@spazioetico

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

Archivi delle etichette: dilemmi

450.000 nuovi assunti nella PA: al via la prova selettiva sui comportamenti organizzativi

6A

Lo ammettiamo, il titolo è INGANNEVOLE.

Almeno parzialmente. Perché se è vero che l’ennesimo annuncio di questo governo riguarda una prossima cospicua ondata di assunzioni nella PA, la seconda parte è una nostra invenzione. oppure un auspicio, dipende dai punti di vista.

I giornali titolano a quattro colonne: “Nella PA 450mila nuove assunzioni”. Bene. Ottimo, anzi, sempre più spesso notiamo nei nostri incontri di formazione un auditorio che ambirebbe ad indossare le fatidiche pantofole del pensionato, piuttosto che una balda gioventù proiettata alla risoluzione dei problemi dei cittadini. Perciò l’annuncio, se si trasformasse in realtà, ci troverebbe d’accordo.

Ma ci piacerebbe discutere su come saranno effettuate le selezioni. Ovviamente ci sono delle regole assai stringenti sull’assunzione di pubblici dipendenti. E’ arcinoto ai lettori di @spazioetico che: “L’accesso al pubblico impiego è regolato dall’articolo 97 della Costituzione, il quale stabilisce che nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge” (fonte: Funzione Pubblica). E poi, “tale principio viene ribadito nel decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165 ed, in particolare, nell’articolo 35, ove è previsto che l’assunzione nelle amministrazioni pubbliche avviene con contratto individuale di lavoro: a) tramite procedure selettive volte all’accertamento della professionalità richiesta, che garantiscano in misura adeguata l’accesso dall’esterno…”.

Questa regola è assai interessante perché introduce il concetto di “professionalità“. Ovviamente molti autorevoli studiosi si sono cimentati nell’individuare competenze, conoscenze (ora si direbbe “skills“), che soddisfino tale principio. Anche il neo-ministro ha parlato di neo-assunzioni che saranno effettuate dando priorità alle competenze digitali (e-skills).

La nostra proposta è provocatoria, ma allo stesso tempo, praticabilissima. Perché non dare priorità, accanto alle competenze digitali, anche alle competenze organizzative?

Ci spieghiamo meglio: un neo-assunto entra in contatto con un contesto organizzativo piuttosto complesso, in cui il rischio corruttivo o di semplice mala-gestio deriva da una serie di fattori (fattori di rischio) che occorre certamente conoscere. Inoltre, saper correttamente categorizzare i propri comportamenti ed i comportamenti altrui faciliterebbe il proprio lavoro e fornirebbe un’arma concreta per la prevenzione della corruzione. Non esiste, a nostro avviso, niente di più efficace, in termini di prevenzione della corruzione, di un funzionario consapevole, (l’onestà, infatti, è un prerequisito che non si può facilmente individuare in una selezione pubblica).

Come fare? Ad esempio, si potrebbe inserire nel processo di selezione una prova sui cosiddetti “comportamenti organizzativi“. Ma voi potreste obiettare che è sufficiente inserire domande sulle regole contenute nel codice di comportamento. A nostro avviso, invece, sarebbe più utile valutare attraverso la somministrazione di “scenari” di vita professionale pubblica, in cui inserire fattori di rischio (ad esempio l’interferenza delle componenti politiche o amministrative), dinamiche tra interessi primari e secondari, asimmetrie informative e relazionali e, infine, qualche trabocchetto legato ai famigerati “bias cognitivi” per verificare la capacità del futuro funzionario di categorizzare esattamente un comportamento e fornire una risposta adeguata in termini di etica pubblica. A tale scopo si potrebbero utilizzare dilemmi etici (che noi utilizziamo in sede di formazione).   

E’ vero, forse stiamo sognando. Ma non sarebbe davvero una cattiva idea. Pensateci su.

Il modello @spazioetico di riferimento per la formazione in sanità

Rossiwatching.jpg

Questo è un post autocelebrativo, vi avvertiamo!

Un importante riconoscimento all’impegno di @spazioetico per la formazione in materia di prevenzione della corruzione arriva dal Policy paper del progetto Curiamo la corruzione dal titolo “Indicazioni orientative ai fini dell’elaborazione e attuazione di politiche pubbliche e pubblico-private per contrastare in modo efficace e realistico i fenomeni e i rischi di corruzione nel sistema sanitario nazionale italiano“.

ISPE Sanità, uno dei partner con cui collaboriamo da due anni a questa parte e che ha la responsabilità delle attività di formazione per il progetto Curiamo la corruzione, ci ha chiesto di applicare il modello @spazioetico in maniera sperimentale nelle 5 ASL pilota del progetto (ASL di Bari, APSS di Trento, ASST di Melegnano – Martesana, ASP di Siracusa, USL Toscana Sud-Est) e in due Regioni (Lazio e Basilicata).

I risultati sono stati davvero soddisfacenti, se nel documento leggiamo le seguenti valutazioni: “È soprattutto sul versante della formazione e della sensibilizzazione del personale che si sono ottenuti risultati molto apprezzati dagli stessi partecipanti. Nell’ambito del progetto è stato predisposto un Piano d’azione formativo a lungo raggio basato su un approccio partecipativo, che mira a rendere più efficace l’introspezione delle regole di condotta e a potenziare al tempo stesso le competenze del personale, dirigenziale e non“… “Nel complesso, i moduli formativi hanno coinvolto 825 partecipanti, tra i quali 300 dirigenti. Va rilevato per inciso, che è proprio la formazione su etica e legalità ad essere ritenuta dal 51,9% dei responsabili della corruzione intervistati nella rilevazione nazionale una delle misure più efficaci per contrastare la corruzione“.

Il documento rappresenta un invito a ripensare, in un certo senso, l’impianto della prevenzione della corruzione in sanità, al fine di renderlo più sostenibile e meno formalistico.

In alcuni passaggi riecheggiano parole e concetti che @spazioetico promuove da almeno cinque anni a questa parte nelle sue attività di formazione e comunicazione. 

Si legge nel rapporto: “Stante l’obbligo per i dipendenti pubblici di conoscere le leggi che riguardano l’amministrazione pubblica e, in particolare, le fattispecie di reato che impattano nel loro ambito, uno strumento di preciso orientamento  operativo è dato dal Codice di Comportamento dei Dipendenti Pubblici che, non rappresentando  uno strumento di sorveglianza, può contribuire a rendere comprensibili e, in qualche modo, modo, riproducibili i comportamenti virtuosi ispirati all’etica delle scelte pubbliche  e le buone prassi,  guidare il decisore pubblico a compiere le sue scelte nell’interesse collettivo e supportarlo nell’adempiere il proprio operato in coerenza con i principi etici.
Quello che il Codice non dice, e nessun nessun codice mai potrà spiegare, è il processo di generazione delle decisioni del dipendente pubblico, in quanto tale processo riguarda  in buona parte il foro interiore  delle persone. Proprio allo scopo di promuovere una cultura delle buone prassi, ai dipendenti delle Asl e, più in generale, ai portatori di interesse della sanità pubblica, andrebbero presentati gli strumenti per valutare la compatibilità tra etica individuale ed etica pubblica: per esempio  che cosa significa, in concreto, “equidistanza dagli interessi“,, “tracciabilità del processo decisionale” o “esemplarità.

Insomma vi avevamo avvertiti! Il rischio di autocompiacersi è forte, ma tant’è…

Infine, sul piano della formazione il documento raccomanda: “Le azioni da programmare in questo ambito sono l’introduzione di interventi formativi che propongano la lettura e il commento di casi di studio con i dirigenti Asl e i dirigenti dell’industria e degli altri soggetti privati coinvolti, che insieme potranno esercitarsi sui dilemmi etici posti a vari livelli di interazione tra sanità pubblica e fornitori e gestori privati“.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: