. 

MartaDopo qualche minuto Briscola trova le parole: “Qualche anno fa ho cominciato a giocare alle slot machine, in un bar che sta vicino a casa mia e che è ancora aperto quando torno dal lavoro. Poi ho scoperto che si poteva giocare anche online. Mi piace giocare, anche tutta la notte. Ma non vinco quasi mai! Insomma … giocando ho perso un sacco di soldi. Un giorno sono andata dal mio padrone di casa, Roberto Racchetti, e gli ho detto che avevo difficoltà a pagargli l’affitto di quel mese. Lui mi ha chiesto perché. E io gliel’ho spiegato.

11ir12“E lui è stato talmente gentile da prestarti dei soldi. E ovviamente, quando te li ha prestati, sapeva benissimo che lavoro facevi. Che ti occupavi degli appalti di tutti i Comuni dell’Unione …”

 

Marta“Sì, lo sapeva. Per affittare l’appartamento avevo dovuto produrgli le buste paga e poi eravamo in buoni rapporti. Mi chiedeva spesso del mio lavoro … Insomma, mi ha prestato dei soldi. Ed io ho promesso che li avrei restituiti. Ma lui mi ha detto di no. Sapeva che non l’avrei fatto mai. Perché sono una drogata del gioco. E mi ha proposto pagare il mio debito in un altro modo: affidando dei lavori all’azienda della sua ex moglie. Poi ci avrebbe pensato lui a recuperare i soldi dalla LOSCO Srl…”

11ir12“Certamente” tuona Trivella “Ci avrebbe pensato lui! Quei due sono separati da due anni, ma ecco che si riconciliano improvvisamente, quando ci sono di mezzo i soldi! Hanno trasformato gli appalti dell’Unione in un “affare di famiglia”. Ma adesso la loro pacchia è finita… Quello è il telefono. Chiama chi vuoi. Polizia. Carabinieri. Procura della Repubblica. Adesso tu denunci tutti!!! Ti auto-denunci e mandi in galera anche loro. Ho anche pronta, qui, la tua lettera di dimissioni. Non voglio più vederti dentro questo ufficio…”

Benedetta Briscola alza il telefono. E parla… 

5. L’orto

E’ domenica mattina. Tommaso Trivella sta leggendo il giornale sul terrazzo di casa sua. Sua moglie sta preparando il ragù in cucina. Oggi i figli di suo figlio mangiano da loro. Stanno giocando in cortile, insieme agli altri bambini. Il cortile è un fazzoletto di cemento circondato da autorimesse. Ma per i bambini che ci giocano diventa, a seconda dei momenti, un’isola sconosciuta in mezzo al mare, un campo da calcio, una pista da corsa per biciclette e chissà quante altre cose.  Tommaso Trivella, invece, guarda il cortile e vede soltanto bambini che giocano nel cemento. La vita di città lo ha stancato da un pezzo.

Tommaso Trivella adesso chiude il giornale e fa progetti per il futuro. Quando andrà in pensione, affitterà un piccolo terreno per fare un orto. E sarà più felice di adesso. Perché anche in un orto puoi trovare una lumaca che si mangia l’insalata, o qualche altro parassita. Ma non vedrai mai, nemmeno nei più assolati giorni di siccità, una carota mangiare la terra in cui ha messo radici …


 

Per un  esempio di STRESS TEST, cliccare qui sotto:

Per un secondo esempio di STRESS TEST, cliccare qui sotto:

 

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale.

Divagazioni estive (3): tra Privacy e Trasparenza…

di Massimo Di Rienzo & Andrea Ferrarini

In questa terza divagazione estiva (da leggere sotto l’ombrellone oppure in casa, preferibilmente davanti a un ventilatore) abbiamo deciso di rendere omaggio a Italo Calvino e di parlare della relazione tra privacy e trasparenza. Relazione che oggi assume sempre di più la forma di un conflitto insanabile. Ma forse, a ben guardare, privacy e trasparenza sono le due facce di una stessa medaglia: la medaglia della gestione delle informazioni, che genera rischi ed opportunità. Buona lettura.


LE CITTÀ‘ IMPROBABILI (OMAGGIO AD ITALO CALVINO)

Passeggiando nel vasto giardino pensile costruito sul tetto della sua reggia, il Gran Kan guardava in silenzio le ombre lunghe delle cose al tramonto.

“E’ il tramonto che getta le ombre, come reti, sul mondo?” chiese il Gran Kan a Marco Polo “Oppure siamo noi ad essere gettati dentro la luce?”. Marco Polo non rispondeva mai alle prime domande che il Gran Kan gli rivolgeva. Perché sapeva che il Gran Kan gli avrebbe fatto subito una seconda domanda per rispondere alla sua prima domanda e una terza per rispondere alla precedente, fino ad arrivare alla domanda vera.

“E’ meglio la luce o l’ombra?”. Quella era la vera domanda del Gran Kan davanti al tramonto. “Devo cogliere il frutto di questo albicocco, che arrossisce nella luce dell’estate, oppure devo sedermi all’ombra dell’albicocco, per prendere un po’ di frescura?”

“Mio Sire” rispose Marco Polo “durante i miei viaggi ho visto persone che durante il giorno mangiavano albicocche, oppure persone sedute all’ombra degli albicocchi o ancora persone che mangiavano albicocche sedute all’ombra degli alberi. Ma non ho mai visto nessuno mangiare frutta o riposarsi all’ombra durante la notte

Il Gran Kan abbandonò il tramonto e scrutò lo straniero negli occhi. Marco Polo abbassò lo sguardo e continuò a parlare: “Senza la luce non c’è ombra. E non possiamo scegliere la luce senza scegliere anche l’ombra. La luce rimbalza sulle stoffe della tua veste preziosa ed entra nei miei occhi. E nella mia mente questo rimbalzo diventa il colore verde e dorato della tua veste di seta. La luce rimbalza sulla tua veste e il tuo corpo ferma la luce. Anche questo silenzio della luce entra nei miei occhi e questo silenzio diventa un’ombra nella mia mente.”

“Ma è meglio la luce o l’ombra?” chiese ancora il Gran Kan, che quando arrivava alla sua prima domanda, non poteva far altro che ripeterla ogni volta uguale, in attesa di avere una risposta

E Polo: “Ogni nostro sguardo getta nel mondo le ombre inseme alla luce. Il rischio insieme all’opportunità. Per il borseggiatore nascosto nei vicoli tortuosi di una città, la luce è un rischio e l’ombra è una opportunità. Ma per il passante derubato l’ombra del vicolo è stata un rischio e la luce della piazza sarebbe stata un’opportunità”

“Ora ho capito” concluse il Gran Kan “La luce e l’ombra si scambiano le parti di ora in ora, di luogo in luogo. Di persona in persona. E ad ogni sguardo vediamo i rischi e le opportunità ballare abbracciati”.

E quella sera Marco Polo raccontò al Gran Kan di città improbabili, di come sguardi diversi costruiscono diverse città.
Le città e gli sguardi: Privazia

Si dice che gli abitanti di Privazia, un tempo, avessero nomi che li distinguevano. Adesso si chiamano tutti “Omissis” oppure “Ehi-tu!”. Ma questo non è sicuro: gli abitanti di Privazia, infatti, distruggono tutto ciò che contiene dati personali: lettere, libri, fotografie, documenti. Persino le ordinanze e le leggi promulgate dai suoi Governatori vengono distrutte, non appena cessano dalla loro carica. E i giornali del giorno prima vengono raccolti di casa in casa e mandati al macero, sostituiti dai giornali del giorno dopo. La città è stata costruita dai suoi abitanti sul fondo del cratere di un grande vulcano spento.

Così il viandante che arriva a Privazia di prima mattina si lascia il sole alle spalle, mentre scende gli innumerevoli gradini scavati nella lava, che conducono al centro della città. Quando arriva davanti alle mura, il suo passaporto viene bruciato dalle guardie. Perché il viaggio a Privazia è senza ritorno. E i suoi occhi devono abituarsi all’oscurità, allo stridore delle auto senza targa che investono i pedoni, alla gente che si imbuca a caso ai pranzi di matrimonio, perché il nome degli sposi non è mai scritto sulle partecipazioni.

Dopo qualche tempo, anche il viandante non ricorda più il suo nome. Perché Privazia, città che ha deciso di chiudere gli occhi, ruba lo sguardo anche a chi vorrebbe vedere.
Le città e gli sguardi: Trasparenzia

Se fuggi da Privazia e risali di nascosto il cratere, ti basterà percorrere pochi metri e arriverai a Trasparenzia. Non ti accorgerai di essere entrato in città, perché non ci sono mura che la difendono. E vedrai che fuori dalle case ci sono degli enormi citofoni, che ti danno tutte le informazioni riguardo alle persone che ci vivono: il nome del capo famiglia di ogni famiglia, ma anche il nome della moglie, dei figli e dei parenti fino al terzo grado. Oltre all’albero genealogico di ciascuna persona, sul citofono è indicata anche la professione svolta, il reddito annuo e l’orientamento sessuale. I citofoni di Trasparenzia sono davvero enormi e riuscire a trovare il bottone giusto da schiacciare è un bell’affare. Ma tanto i palazzi e gli appartamenti non hanno le porte. E quindi puoi entrare senza suonare.

Le fanciulle di Trasparenzia indossano vesti succinte di stoffa trasparente. E quindi all’inizio ti innamorerai di ciascuna di loro. Ma poi capirai quanto è difficile amarsi a Trasparenzia. La città, infatti, non ha segreti, e quando un uomo incontra una donna non le fa la corte: le fa la disclosure. Le chiede la misura della vita e dei fianchi, la taglia del reggiseno e il nome di tutti i suoi ex fidanzati. E lui deve dichiarare se vuole fare sesso e basta, oppure avere una relazione stabile.

Per le strade le videocamere accese a tutte le ore sono lì per ricordarti che “più attentamente sarai osservato e meglio ti comporterai!”. Un giorno magari ti stuferai di questa città senza segreti e vorrai tornare nel cratere. In molti fanno così: passano la vita a fare avanti e indietro tra Privazia e Trasparenzia. Le due città si scambiano gli abitanti. E gli abitanti buttano via tutto, quando passano da una città all’altra. Un ragazzo e una ragazza vivevano a Trasparenzia. Poi lei emigrò a Privazia. Lui le scrisse mille lettere d’amore, chiedendole “come stai?”. Ma lei bruciava le sue lettere e, per questioni di riservatezza, non forniva dettagli della sua vita a Privazia.

Le due città si stanno avvicinando ogni giorno di più. Trasparenzia non ha mura e si allarga. Un giorno assedierà Privazia, circonderà con le sue case il suo cratere. Le due città allora forse si guarderanno. Ma senza vedersi.

@spazioetico: pubblicato il “Manuale operativo sull’accesso civico generalizzato”

copertina_ACG_DiRienzo_Ferrarini_Maggioli

@spazioetico è assai lieto di annunciarvi l’uscita della sua prima pubblicazione per l’editore Maggioli.

Si tratta del Manuale operativo sull’accesso civico generalizzato. Al suo interno troverete la checklist per gestire in maniera logica, controllabile e replicabile le istanze di accesso civico generalizzato. E tanto altro ancora. Un intero capitolo di casi, scenari ed esempi che vi aiuterà nella comprensione del meccanismo di valutazione del pregiudizio (test di pregiudizio) e dell’opportunità di conoscere (test di interesse pubblico).

I test sono una novità assoluta nel panorama italiano e sono stati elaborati a seguito dei numerosi incontri di formazione che abbiamo tenuto in giro per l’Italia nel corso del 2017 e 2018.

Il Manuale, in formato cartaceo, può essere acquistato presso il sito di Maggioli Editore ad un costo di euro 35,00. 

Di seguito, un breve abstract della pubblicazione.

Il panorama normativo italiano contempla diversi meccanismi di accesso a dati e documenti detenuti dalla pubblica amministrazione. L’accesso civico generalizzato, introdotto dal d.lgs. n. 97/2016, è il più recente e, per molti versi, anche il più controverso.

Nella gestione di questo particolare procedimento, l’opportunità di alimentare partecipazione e controllo diffuso a beneficio della collettività spesso confligge con la necessità di tutelare interessi pubblici e privati. Il legislatore ha individuato esclusioni e limiti all’accesso, ma non ha fornito particolari strumenti per la gestione del processo decisionale, che spesso risulta estremamente dilemmatico e altamente discrezionale.

La presente opera, che ha un taglio spiccatamente operativo, mira a supportare ed orientare dipendenti pubblici e amministrazioni alle prese con la complessità della gestione delle istanze di accesso civico generalizzato.

Se la discrezionalità non può essere eliminata, tuttavia si può garantire che essa venga esercitata attraverso un processo logico e consequenziale che assicuri coerenza con l’attuale normativa, nonché fondatezza e tracciabilità al provvedimento finale. Il manuale operativo contiene:
› la checklist per gestire in maniera logica, controllabile e replicabile le istanze di accesso civico generalizzato;
› il test di pregiudizio, che serve a valutare la presenza e misurare la concretezza dei pregiudizi ad interessi pubblici e privati;
› il test di interesse pubblico, che serve a valutare le opportunità di partecipazione e controllo diffuso;
› un metodo per bilanciare le opportunità e i rischi generati dall’ac- cesso alle informazioni;
scenari, casi di studio, esempi per affrontare in modo concreto i problemi ed applicare correttamente gli strumenti;
› un approfondimento concettuale sull’accesso civico generalizzato che parte dalle origini e guarda al futuro della trasparenza in Italia.

GLI AUTORI

Massimo Di Rienzo. Fondatore di @spazioetico, formatore e consulente per la pubblica amministrazione. Appassionato di trasparenza ed integrità, ha avuto la fortuna di incrociare Andrea Ferrarini, che lo ha aiutato a costruire solide teorie e ad applicare una logica ferrea alle sue intuizioni.

Andrea Ferrarini. Filosofo “prestato” alla consulenza, si occupa prevalentemente di prevenzione della corruzione e trasparenza presso Regioni ed Enti Locali. Appassionato di grafici, processi, tabelle e fattori di rischio, ha fortunatamente incrociato Massimo Di Rienzo, che gli ha fornito dei “casi concreti” a cui applicarli.

 

Indice dell’opera.

Parte I La nascita di un diritto che non c’era
1. L’Accesso civico generalizzato
1.1. Un party molto affollato: la traiettoria della trasparenza in Italia
1.2. Diritti fantastici e come introdurli
1.3. Come creare un ibrido in due mosse
1.4. “Logica ACG” e “Logica 241”
1.5. Privacy e trasparenza, l’una contro l’altra armate
1.6. Un conflitto di interessi piccolo piccolo
1.7. Ripensare l’ACG: da diritto a servizio
Parte II Accesso civico generalizzato. Una checklist per gestirlo
2. Il processo di gestione delle istanze di accesso
2.1. L’ACG come procedimento
2.2. L’ACG come processo (il punto di vista del cittadino)
2.3. L’ACG come processo (il punto di vista della pubblica amministrazione)
2.4. Una checklist per gestire la discrezionalità
2.5. Come e quando usare la checklist
3. L’avvio del processo e la raccolta delle informazioni
3.1. Regole generali
3.2. Identità del richiedente
3.3. I dati o i documenti oggetto dell’istanza
3.4. Esclusioni
3.5. Limiti
3.6. I controinteressati
Parte III Testare le informazioni. Il bilanciamento tra pregiudizi e opportunità
4. I passi 8, 9 e 10 della checklist
5. Il test di pregiudizio: nozioni fondamentali
5.1. La valutazione del pregiudizio
5.1.1. Interessi antagonisti dell’ACG
5.1.2. Dati, documenti e informazioni
5.1.3. Informazioni “rosse” e informazioni “verdi”
5.1.4. Pregiudizio (definizione generale)
5.1.5. Concretezza di un pregiudizio
5.1.6. Pregiudizi temporanei
5.1.7. Informazioni rosse “invarianti”
5.2. Pregiudizi alla tutela dati personali (art. 5-bis, c. 2)
5.2.1. Tipologie di pregiudizio
5.2.2. Dati personali “invarianti”
5.3. Pregiudizi ad interessi pubblici (art. 5-bis, c. 1)
5.3.1. Tipologie di pregiudizio
5.3.2. Informazioni invarianti
5.4. Pregiudizi agli interessi economici e commerciali (art. 5-bis, c. 2)
5.4.1. Tipologie di pregiudizio
5.4.2. Informazioni invarianti
5.5. Pregiudizi alla libertà e segretezza della corrispondenza (art. 5-bis, c. 2)
5.5.1. Elementi costitutivi di una “corrispondenza”
5.5.2. Tipologie di pregiudizio
5.5.3. L’aspettativa di confidenzialità
5.5.4. Informazioni invarianti
5.6. Sintesi delle informazioni invarianti
6. Il test di pregiudizio: come eseguirlo
6.1. Step 1: identificazione delle informazioni rosse
6.2. Step 2: descrizione del pregiudizio
6.3. Step 3: concretezza del pregiudizio
6.4. Test di pregiudizio: conclusioni
7. Il test di interesse pubblico: nozioni fondamentali
7.1. Le false piste portano a dinieghi fallaci
7.2. La falsa pista di un diritto senza senso
7.3. La falsa pista della pertinenza
7.4. L’interesse diffuso alla conoscenza delle informazioni
7.4.1. I tre pilastri dell’interesse a conoscere
7.5. Informazioni che generano opportunità di “controllo diffuso”
7.5.1. Varianti in corso d’opera
7.5.2. IMU… che passione!
7.5.3. Morire in galera…
7.6. Informazioni e livelli di profondità della partecipazione e del controllo diffuso
7.6.1. Bricomerlino: il Comune più abusivo d’Italia
7.7. La variabile “contesto”
7.7.1. Il contesto: il primo errore da evitare si chiama “negare sempre” anche di fronte alle evidenze
7.7.2. Il contesto: il secondo errore da evitare si chiama voyeurismo
8. Il test di interesse pubblico: come eseguirlo
8.1. La logica del test di interesse pubblico
8.2. Step 1: identificazione delle informazioni
8.3. Step 2: identificazione delle opportunità
8.4. Step 3: concretezza delle opportunità
8.5. Test di interesse pubblico: conclusioni
9. Il calcolo dei rischi e delle opportunità
9.1. Criteri di bilanciamento
9.2. Bilanciamento di informazioni invarianti
9.3. Bilanciamento delle informazioni rosse e delle informazioni verdi (casi semplici)
9.4. Bilanciamento di gruppi di informazioni
9.5. Somma di informazioni
9.6. Bilanciamento di informazioni verdi e informazioni invarianti
9.7. Bilanciamento di informazioni rosse e informazioni invarianti
9.8. Bilanciamento di informazioni verdi e informazioni rosse
9.9. Interferenza tra le informazioni
10. La decisione finale
Parte IV Casi di studio
11. Esempi e casi pratici
Tutto molto bello… ma a cosa serve?
Caso n. 1 – I medici obiettori
Caso n. 2 – Vaccino civico generalizzato
Caso n. 3 – L’epopea del dottor Milibero (parte prima)
Caso n. 4 – L’epopea del dottor Milibero (parte seconda)
Caso n. 5 – Quei meravigliosi tubi in PVC
Caso n. 6 – La glasnost è di casa a Stalinopoli
Caso n. 7 – L’accesso ai ratti
Caso n. 8 – Le infami leggi razziali ed il coraggio di un Sindaco dimenticato!
Parte V Conclusioni provvisorie: quale futuro per la libertà di accesso?
12. Alle origini dell’accesso civico generalizzato
Introduzione: excursus storico
12.1. La figura di Anders Chydenius
12.2. Libertà di accesso vs diritto di accesso
13. La responsabilità di conoscere
13.1. Quale futuro per l’ACG?
13.2. I tre pilastri dell’ACG
13.3. La responsabilità di conoscere
ALLEGATI
1. Test di pregiudizio
2. Test di interesse pubblico
3. Bilanciamento

La trasparenza passa per dei buoni tubi in PVC

7aIl TAR Campania colpisce ancora. Dopo aver simbolicamente tirato un uppercut al Golia Garante della Privacy, il Tribunale Amministrativo campano torna a far parlare di se con una nuova sentenza.

Si tratta della sentenza n. N. 06028/2017 ed ha a che fare con dei tubi. Ebbene sì, il 22 marzo 2017 il Comune di Marigliano, in provincia di Napoli, aveva negato l’accesso civico generalizzato richiesto un mese prima dalla società Gemis s.r.l. volto “a visionare ed estrarre copia degli atti della Direzione dei lavori e/o del RUP, di estremi e data non conosciuta, da cui possa evincersi se l’appaltatore ha posto in opera i tubi offerti“.

Davanti al TAR Campania la Gemis s.r.l. ha impugnato il suddetto provvedimento di diniego. La Gemis aveva perduto la gara di appalto, a suo dire, perché la ditta vincitrice, la Giemme lavori s.r.l., aveva inserito nella propria offerta la posa di uno specifico tubo in PVC rigido denominato Alvehol, sempre a dire della società ricorrente, di difficile (se non impossibile) reperimento sul mercato. Per questo voleva vederci chiaro.

Questi bellissimi ed introvabili tubi sono stati realmente collocati laddove si sarebbero dovuti collocare?

Si badi bene, la Gemis non eccepisce la regolarità della gara (per questo sarebbe bastato un accesso documentale), ma vuole operare un controllo sull’attuazione dell’appalto. Ovviamente esprime un interesse diretto; indirettamente, però, una volta che l’informazione diviene “pubblica” attraverso l’accesso generalizzato, si dà l’opportunità a tutti di conoscere come sono state utilizzate le risorse pubbliche. Ciò che è stato “promesso” in sede di gara, è poi stato effettivamente realizzato? E questo ha senso nell’ottica dell’accesso civico generalizzato.

Se pensiamo, ad esempio, ai viadotti che crollano sulle nostre autostrade, sui tetti delle scuole che dovrebbero proteggere i nostri bambini, al di là dello specifico interesse commerciale dei concorrenti alle gare, esiste un evidente interesse pubblico a conoscere questo tipo di informazioni.

Nel caso specifico, inoltre, esisteva un interesse dell’amministrazione in chiave prevenzione della corruzione. Il Comune si è mostrato in questo caso assai reticente, mentre avrebbe avuto l’opportunità di rilevare una potenziale “anomalia“. 

Dunque, l’amministrazione, in prima battuta, nega l’accesso rilevando, tra l’altro, che “ogni impugnativa relativa alla gara va richiesta alla S.U.A. del Comune di Marigliano ovvero Provveditorato OOPP Campania, Molise e Puglia”.

Successivamente, il diniego viene impugnato avanti al T.A.R. che con la sentenza 5299/2016 respinge il ricorso evidenziando, tra l’altro, che l’istanza di accesso non poteva essere esaminata alla luce del nuovo istituto dell’accesso civico in quanto non ancora entrato in vigore al momento della presentazione della domanda.

Ed è così che a colpi di carte bollate, la Gemis decide di avanzare istanza di accesso civico generalizzato. Il Comune, che in teoria avrebbe dovuto avere il medesimo interesse a fare chiarezza su questi benedetti tubi, nega l’accesso.

Il TAR smonta una ad una le motivazioni con cui il Comune nega l’accesso. Ve le riportiamo perché rappresentano un utilissimo punto di riferimento per gestire future istanze di accesso.

Prima motivazione. Secondo il Comune, l’istanza sarebbe generica, non sarebbe chiaro il tipo di informazione richiesta e avrebbe una “latitudine abnorme, siccome astrattamente riferibile ad una pluralità indifferenziata di atti“.

Il TAR chiarisce. Sul punto è agevole replicare che l’informazione richiesta è assolutamente puntuale in quanto limitata a sapere se sono stati collocati i tubi in PVC della qualità promessa in sede di gara. Deve rammentarsi che l’accesso civico generalizzato ha ad oggetto non solo documenti ma anche “dati e informazioni”. E’ evidente che nella fattispecie non risulta complicato per l’amministrazione individuare la documentazione in suo possesso dalla quale possa evincersi l’informazione richiesta.

ESATTO!!! In realtà, è proprio il contrario di quanto afferma il Comune. Il problema è che a volte le amministrazioni non sanno dove andare a pescare i dati e le informazioni. Il problema è, anche, che la legge e successive Linee Guida, per “proteggere” le amministrazioni da un certo stalking istituzionale che purtroppo abbiamo constatato andando nei Comuni, hanno ampliato la discrezionalità delle amministrazioni nel valutare la “massività” delle istanze. Con il risultato che, se non si vuole dare accesso, è abbastanza facile, almeno in prima battuta, aggrapparsi alla “indeterminatezza” e alla “massività” della documentazione richiesta. 

Seconda motivazioneL’istanza della Gemis sarebbe ispirata da motivazioni diverse (quelle del concorrente che ha perso la gara) e, pertanto, non si conforma allo spirito dell’accesso civico generalizzato; inoltre, non vi sarebbero i presupposti di cui al d.lg. n. 163/2006 per concedere l’accesso agli atti avendo la ricorrente fatto acquiescenza agli esiti della gara.

Il TAR chiarisce. In primo luogo, deve osservarsi che l’istanza non è stata formulata ai sensi della normativa sugli appalti che qui non viene in rilievo.

In secondo luogo, va rilevato che l’accesso civico ha “lo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico..”. Sotto tale profilo la richiesta di verificare l’effettiva posa in opera dei tubi promessi dalla controinteressata rientra pienamente nella finalità voluta dalla legge di consentire un controllo sull’uso delle risorse pubbliche.

Ritiene, inoltre, il Collegio che l’indagine sulle “reali motivazioni” del richiedente l’accesso civico generalizzato esuli dai compiti attribuiti al Comune che deve limitarsi a verificare che non ricorrano casi di esclusione previsti dalla legge.

ESATTO!!! Il Comune “sìndaca” le motivazioni dell’accesso. Questo è un “atteggiamento” da 241/90, ma non c’entra nulla con l’accesso civico generalizzato.  E’ un atteggiamento tipico, facilmente rilevabile in molti dinieghi fin qui operati dalle amministrazioni. E’ vero che le motivazioni della società richiedente hanno a che fare con l’essere risultata soccombente in sede di gara. Ma quando si effettua il controbilanciamento degli interessi, non si valuta la motivazione del richiedente, bensì l’interesse della collettività a conoscere che, in questo caso, esiste ed è anche “rilevante” e “attuale” (cfr. il test di interesse pubblico nell’accesso divico generalizzato).

Questo atteggiamento viene stigmatizzato dal TAR anche in riferimento alla terza e quarta motivazione. Ma, proprio nell’ottica del “test” di cui sopra, è cruciale capire se l’apertura di quel dato può produrre un pregiudizio concreto per il controinteressato (la società Giemme lavori s.r.l.). Per operare il controbilanciamento, infatti, dobbiamo mettere sull’altro piatto della bilancia un potenziale danno agli interessi privati. In questo caso non si tratta della tutela dei dati personali, ma della tutela degli interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica.

Quinta motivazione (per noi la più importante). Si farebbe riferimento alla prevalenza sul diritto di accesso dell’interesse della controinteressata a mantenere riservati i propri canali di approvvigionamento e le relative condizioni; sul punto la controinteressata (la società Giemme lavori s.r.l., ndr) invoca la lettera c) del comma 2 dell’art. 5 bis del d.lg. n. 33/2013 a mente del quale l’accesso civico è rifiutato “se il diniego è necessario per evitare un pregiudizio concreto alla tutela di uno dei seguenti interessi privati…c) gli interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica, ivi compresi la proprietà intellettuale, il diritto d’autore e i segreti commerciali”.

Il TAR chiarisce. La domanda di accesso della ricorrente è unicamente volta a sapere se siano stati posti in opera i tubi (le cui qualità sono state descritte nella gara e, dunque, note) promessi con l’offerta; in questo senso, l’amministrazione dovrà consentire l’accesso solo al documento nel quale è contenuta tale informazione (senza disvelare “i canali di approvvigionamento e le relative condizioni” che l’impresa aggiudicataria è riuscita a ottenere e ciò in assoluta coerenza con le statuizioni di questo Tribunale).

Si rammenta in proposito che l’accesso civico generalizzato (a differenza dell’accesso ordinario) ha ad oggetto non solo documenti ma anche meri “dati e informazioni”. Entro questi limiti (e il Comune dovrà eventualmente oscurare gli atti dai quali possano evincersi le particolari modalità di approvvigionamento dei tubi e le condizioni economiche ottenute dalla controinteressata) non si ravvisa alcun confliggente interesse economico e commerciale che possa subire un pregiudizio dalla conoscenza dell’informazione in questione. E’, infatti, come detto già noto il tipo di tubi (in PVC rigido denominati Alvehol prodotti dalla Sirci di diametro mm. 800 e mm. 1.200 con rigidezza anulare SN 16) che l’impresa ha garantito in sede di gara di utilizzare, pertanto, non si comprende a quale segreto tecnico e know how riservato faccia riferimento la controinteressata essendo l’informazione richiesta unicamente tesa a verificare l’effettiva posa in opera degli stessi (in linea con la finalità dell’accesso civico generalizzato che consente un controllo diffuso sull’operato della p.a.).

In altri termini, non si ravvisa dalla divulgazione dell’informazione in questione un pregiudizio concreto agli interessi della Giemme.

Ed è qui che il TAR Campania ripropone un ragionamento analogo a quello utilizzato per la precedente sentenza che abbiamo commentato.

Insomma, per noi che ci occupiamo di trasparenza e libertà di accesso da tanto tempo, sembrano eccezioni scontate, ma evidentemente, un po’ per inconsapevolezza, un po’ per un atteggiamento consolidatosi nel tempo e nell’applicazione dell’accesso documentale, un po’ perché la legge ha sovrapposto l’accesso civico generalizzato all’accesso documentale sotto il profilo del procedimento, nonostante i due istituti siano profondamente diversi, le amministrazioni faticano ad adeguarsi.

E complimenti ai giudici del TAR Campania che, in solitudine, promuovono una corretta interpretazione dello “spirito” dell’accesso. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: