SPAZIOETICO ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

Archivi delle etichette: codice

@spazioetico. Una scuola di etica e di integrità

Spazioetico promuove la costituzione di una scuola di etica e di integrità per il settore pubblico e privato e per le scuole.

Il modello è stato creato per realizzare iniziative formative e consulenziali volte al miglioramento della vita lavorativa e delle condizioni degli esseri umani all’interno delle organizzazioni, con particolare riferimento al rafforzamento e manutenzione dello spazio etico di professionisti, dipendenti del settore pubblico e privato, dei bambini e degli insegnanti delle scuole ecc..

Il modello è adattabile a diversi campi di applicazione che spaziano dal settore pubblico (pubbliche amministrazioni, scuole, ecc.), al settore privato (aziende multinazionali, piccole e medie imprese, cooperative, ecc.), al privato sociale (servizi sociali, comunità terapeutiche, ma anche settori giovanili di associazioni sportive, ecc.), alle scuole e a settori che si identificano per la particolare tipologia di utenza (giovani, bambini/e, anziani, soggetti a rischio di esclusione sociale, ecc.).

La didattica, prevalentemente proposta con modalità residenziale ma non solo, propone una metodologia socio-costruttivista in quanto tiene in considerazione il punto di vista di chi osserva, di chi esamina, considera il sapere come qualcosa che non può essere ricevuto in modo passivo (come affezione del mondo esterno) da un soggetto, ma che emerge dalla relazione fra un soggetto attivo e la realtà.

Il modello

Gli psicologi sociali concordano sul fatto che gli atteggiamenti e le azioni si alimentano a vicenda.

Con il termine atteggiamento si indica la disposizione di ogni persona di produrre risposte emotive, sentimentali, comportamentali, determinate dall’ambiente familiare, sociale o lavorativo, riguardo a situazioni, gruppi o oggetti. Gli atteggiamenti rappresentano uno dei costrutti di maggior interesse per la psicologia sociale sin dalle sue origini. È possibile definire l’atteggiamento come una tendenza psicologica che viene espressa valutando una particolare entità con un determinato grado di favore o sfavore. Con il termine tendenza psicologica si mette in evidenza il fatto che gli atteggiamenti rappresentano un aspetto non stabile nel tempo che influisce sul comportamento coinvolgendo spesso le relazioni interpersonali, le particolari scelte di vita o il modo di essere. Inoltre esso si basa sempre su una valutazione dichiarata ad uno specifico oggetto. L’atteggiamento esprime ciò che ogni persona è disposta a fare: si può esprimere sia in termini verbali che comportamentali, in modo transitorio o permanente.

Anche la saggezza popolare sottolinea l’impatto degli atteggiamenti sui comportamenti. Sorprendentemente, gli atteggiamenti sono spesso scarsi predittori di azioni. Inoltre, cambiare gli atteggiamenti delle persone non riesce in genere a produrre molti cambiamenti nel comportamento. Quindi c’è un collegamento tra ciò che pensiamo e sentiamo e ciò che facciamo, ma in molte situazioni la connessione è più debole di quanto pensiamo Perché? Sembra che la risposta risieda nel fatto che i nostri comportamenti siano soggetti a molte influenze che rendono meno operativi gli atteggiamenti. I nostri atteggiamenti possono pertanto predire il nostro comportamento se questi “altri fattori” sono ridotti al minimo e se l’atteggiamento è potente a causa del fatto che noi crediamo profondamente che sia un comportamento giusto.

Pertanto, per comprendere il comportamento e gli atteggiamenti, e la loro relazione, si ha realmente bisogno di una più profonda comprensione dei valori (etica); cioè, qualunque sia il rapporto tra i comportamenti e gli atteggiamenti, forse entrambi sono guidati (o in qualche modo sostenuti) da una posizione etica che è più o meno potente e influenzante a seconda della manutenzione dello “spazio etico” dell’individuo.

La definizione di “spazio etico“, introdotta da Lord Moulton attraverso la celebre parafrasi del “comportamento non esigibile per legge” coglie uno degli aspetti più interessanti della fragilità delle organizzazioni pubbliche e private. L’organizzazione funziona un po’ come una forte struttura che regola, attraverso precise prassi e norme di comportamento, la vita di soggetti che provengono da situazioni molto diverse. Al di fuori di un rigido controllo, tuttavia, cosa avviene? Come prendono effettivamente le decisioni i nostri collaboratori? Che grado di autonomia esprimono nel loro processo decisionale? Come risolvono i dilemmi etici a cui sono chiamati a rispondere nella quotidianità e nella complessità del loro lavoro?

In effetti, di fronte ai cosiddetti “dilemmi etici” (un dilemma etico può essere descritto come una decisione che richiede una scelta tra principi concorrenti, spesso in contesti complessi e con elevata carica di responsabilità) la struttura viene meno, così come vengono meno le gabbie comportamentali costituite dalle relazioni tra pari e con la leadership.

Ed ecco che entra in gioco il “comportamento non esigibile per legge”, cioè, lo spazio etico. Se questa dimensione non è stata presidiata, se lo spazio etico non è stato alimentato (ad esempio attraverso la riattivazione di un pensiero forte ed una posizione etica anche sulle piccole scelte operate quotidianamente) il dipendente rischia di non saper affrontare la complessità della scelta. La conquista di un proprio spazio etico, pertanto, è parallela alla conquista dell’autonomia.

Un modello organizzativo dovrebbe, pertanto, promuovere un “approccio olistico”, nel senso di guidare e orientare i propri dipendenti sia alla costruzione di solide protezioni comportamentali (gabbie normative e strutture fisiche), sia allo sviluppo di “capacità decisionale etica” (il rafforzamento del cosiddetto “spazio etico”). In questo consiste la “doppia chiave”: rafforzare i comportamenti da un lato e potenziare lo spazio etico dall’altro lato per fare la cosa giusta ed essere convinti che sia stia facendo la cosa giusta.

Dunque, una moderna e corretta strategia di promozione dell’autonomia decisionale combina:

  • un Approccio basato sulle regole. Promuovere l’autonomia decisionale attraverso i cosiddetti “controlli esterni” sul comportamento dei dipendenti. Predilige regole e procedure formali e dettagliate come mezzo per ridurre le violazioni della sobrietà e prevenire ricadute (ad es., standard comportamentali e regole, risk management, codice di condotta individuale e di gruppo, ecc.) Parola chiave: CONFORMITA’

con

  • un Approccio basato sui valori. Promuovere l’autonomia decisionale attraverso i cosiddetti “controlli interni”, cioè il controllo esercitato dai dipendenti su se stessi. Questo approccio mira a stimolare la comprensione e l’applicazione quotidiana di valori etici e per migliorare le competenze decisionali e sviluppare autonomia attraverso sessioni formative interattive, gruppi, consulenza individuale, ecc. Parola chiave: COMPRENSIONE

L’offerta formativa con riferimento al modello di intervento

  • La costruzione di una “leadership etica”

Il concetto di leadership etica sta assumendo un valore sempre più importante. Spesso si pensa che per avere una leadership etica è sufficiente selezionare e mettere alla guida di una organizzazione o di un gruppo delle persone integre.

Tratti distintivi di una persona integra (o persona virtuosa o impegnata) quali, ad esempio, l’integrità, l’onestà, l’affidabilità, sono di certo requisiti di base per poter gestire una relazione lavorativa.

Per essere un “leader etico”, tuttavia, occorre qualcosa di più. Una delle caratteristiche principali di una leadership etica è il cosiddetto “role modelling“, espressione della cultura anglosassone che può essere tradotta con “essere di esempio attraverso azioni visibili”. Oltre a ciò un leader etico deve saper spiegare le ragioni delle proprie scelte, cioè, saper illustrare il sistema di valori che ha determinato una data soluzione invece che un’altra. Per avere una leadership etica, dunque, non basta essere delle persone integre, occorre che il leader venga percepito come “riferimento etico”.

La leadership etica si compone, pertanto, di una serie di comportamenti:

  • la responsabilità di fissare le regole, di farle conoscere agli dipendenti e di integrarle laddove possibile.
  • una condotta in linea con le regole fissate attraverso azioni individuali e relazioni interpersonali,
  • la promozione di tale condotta presso i dipendenti attraverso una comunicazione bi-direzionale volta a far emergere eventuali dilemmi etici,
  • l’utilizzo responsabile di rinforzi positivi e negativi,
  • il costante riferimento alle implicazioni derivanti dai processi decisionali.

Specifiche attività formative devono mirare alla costruzione e la manutenzione delle leadership etiche delle organizzazioni che vorranno sperimentare tale approccio. Nei percorsi formativi che vengono attivati sulla leadership etica si presta particolare attenzione a questioni come:

  • Che influenza ha la leadership nel verificarsi di violazioni delle regole (condotte non etiche) presso il personale?
  • Quali sono le caratteristiche di una “leadership etica”?
  • Come e a che livello una leadership etica è in grado di influenzare l’integrità di un’organizzazione e l’integrità dei suoi dipendenti?
  • Come e a quali condizioni una leadership etica è in grado di diminuire la frequenza di violazioni dell’integrità all’interno di un’organizzazione?
  • La formazione sulle regole di comportamento

La chiarezza riguardo alle aspettative che un’organizzazione ha nei confronti dei comportamenti del personale è un elemento cruciale per la promozione dell’autonomia del personale.

La chiarezza ha a che fare con norme, regolamenti, politiche dell’organizzazione e di norma, tali regole si consolidano in uno o più documenti (Codice di Comportamento/Codice Etico) oppure in procedure (policy, protocolli, regolamenti, ecc.).

Sembrerebbe naturale ritenere che la chiarezza delle regole sia un fatto di per se acquisito dal personale che, attraverso la semplice lettura delle disposizioni contenute nel Codice Etico (o Codice di Comportamento), possono orientare il loro comportamento e prendere le decisioni giuste al momento giusto.

Non è proprio così che stanno le cose, nel senso che per fare chiarezza sulle regole non basta codificarle. Proprio come per un’organizzazione è cruciale il meccanismo della “riqualificazione” costante, così è cruciale il lavoro di costante rafforzamento dello “spazio etico” del personale.

A questo proposito, le iniziative formative debbono coinvolgere tutto il personale ed i collaboratori a vario titolo di un’organizzazione. Queste iniziative formative debbono riguardare, tra le altre cose, il contenuto del Codice di comportamento (e del Codice Etico) e si basano prevalentemente sull’esame di casi concreti. Sono previsti appositi focus group guidati da un supervisore, nell’ambito dei quali vengono esaminate ed affrontate problematiche di etica calate nel contesto organizzativo al fine di far emergere il principio comportamentale eticamente adeguato nelle diverse situazioni.

Suggeriamo di seguito alcuni esempi di moduli sperimentali:

  • “l’analisi e la gestione dei dilemmi etici“. Questo modulo viene realizzato fornendo ai corsisti, in aula, una situazione di vita lavorativa quotidiana più o meno complessa su cui i corsisti stessi (individualmente o in gruppo) devono indicare le varie opzioni comportamentali e valoriali, così come le implicazioni di carattere disciplinare, le implicazioni che si scaricano sull’organizzazione e sull’individuo. Tecnicamente l’approccio si chiama “Real-life scenario training“;

Questo tipo di formazione può essere utilizzata per la “determinazione” (a posteriori) delle regole di comportamento. Se concepita come laboratorio aperto, con metodologie socio-costruttiviste (cioè dove la conoscenza si forma attraverso il contributo dei partecipanti piuttosto che dal docente), è l’attività giusta per ragionare insieme almeno agli attori interni su quali regole servano veramente per quella specifica organizzazione (azineda, ma anche scuola, pubblica amministrazione, ecc.) a valle di un processo di codificazione già avvenuto, ma ancora aperto.

Per questo i codici di comportamento non dovrebbero essere “chiusi” (non lo dovrebbero essere mai in nessun caso). La virtù di un’organizzazione risiede, infatti, nella sua capacità di mettere in discussione le regole e, per il personale, di poter affrontare con il dovuto supporto la gestione dei dilemmi etici che quotidianamente si trova a fronteggiare.

ESEMPIO

L’Istituto Tecnico A. Volta ha una politica molto rigorosa in materia di droga, fino a prevedere l’immediata esclusione degli studenti che vengono trovati in possesso di sostanze all interno dell istituto.

Gli insegnanti e i genitori sono molto favorevole alla politica e due studenti sono già stati esclusi quest’anno. Kevin, un studente di 15 anni, è stato scoperto con una piccola quantità di marijuana appena un mese prima della fine della scuola.

Kevin non è sempre stato uno studente facile per la scuola, anche se l’anno precedente aveva lavorato sodo, non aveva avuto problemi con gli insegnanti e sembrava in grado di raggiungere il suo obiettivo che è quello di diventare un elettricista.

Il preside, sa che Kevin lavora anche part-time per aiutare la madre malata e il fratello minore che frequenta anche lui la scuola.

L’esclusione per Kevin significherebbe perdere l anno e potenzialmente perdere il lavoro part-time se il suo datore di lavoro venisse a scoprire i motivi dell allontanamento.

Il preside deve decidere.

Come gestire queste situazioni? Una leadership etica non è una leadership che conosce la riposta esatta ad un dilemma che, proprio per il fatto che è un “dilemma etico”, non ha soluzioni completamente giuste o completamente sbagliate. Piuttosto una leadership etica si interroga sulle implicazioni della scelta, apre la sua riflessione alla discussione all’interno dello staff, e poi decide in piena responsabilità sapendo che ci sarà comunque un prezzo per la scelta operata.

Le implicazioni della scelta. infatti, ricadono su tre livelli: quello individuale dell’utente, quello dell’organizzazione e quello dei cosiddetti “stakeholder esterni” (cioè le famiglie, il contesto sociale di appartenenza, ecc.). Se il responsabile sceglie di non allontanare il ragazzo, le implicazioni si scaricherebbero ad un livello organizzativo e degli stakeholder esterni, facendo perdere di autorevolezza l’intera struttura di leadership che, evidentemente, non riesce a far valere una regola adottata. Se il Preside sceglie di allontanare il ragazzo, le implicazioni si scaricherebbero a livello individuale sull’utente, ecc.

La Scuola di Etica e Integrità intende costruire una metodologia di formazione basata sui cosiddetti “real-life scenario“, cioè su scenari reali, rilevanti, dove è richiesta una competenza non solo professionale ma anche e soprattutto etica.

La Scuola di Etica e Integrità, pertanto, interpreta la formazione come l’arte della manutenzione dello spazio etico del personale che si trova ad affrontare situazioni per le quali le regole non sono sufficienti a fondare una decisione.

La Scuola di Etica e Integrità per il settore pubblico

La perdita di autonomia è un fenomeno dilagante e che a vari livelli coinvolge tutti i settori e gli ambiti professionali nei quali siamo inseriti.

La capacità di prendere decisioni etiche in piena autonomia, in particolare, è stato in questi anni un problema reale per il nostro Paese, sia a livello politico che amministrativo. L’etica, in questo caso, ha a che fare con la tutela dell’interesse pubblico al quale i dipendenti pubblici dovrebbero essere totalmente orientati nel momento in cui compiono una scelta.

Gli inglesi chiamano “civil servant” il funzionario che si “mette al servizio” dell’interesse pubblico proprio per enfatizzare questo particolare rapporto di agenzia.

Al di là della cura dell’interesse pubblico, ci sono altri fenomeni che stanno profondamente intaccando la tenuta etica dei nostri amministratori. Si tratta del fenomeno dell’ipertrofismo legislativo, cioè, della proliferazione di leggi, norme, regolamenti, codici, che sta determinando un fenomeno di “corsa all’adeguamento” e che produce nuove forme di nevrosi quali, ad esempio, l’ipengiofobìa, cioè la paura di assumersi responsabilità o la nomodipendenza, cioè la dipendenza dalle leggi. Entrambi i fenomeni nascondono un profondo disagio. Abbiamo precedentemente visto come le regole producono certezze, ma troppe regole, invece, producono incertezze, nel senso che, quando ci sono troppe regole le persone cominciano ad aver paura di infrangerle. Le persone cominciano ad essere ossessionate dall’ottemperanza (adeguamento) alle regole che diventano, di fatto, l‘unico obiettivo. Le pratiche sono svolte seguendo tutte le procedure e questa è l‘unica cosa che conta. In poche parole, le persone smettono di pensare. In altri casi, proprio come succede ai ragazzi delle nostre comunità, quando ci sono troppe regole le persone cominciano a non poterne fare a meno. Le regole vengono percepite come un modo per aumentare la performance dell‘amministrazione (proprio come una droga). Le persone cominciano a richiedere ancora più regole perché l‘assenza di regole le fa sentire inadeguate. Anche in questo caso, purtroppo, le persone smettono di pensare.

Mai come in questa fase, pertanto, accanto alla predisposizione di norme, regole, procedure, policy, regolamenti, ecc., occorre rafforzare il cosiddetto “spazio etico” del dipendente pubblico e ottenere una piena comprensione e condivisione delle regole e dei valori che costituiscono le fondamenta etiche dei comportamenti.

Con la scadenza del 31 gennaio 2014 e poi nel 2015 tutte le amministrazioni pubbliche italiane hanno dato il via ad un’azione di prevenzione della corruzione per molti versi carica di aspettative e di questioni ancora tutt’altro che definite, in attuazione della legge 6 novembre 2012, n. 190, “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione“. Le strategie si sono consolidate nei Piani Triennali di Prevenzione della Corruzione, documenti di programmazione contenenti varie misure obbligatorie che, nello spirito del legislatore, dovrebbero raggiungere obiettivi a breve e a medio-lungo periodo di riduzione del fenomeno della corruzione e di promozione della cultura dell’integrità all’interno del settore pubblico.

Dei tre obiettivi strategici posti dal Piano Nazionale Anticorruzione (il Piano predisposto dal governo centrale che pone gli obiettivi della strategia nazionale), il terzo “creare un contesto sfavorevole alla corruzione” è di certo quello più sfidante. Un obiettivo di medio-lungo periodo che impone un investimento in cultura organizzativa, ma soprattutto in una diversa “qualità etica” dell’amministrazione. Per “qualità etica” intendiamo l’insieme delle condizioni necessarie per il raggiungimento di un clima etico all’interno dell’amministrazione, che riflettono la capacità dell’amministrazione stessa di stimolare la condotta etica dei dipendenti pubblici.

Inoltre, recentemente i dipendenti pubblici sono stati chiamati ad osservare le disposizione di un nuovo Codice di Comportamento secondo quanto disposto dal d.P.R. n. 62 del 2013.

La necessità di rafforzare lo “spazio etico” dei dipendenti pubblici, pertanto, è ormai una pratica consolidata a livello internazionale e si costruisce e si realizza attraverso la cosiddetta “formazione valoriale” (o “formazione all’etica, alla legalità, all’integrità”).

Il Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.), alla sezione 3.1.12., propone anche per l’Italia l’attivazione di questa pratica attraverso una specifica misura obbligatoria “FORMAZIONE”, che deve essere inserita nel Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (P.T.P.C.).

In virtù di tale disposizione, le amministrazioni dovranno attivare percorsi formativi su due livelli:

  • livello specifico, rivolto al responsabile della prevenzione, ai referenti, ai componenti degli organismi di controllo, ai dirigenti e funzionari addetti alle aree a rischio;
  • livello generale, rivolto a tutti i dipendenti: riguarda l’aggiornamento delle competenze (approccio contenutistico) e le tematiche dell’etica e della legalità (approccio valoriale).

In particolare, il Piano Nazionale Anticorruzione, a proposito di formazione generale con approccio valoriale, riporta: “Le amministrazioni debbono avviare apposite iniziative formative sui temi dell’etica e della legalità: tali iniziative debbono coinvolgere tutti i dipendenti ed i collaboratori a vario titolo dell’amministrazione, debbono riguardare il contenuto dei Codici di comportamento e il Codice disciplinare e devono basarsi prevalentemente sull’esame di casi concreti; deve essere prevista l’organizzazione di appositi focus group, composti da un numero ristretto di dipendenti e guidati da un animatore, nell’ambito dei quali vengono esaminate ed affrontate problematiche di etica calate nel contesto dell’amministrazione al fine di far emergere il principio comportamentale eticamente adeguato nelle diverse situazioni“.

La lettura di queste disposizioni normative ci porta a considerare la cosiddetta “formazione valoriale” come uno strumento di recupero di efficienza ed efficacia, nonché di credibilità complessiva, del settore pubblico in Italia. Il modello contiene tutti gli elementi che, attraverso la formazione valoriale, potranno essere trasferiti ai dipendenti pubblici in questa nuova prospettiva. Per questo crediamo che una naturale evoluzione della Scuola sia proprio nello sviluppo di contenuti e modelli formativi per il settore pubblico che necessità (forse anche più di qualsiasi altro settore) di metodologie innovative in materia di formazione.

La Scuola di Etica e Integrità per il settore privato

Il D. Lgs. 231 dell’8 giugno 2001, introduce nell’ordinamento italiano, a carico delle società (persone giuridiche), un regime di responsabilità penale per alcuni reati commessi o tentati da amministratori, dipendenti e soggetti sottoposti alla direzione o vigilanza delle società, nell’interesse o a vantaggio delle stesse; tale responsabilità si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto.

La responsabilità delle società viene esclusa se sono stati adottati ed efficacemente attuati, prima della commissione di reati, modelli di organizzazione, gestione e controllo (“Modelli di Compliance“, che si traduce con “conformità”) idonei a prevenire i reati stessi.

I Modelli, di norma, contengono il Codice di Comportamento e l’insieme di principi e misure volte prevenire la commissione dei reati previsti dal Decreto, è inoltre previsto un sistema disciplinare, articolato in funzione delle diverse tipologie di destinatari del Modello volto a sanzionare il mancato rispetto di quanto previsto dal Modello stesso.

Dotarsi di un modello di compliance per un’azienda significa, in qualche modo, poter dimostrare l’impegno che l’azienda sta producendo per ridurre i casi di comportamenti non etici e per rinforzare una cultura di etica, integrità e cura nei confronti di tutti i dipendenti. Di norma si stabiliscono anche delle linee guida per le responsabilità di compliance nella leadership e si forniscono le procedure per correggere una condotta sbagliata.

In molte delle linee guida delle maggiori organizzazioni imprenditoriali e multinazionali si leggono considerazioni tipo: “…Occorre promuovere un ambiente aperto in cui i dipendenti si sentano a proprio agio anche a sollevare questioni con il proprio superiore, Occorre prendere seriamente qualunque preoccupazione sollevata in buona fede – ove opportuno, riferire al responsabile per ottenere un consiglio, così anche da assicurare tracciabilità del processo, laddove possibile, i casi di whistleblowing (segnalazioni di condotte non etiche) saranno gestiti localmente. Il management assicurerà che il processo si svolga in maniera equa e precisa non si verifichino eventi di “rappresaglia” all’interno della unità organizzativa, ecc.“.

Le stesse considerazioni che sono state fatte per il settore pubblico possono essere riproposte anche per il settore privato con la sostanziale differenza che, mentre per il settore pubblico la guida è la tutela dell’interesse pubblico, per quanto concerne il settore privato tutte le iniziative di promozione di una cultura etica all’interno dell’organizzazione sono focalizzate alla tutela degli interessi dell’azienda e, in particolar modo, alla reputazione e alla prevenzione del cosiddetto “danno all’immagine”.

Ad esempio, il punto di vista della VimpelCom (uno dei leader mondiali nelle telecomunicazioni) è ben sintetizzato in questa affermazione: “Uno dei beni più preziosi che possediamo come società, o come singoli individui, è la nostra reputazione. Servono anni per costruire una buona reputazione, ma basta una sola azione disonesta o non etica a distruggerla. Non c’è posto per comportamenti illegali o non etici nel Gruppo VimpelCom, semplicemente non li tolleriamo” (VimpelCom Ltd.).

Anche per il settore privato la Scuola può rappresentare un punto di riferimento per lo sviluppo dello spazio etico dei propri dipendenti/collaboratori.

La Scuola di Etica e Integrità per le scuole

La definizione di “spazio etico”, introdotta da Lord Moulton attraverso la celebre parafrasi del “comportamento non esigibile per legge” coglie anche uno degli aspetti più interessanti della fragilità del rapporto tra agenzie educative e vita quotidiana dei nostri bambini/e.

La scuola, ad esempio, funziona come una forte struttura che regola, attraverso precise prassi e norme di comportamento, la vita dei bambini/e che provengono da situazioni molto diverse tra loro. Ed in effetti funziona, laddove si verifica un “adeguamento alla regola”. Ma fuori dalla scuola, nel difficile percorso verso l’autonomia, tutto cambia. La struttura viene meno, così come vengono meno le gabbie comportamentali costituite dalle relazioni tra pari e con la leadership (gli insegnanti, la dirigenza scolastica, ecc.).

Ed ecco che entra in gioco il “comportamento non esigibile per legge”, cioè, lo spazio etico. Se questa dimensione non è stata appresa, se lo spazio etico non è stato alimentato (ad esempio attraverso l’attivazione di un contraddittorio sull’etica delle piccole scelte operate quotidianamente) i bambini/e non impareranno a comprendere il senso profondo delle regole. La conquista di un proprio spazio etico è parallela, in un certo senso, alla conquista dell’autonomia.

Per fare un esempio, un possibile dilemma etico che potrebbe emergere è quello di un bambino/a che è testimone diretto di un atto di bullismo e deve decidere se segnalare all’insegnante ciò che ha visto oppure ignorare. La regola lo spingerebbe a segnalare, ma entrano in gioco numerose “forze” che, invece, potrebbero spingerlo ad ignorare, come, ad esempio, la paura di atti di ritorsione nei suoi confronti, il timore di essere stigmatizzato per aver fatto la spia, l’isolamento dal gruppo e altro. Ma l’eventuale atto del non segnalare avrà implicazioni molto negative sul piano individuale e sociale che occorre prendere in seria considerazione. Se non si possiede una piena comprensione (posizione etica) del motivo per cui è importante segnalare, è molto probabile che le forze contrarie abbiano il sopravvento. Questo è un classico esempio di come “aver stabilito una regola” non sia sufficiente per aspettarsi un comportamento conseguente. Occorre lavorare sulla posizione etica che sta a fondamento di quella regola e si può fare solo entrando all’interno dei casi concreti.

In questo senso apprendere l’etica significa costruire le basi della partecipazione dei bambini/e nella vita sociale. Costruire lo spazio etico dei cittadini del futuro significa investire oggi in una formazione che ci restituirà cittadini migliori, individui con una salda posizione etica.

I bambini/e sono destinatari di regole che i genitori e gli altri adulti responsabili (gli insegnanti, l’allenatore di calcio, il Sindaco, il Parlamento, ecc.) stabiliscono per proteggerli e per proteggere i contesti dove i bambini/e vivono (la casa, la scuola, il quartiere, ecc.). Spesso gli adulti pensano che i bambini non sappiano distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato e per questo dimenticano di spiegare ai bambini il significato delle regole (l’etica) e cosa ci si guadagna a comportarsi in un modo piuttosto che in un altro.

La Convenzione ONU sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza attribuisce al bambino il diritto a partecipare in tutte le questioni che lo riguardano. L’articolo 12 ci chiede, come adulti responsabili, di abbandonare progressivamente la visione di un bambino incapace di formarsi e di esprimere un’opinione e di accogliere l’idea che bambini e adolescenti debbano essere coinvolti nelle decisioni che riguardano la loro vita, la vita delle loro famiglie, della comunità e della società più ampia in cui vivono. Le competenze partecipative di bambini/e, ragazzi/e sono state sempre più dimostrate in questi ultimi anni e per fasce di età anche basse. Una volta che si siano forniti loro informazioni rilevanti, un supporto adeguato e la libertà di esprimersi nei modi che li facciano sentire a loro agio, i bambini e gli adolescenti – in base alla loro età e maturazione – sono capaci di dimostrare di potersi coinvolgere in maniera competente. Inoltre essi dimostrano un alto livello di responsabilità nel modo in cui usano tali opportunità perché essi sono tanto coinvolti quanto gli adulti nel fare qualcosa di davvero diverso.

Nello spirito del principio di partecipazione ci viene richiesto di passare da una “educazione al rispetto delle regole” ad una “educazione al rispetto e alla comprensione delle regole”. I bambini/e cioè, devono poter partecipare in alcuni casi alla formazione delle regole che li riguardano, in altri almeno alla comprensione e alla condivisione di esse.

Ma lo scopo di tali iniziative è anche di promuovere l’integrità dei decisori pubblici del futuro, politici, amministratori, tecnici che saranno chiamati a scegliere avendo come unico riferimento l’interesse pubblico. E’ noto che i Paesi che investono maggiormente nella costruzione e manutenzione dello spazio etico dei propri bambini/e si trovano ad avere decisori pubblici migliori, più integri, più eticamente orientati, più capaci di prendere posizione nei confronti di tentativi di corruzione e/o collusione, meno inclini a cedere di fronte alla richieste di tenere un comportamento non etico da parte dei propri superiori.

La Scuola di Etica e Integrità potrà, pertanto, attivare percorsi per formatori/docenti in cui approfondire metodi e tecniche per l’analisi dei dilemmi etici, la conduzione di un “ethical dilemma training” e una formazione specifica sulla pedagogia dei diritti ed il principio di partecipazione. Potranno essere anche definite le condizioni organizzative da predisporre per il raggiungimento di un clima etico all’interno della scuola che stimoli, cioè, la condotta etica sia dei bambini/e che degli adulti di riferimento nel rispetto del principio di partecipazione stabilito dalla Convenzione ONU sui Diritti dell’infanzia e dell’Adolescenza.

Può succedere, infatti, che l’analisi dei dilemmi etici fatta dai bambini/e evidenzi criticità in capo agli adulti stessi. Ad esempio, nel caso dell’atto di bullismo, potrebbe succedere che i bambini/e non segnalino perché pensano di non venir presi in seria considerazione dagli adulti (che tendono a minimizzare l’accaduto). Per questo è importante che l’apertura di uno spazio di partecipazione a favore dei bambini/e venga accompagnato dall’apertura di una fase di riflessione da parte degli adulti responsabili volto ad approfondire il ruolo e i compiti di una leadership adeguata (leadership etica).

La disonestà delle persone oneste

7ASi fa un gran parlare in questi giorni di presunti paladini della legalità pizzicati ad intascare mazzette milionarie.

A volte si fa fatica a credere che una persona che conosciamo si sia potuta macchiare di un crimine così orribile come la corruzione. A volte sentiamo dire: “Su quella persona ci avrei messo la mano sul fuoco“.

Ma la frequenza di tali accadimenti ci lascia intendere che non è poi così difficile che questo accada.

Nel 2008 una autorevole ricercatrice di nome Nina Mazar pubblicò un paper dal titolo assai intrigante “La disonestà delle persone oneste“.

La ricercatrice voleva dimostrare che anche le persone oneste, in alcuni particolari contesti, rischiano di diventare (dis)oneste. Mazar proponeva e testava nella sua ricerca la teoria della cosiddetta “manutenzione del concetto-di-se“. Mazar affermava che le persone, in generale, possono comportarsi in maniera disonesta, beneficiando di premi esterni ed interni e di un contesto favorevole, e mantenere al contempo una visione positiva di se stessi nel senso che continuano a percepirsi come individui onesti.

Una dimostrazione concreta. Il Codice di Comportamento dei dipendenti pubblici stabilisce all’articolo 4 comma 2 che “…il dipendente non chiede, per sé o per altri, regali o altre utilità, neanche di modico valore a titolo di corrispettivo per compiere o per aver compiuto un atto del proprio ufficio da soggetti che possano trarre benefici da decisioni o attività inerenti all’ufficio, né da soggetti nei cui confronti è o sta per essere chiamato a svolgere o a esercitare attività o potestà proprie dell’ufficio ricoperto“.

E’ l’antichissima tradizione dell’ex voto (se l’offerta del regalo o altra utilità è antecedente all’atto) e del “per grazia ricevuta” (se l’offerta del regalo o altra utilità è successiva all’atto) come remunerazione per un “atto amministrativo” che si sta per ricevere o che si è ricevuto (l’atto amministrativo è inteso come “dono” concesso da un’autorità superiore; funzionario=divinità). In questo caso, l’ordinamento giuridico si vuole tutelare da quello che potremmo definire il “mercimonio” di atti dovuti e dalla susseguente perdita di credibilità dell’azione amministrativa.

Questo fenomeno può manifestarsi in varie modalità. Proponiamo qui di seguito un caso concreto (real-life scenario) che utilizziamo nelle attività di formazione generale con “approccio valoriale” che realizziamo con i dipendenti pubblici di varie amministrazioni.

  • Il dottor Rossi è un funzionario dell’Ufficio “Autorizzazione ed accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie” della Regione XY.
  • Purtroppo la moglie del dottor Rossi ha avuto una grave ischemia e le è stata prescritta una ecografia da realizzare con una certa urgenza.
  • Il dottor Rossi ricorda che a breve dovrà accreditare un poliambulatorio in riferimento all’ampliamento delle attività. Accanto ai servizi di diagnostica strumentale, come le ecografie (tra cui anche quella che deve fare la moglie), il titolare del poliambulatorio ha intenzione di attivare servizi di fisioterapia e rieducazione funzionale.
  • Al dottor Rossi viene in mente di chiedere al titolare del poliambulatorio, come sorta di corrispettivo dell’atto di accreditamento che gli sta per concedere (le procedure di verifica hanno comunque dato tutte esito positivo), di poter ricevere la prestazione ecografica per la propria consorte in tempi stretti e con un certo sconto.

Il dottor Rossi è tipicamente una persona di specchiata integrità e mai si sognerebbe di violare una regola del Codice di Comportamento. Tuttavia, in ragione delle particolari circostanze che si vengono a creare, nel suo animo si fa strada proprio quella proposta che per il Codice di Comportamento è “indecente”.

Perché?

Il dottor Rossi può pensare di violare la regola, ad esempio, in ragione del fatto che:

  • non ritiene che quel comportamento sia commendevole dal momento che l’accreditamento avrebbe luogo a prescindere da tale richiesta
  • egli versa in una grave situazione economica e sa già che dovrà affrontare spese elevate per la riabilitazione della moglie
  • altri funzionari del suo stesso ufficio gli hanno confidato di aver ricevuto prestazioni scontate ed in tempi stretti da ambulatori e poliambulatori della zona; sembra che questo comportamento sia una prassi consolidata dell’ufficio
  • il responsabile dell’ufficio, pur a conoscenza di tali comportamenti, ha sempre ritenuto di non dover intervenire in ragione del fatto che il suo orientamento è: “ognuno è responsabile dei propri comportamenti
  • lo stesso titolare del poliambulatorio ha più volte fatto capire, al dottor Rossi e agli altri funzionari, che avrebbe piacere a sdebitarsi, intendendo questo comportamento come un “obbligo morale” ed in ragione delle “conseguenze sociali” che ne deriverebbero se non lo facesse.

Ed ecco che, magicamente, una persona onesta diviene disonesta (nel senso che viola una regola stabilita da un Codice di Comportamento).

Secondo la teoria di Nina Mazar il dottor Rossi potrà comportarsi in maniera disonestà e conservare tuttavia una buona opinione di sè, in ragione del fatto che il contesto, inteso come gli altri funzionari del suo ufficio, la leadership e, in particolare, l’operatore economico locale, avallano (e in un certo senso premiano) quel tipo di comportamento.

Come è abbastanza intuibile, il contesto è fondamentale. E’, come dire, un’autostrada per la violazione. Questo non significa, tuttavia, che a rendere conto della scelta non debba essere l’individuo, che, in piena libertà può comunque scegliere l’opzione più eticamente orientata.

Come dimostra il caso concreto, contesti particolarmente degradati, dal punto di vista dell’integrità, hanno la potenzialità di piegare anche coloro che in altri contesti si sono in passato dimostrati difensori della legalità. Pertanto, ritengo che l’emergere di tali situazioni debba essere considerata una spia di più gravi e perduranti violazioni della legalità.

Il divieto di accettare doni, regali e utilità: una regola che viene da lontano. QUARTA PARTE

 (…leggi la PRIMA PARTE di questo articolo)

(…leggi la SECONDA PARTE di questo articolo)

(…leggi la TERZA PARTE di questo articolo) 

QUARTA PARTE: esame di un caso concreto (real-life scenario)

La cultura dell’ex voto (se l’offerta del dono antecedente all’atto) e del “per grazia ricevuta” (se l’offerta del dono è successiva all’atto) come remunerazione per un dono che si vuole ricevere o che si è ricevuto (oggetto del divieto posto dalla seconda parte del comma 2 dell’articolo 4 del Codice di Comportamento PA) può manifestarsi in varie modalità. Proponiamo qui di seguito un caso concreto (real-life scenario) che utilizziamo nelle attività di formazione generale con approccio valoriale che realizziamo con i dipendenti pubblici.

Il dottor Rossi è un funzionario dell’Ufficio “Autorizzazione ed accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie” della Regione XY.

1a1.jpgPurtroppo la moglie del dottor Rossi ha avuto una grave ischemia e le è stata prescritta una ecografia da realizzare con una certa urgenza.

Il dottor Rossi ricorda che a breve dovrà accreditare un poliambulatorio in riferimento all’ampliamento delle attività. Accanto ai servizi di diagnostica strumentale, come le ecografie (tra cui anche quella che deve fare la moglie), il titolare ha intenzione di attivare servizi di fisioterapia e rieducazione funzionale.

Al dottor Rossi viene in mente di chiedere al responsabile del poliambulatorio, come sorta di corrispettivo dell’atto di accreditamento che gli sta per concedere (le procedure di verifica hanno dato tutte e sito positivo), di poter ricevere la prestazione ecografica per la propria consorte in tempi stretti e con un certo sconto.

Al dottor Rossi viene in mente questa soluzione in ragione del fatto che:

  • non ritiene che quel comportamento sia commendevole dal momento che l’accreditamento avrebbe luogo a prescindere da tale richiesta
  • egli versa in una grave situazione economica e sa già che dovrà affrontare spese elevate per la riabilitazione della moglie
  • altri funzionari del suo stesso ufficio gli hanno confidato di aver ricevuto prestazioni scontate ed in tempi stretti da ambulatori e poliambulatori della zona; sembra che questo comportamento sia una prassi consolidata dell’ufficio
  • il responsabile dell’ufficio, pur a conoscenza di tali comportamenti, ha sempre ritenuto di non dover intervenire in ragione del fatto che il suo orientamento è: “ognuno è responsabile dei propri comportamenti
  • lo stesso titolare del poliambulatorio ha più volte fatto capire, al dottor Rossi e agli altri funzionari, che avrebbe piacere a sdebitarsi, intendendo questo comportamento come un “obbligo morale” ed in ragione delle “conseguenze sociali” che ne deriverebbero se non lo facesse.

Il dottor Rossi deve decidere se richiedere la prestazione scontata ed in tempi stretti per la propria consorte oppure non richiederla (dilemma etico). L’analisi del caso concreto è finalizzato alla risoluzione del suddetto dilemma etico.

dilemma

Le slides relative a questo articolo possono essere scaricate a questo link

Il webinar dedicato a questo argomento può essere ascoltato a questo link

 

Il divieto di accettare doni, regali e utilità: una regola che viene da lontano. TERZA PARTE

(…leggi la PRIMA PARTE di questo articolo)

(…leggi la SECONDA PARTE di questo articolo)

 TERZA PARTE: L'atto amministrativo come "dono"

Esiste una seconda interpretazione del dono. Talvolta l’atto amministrativo può essere visto dal beneficiario come un “dono” (munus) da parte di chi, nei suoi confronti, detiene un grande potere, cioè il decisore pubblico.

Nel destinatario del potenziale atto sorge l’obbligo ad offrire un sacrificio necessario ad ingraziarsi il decisore pubblico. Oppure, una volta ricevuto l’atto, anche se nulla è dovuto in cambio, sorge nel destinatario un obbligo morale a sdebitarsi. E’ la cultura dell’ex voto (se l’offerta del dono antecedente all’atto) e del “per grazia ricevuta” (se l’offerta del dono è successiva all’atto) come remunerazione per un dono che si vuole ricevere o che si è ricevuto dalla “divinità”.

L’articolo 4 comma 2 del Codice di Comportamento PA, nella seconda parte stabilisce che: “…In ogni caso, indipendentemente che il fatto costituisca reato, il dipendente non chiede, per sé o per altri, regali o altre utilità, neanche di modico valore a titolo di corrispettivo per compiere o per aver compiuto un atto del proprio ufficio…”. L’ordinamento mira, attraverso questa disposizione, ad escludere anche questo schema di reciprocità per tutelare, in particolar modo, la reputazione della pubblica amministrazione.

renzoSi tratta, a ben vedere, di una tradizione antichissima. Ancora più antica delle mirabili parole scritte da Alessandro Manzoni nei Promessi Sposi quando narra di Renzo che, convinto da Agnese intraprende un viaggio pieno di incertezze verso lo studio dell’Azzeccagarbugli: “Pigliate quei quattro capponi, poveretti! a cui dovevo tirare il collo, per il banchetto di domenica, e portateglieli; perché non bisogna mai andar con le mani vote da que’ signori. … Lascio pensare al lettore, come dovessero stare in viaggio quelle povere bestie, così legate e tenute per le zampe a capo all’in giù, nella mano di un uomo il quale, agitato da tante passioni, accompagnava col gesto i pensieri che gli passavan a tumulto per la mente. (…) e dava loro di fiere scosse, e faceva sbalzare quelle teste spenzolate; le quali intanto s’ingegnavano a beccarsi l’una con l’altra, come accade troppo sovente tra compagni di sventura“.

Natalie Zamon Davis tratteggia i caratteri di questa eredità culturale nel suo libro Il dono. Vita familiare e relazioni pubbliche nella Francia del cinquecento. Prima della Riforma luterana, nella dottrina e nel diritto canonico l’idea che la chiesa fosse un’istituzione caratterizzata dal passaggio dei doni era solidamente radicata. Il sistema cattolico si caratterizzava per una reciprocità complessa e articolata, in cui a essere donate erano le cose più diverse, dalle candele di cera alla fede. C’era scambio tra laici e preti. I laici donavano calici, paramenti e stendardi e denaro, i preti ricambiavano con l’intercessione liturgica, le preghiere e la messa. Il denaro elargito per una messa era considerato un dono, così come le decime erano considerate un’offerta, un’oblazione delle primizie fatta dal popolo al Signore nella persona dei sacerdoti.

Negli scritti ufficiali nessuno metteva in evidenza il vincolo o l’obbligo che Dio assumeva in conseguenza del dono ricevuto (principio di reciprocità). Nei testi del XII° secolo “munus” non era associato a “remuneratio”, ma a “cor” (cuore). Ci si preoccupava di donare a Dio nella giusta disposizione di spirito illustrata dalle offerte dei Re Magi.

Nella pratica tuttavia, le cose stavano in maniera assai diversa. Andare a Messa rappresentava per il popolo un dono sotto forma di sacrificio necessario per avere in cambio un risultato positivo. Tuttavia, in queste forme di scambio, il sacrificio a Dio rappresentava il tentativo di placare la sua ira e di indurlo alla riconciliazione (proprio come in moltissimi schemi “pagani”).

In cosa tale sistema prestava il fianco alle critiche dei riformatori? Nel frequente degradarsi dei doni tradizionali in pagamenti imposti (peccato di simonìa), reso più acuto dalle invettive dei protestanti i quali accusavano i preti di far mercimonio di cose sacre.

Lo schema protestante, invece, era del tutto contrario alla reciprocità. Il Dio di Calvino dona in assoluta libertà. Calvino non sarebbe mai stato disposto ad ammettere che Dio avesse un obbligo, anche minimo, nei confronti di qualche entità esterna: “Dio non può ricevere alcun beneficio da noi” e “A Padre, a padrone, a Dio onnipotente non si può restituire l’equivalente”. Ai doni di Dio i cristiani devono rispondere obbedendolo, amandolo, dimostrandogli gratitudine.

Secondo Calvino, tutti i cristiani sono legati da obblighi reciproci, che tuttavia non si qualificano in una struttura rigidamente determinata, in un circuito del dare e ricevere. Gli uomini restano liberi e non legati al vincolo del dono. Gli effetti di tale impostazione ricaddero sulla legislazione di Ginevra dove Calvino risiedeva. Le leggi ponevano limiti assai rigidi ai doni e si ispiravano, in parte, alla speranza di imporre un comportamento decoroso in una città di Dio, dall’altra, rappresentava lo sforzo di trasformare i rapporti che accompagnavano lo scambio di doni. L’impatto fu piuttosto parziale. I Codici sottostanti resistettero, almeno nel breve-medio periodo.

(continua…)

Le slides relative a questo articolo possono essere scaricate a questo link

Il webinar dedicato a questo argomento può essere ascoltato a questo link

Il divieto di accettare doni, regali e utilità: una regola che viene da lontano. SECONDA PARTE

(…leggi la PRIMA PARTE di questo articolo)

SECONDA PARTE: I doni nella Francia del XVI° secolo

In un mondo di doni che creano amicizie e obblighi di gratitudine, dove comincia la corruzione? Tale questione venne dibattuta nella Francia del XVI° secolo. All’epoca non esisteva una termine simile a “bribe” inglese (briciola) per definire una mazzetta/tangente. Si utilizzavano i termini “dons” e “presents” ed era il contesto d’uso che indicava se si trattava di un dono buono o cattivo.

All’epoca i giudici si difendevano dicendo che i regali erano di poco valore, che venivano offerti da entrambe le parti in causa, che sarebbe stato presuntuoso e inumano non accettarli, che, soprattutto, non incidevano sulla correttezza del giudizio.

RabelaisFrancois Rabelais (1494-1553, scrittore francese famoso per le storie di Pantagruel e Gargantua), ci offre un ritratto di un giudice, Brigliadoca, molto in linea con questo modello. Nella pratica di Brigliadoca i doni non avevano conseguenze sull’esito del processo. Egli semplicemente ammucchiava le carte del convenuto insieme ai doni ricevuti da una parte del tavolo e le carte e i doni dell’attore dall’altra parte del tavolo. Poi lanciava i dadi. Le decisioni di Brigliadoca apparivano così eque che in quarant’anni nessuno si era mai lamentato.

Sul versante opposto, c’era chi pensava che la tentazione dei doni e la nascita dell’obbligo di remunerare fosse tanto forte da cancellare la possibilità di un giudizio equo, indipendentemente dall’entità del dono stesso. Questo argomento venne avanzato da Jean de Coras che affermava che i giudici dovevano aborrire i regali, poiché il regalo acceca anche coloro che hanno la vista chiara e perverte le parole dei giusti (citando un versetto dell’Esodo 23,8). De Coras affermava anche: “siamo compensati dal nostro principe, gli stipendi ci vengono pagati regolarmente ogni trimestre. Inoltre riceviamo le sportule dalle parti per ogni giudizio. Come possiamo accettare di vedere le nostre cucine riempite di cacciagione, selvaggina e altri alimenti forniti da ricchi e da poveri?…

In più l’accettare doni induce i litiganti a pensar male del funzionamento della giustizia. Eliminare i doni significava per Jean de Coras, deciso sostenitore della sovranità regia, stringere i legami che univano i giudici al sovrano e, contemporaneamente, allentare quelli concorrenti, che li vincolavano invece alle aristocrazie locali. Altrettanto significativo è il fatto che Jean de Coras fosse un protestante.

Egli formulò, infine, una vigorosa metafora: “Per un giudice toccare un dono era come per un pescatore toccare una torpedine. Prima gli addormentava i polpastrelli, poi la mano intera e poi, poco a poco, tutto il resto del corpo”.

Questi autorevoli autori avevano intuito quale fosse l’implicazione più perversa nell’accettare doni quando si è in una posizione pubblica. Chi accetta i doni accetta di essere governato da regole di in un Codice “altro” rispetto a quello riconosciuto dall’ordinamento (il “Codice del Re”). Tale Codice esprime delle “regole proprie”, “dinamiche peculiari” di potere, leadership incerte e un certo grado di reciprocità. Chi decide (più o meno consapevolmente) di entrare nel gioco della reciprocità decide anche di abbandonare lo schema del rapporto pubblico che è sciolto da ogni reciprocità e che si basa su principi quali imparzialità, buon andamento, trasparenza, ecc.

simulachresNei Simulacri della morte (1538), una serie di disegni di Hans Holbein, viene ritratto uno strano gruppo di giudici. La figura centrale è il Presidente della Corte, accecato dai doni ricevuti e distratto dal prendere la giusta decisione. I giudici hanno le mani mozze affinché non possano afferrare i doni. Il contendente povero è solo e in disparte Il giudice porge la mano al ricco che è ripreso nell’atto di mettere la mano nella borsa. Nell’illustrazione completa, si vede la morte che viene a prendersi il giudice. Il messaggio di questa illustrazione ammonisce su come il dono legato alla corruzione (che aspetta una reciprocità) non può generare gratitudine, non ha libertà di movimento e aspetta solo di essere contraccambiato.

(continua…)

Le slides relative a questo articolo possono essere scaricate a questo link

Il webinar dedicato a questo argomento può essere ascoltato a questo link

 

Il divieto di accettare doni, regali e utilità: una regola che viene da lontano. PRIMA PARTE

PRIMA PARTE

“Coloro che donano non sono tutte persone generose”
Baldassarre Castiglione 1478-1529, Diplomatico al servizio della Santa Sede

rossi-watching1.jpg

Esiste un unico Codice di Comportamento? I dipendenti pubblici sono chiamati ad osservare le disposizione di un nuovo Codice di Comportamento secondo quanto disposto dal d.P.R. n. 62 del 2013. Ma siamo sicuri che non esistano altre regole che orientano il comportamento dei dipendenti? Siamo sicuri, cioè, che la cultura delle micro-organizzazioni, intesa come forza che governa le relazioni tra le persone, nonché come costruzione e mantenimento di rapporti di potere, non possa condizionare l’operato dei dipendenti pubblici attraverso regole proprie?

Una ipotesi che si potrebbe formulare è che accanto alle regole del Codice di Comportamento dei dipendenti pubblici esistono altri “Codici” che agiscono sotto la superficie. Si tratta di regole a volte antichissime che governano le relazioni tra le persone di un determinato contesto praticamente da sempre. Si tratta di regole che vengono, in larga parte, avallate dalle leadership e rafforzate dai comportamenti di adesione degli altri dipendenti. Sono regole, infine, che vengono amplificate dalla stigmatizzazione sociale di chi vi si oppone.

Uno dei Codici sottostanti in cui ci si potrebbe imbattere fa riferimento alle regole che governano lo scambio. In particolare, il cosiddetto “principio di reciprocità” che è alla base degli scambi che vivono e si alimentano negli atti di presunta liberalità come doni, regali e altre utilità.

Il Codice di Comportamento se ne occupa con una specifica disposizione, l’articolo 4. Il comma 2 stabilisce che: “Il dipendente non accetta, per sé o per altri, regali o altre utilità, salvo quelli d’uso di modico valore effettuati occasionalmente nell’ambito delle normali relazioni di cortesia”.

Lo scambio di beni, anche se di valore intrinseco non fondamentale, è uno dei modi più comuni e universali per creare relazioni umane (o per creare ponti con il divino a volte, secondo alcune teorie sul significato del sacrificio). Addirittura il dono diventa, secondo Marcel Mauss (l’autore che nel secolo scorso ha contribuito maggiormente ad approfondire questo argomento), un fatto sociale totale, vale a dire un aspetto specifico di una cultura e, pertanto, attraverso la sua analisi è possibile leggere per estensione le diverse componenti della società. L’autore suppone che il meccanismo del dono si articoli in tre momenti fondamentali basati sul cosiddetto principio di reciprocità: dare (MUNUS), ricevere l’oggetto o l’utilità (ci deve essere accettazione); ricambiare (REMUNERATIO).

Attraverso la regola dell’articolo 4, pertanto, l’Ordinamento mira ad escludere l’attivazione del suddetto schema di reciprocità che curverebbero la linearità (attuale e futura) del processo decisionale del decisore pubblico. L’accettazione di un dono (non di modico valore) ha il potenziale di generare un conflitto di interesse tra “interesse primario” e, cioè, l’interesse pubblico che l’amministrazione deve promuovere e l'”interesse secondario” che, in questo caso è rappresentato dall'”interesse a ricambiare” o “a sdebitarsi” che viene attivato all’accettazione del dono da parte del dipendente pubblico.

La migliore definizione di “dono” (o regalo o altra utilità nella terminologia utilizzata dal Codice) in grado di generare tale conflitto di interesse , a mio avviso, è presente in una pubblicazione di Valentin Groebner (Liquid Assets, Dangerous Gifts: Presents and Politics at the End of the Middle Ages, 2002). Secondo Groebner un dono è una transazione che assume una particolare formalità retorica, dal momento che mormora (o grida dipende dalle circostanze) “Sono per te solamente e non devi fare niente per contraccambiare”. Al di là se questo è vero oppure no, sta di fatto che al momento del donare, il donatore non può esplicitamente richiedere qualcosa in cambio se non vuole mettere in pericolo l’efficacia dell’intera transazione. I doni possiedono un potere seduttivo, un’eloquenza, nonché la capacità di trasformare le relazioni sociali.

Un dono efficace è, pertanto, un dono che evoca ambiguità. Diremmo che, prima o poi, il dono genera un “dilemma”.

Non stiamo parlando, pertanto, del dono di chi pratica la “gratuità” come, ad esempio, nella pratica del volontariato, dove chi dona lo fa con spirito di liberalità non avendo in mente una remunerazione che non sia attraverso la produzione dei cosiddetti “beni relazionali”. Secondo Zamagni, inoltre, Il non pagamento delle prestazioni o, più in generale, la mancanza di ricompense (presenti o future) non assicura, di per sé, la gratuità, la quale è essenzialmente una virtù, che postula una precisa disposizione d’animo.

Cosa significano i termini “munus” e “remuneratio”? MUNUS (dono) è il DONO che obbliga a uno scambio, proviene etimologicamente dalla radice “mei” che significa “dare in cambio”. Da munus si sono generati dei termini che sono per noi molto significativi. Ad esempio, “COM-MUNIS” è propriamente chi ha in comune dei munia cioè dei doni da scambiarsi. Ora quando questo sistema di compensazione gioca all’interno di una stessa cerchia, si determina una “comunità”, cioè un insieme di uomini uniti da questo legame di reciprocità. RE-MUNERATIO, invece, è l’azione del dare indietro un “munus“, quindi del ricompensare per un dono precedentemente ricevuto.

Marshall Sahlins (1974) identifica diverse tipologie di reciprocità:

  • Reciprocità generalizzata. Essa si verifica quando una persona condivide beni o lavoro con un’altra persona senza aspettarsi nulla in cambio (gratuità).
  • Reciprocità bilanciata o simmetrica. Si verifica quando qualcuno dona a qualcun altro, in attesa di un giusto e tangibile ritorno in un futuro indefinito. Si tratta di un sistema molto informale di scambio. L’aspettativa che il donatore sarà rimborsato è basato sulla fiducia e sulle conseguenze sociali (schema previsto dall’articolo 4 del Codice di Comportamento).
  • Reciprocità negativa è ciò che gli economisti chiamano baratto. Una persona che fornisce beni o lavoro e si aspetta di essere ripagato immediatamente con alcuni altri beni o lavoro di pari valore. La reciprocità negativa può comportare un quantitativo minimo di fiducia e una distanza massima sociale. Può avvenire tra estranei.

Quando si trascura il “registro del dono”, una delle conseguenze è che non ci si accorge di quanto spesso esso sia presente nel mondo che ci circonda. Secondo Natalie Zamon Davis, la teoria dell’economia di mercato è parsa inadeguata a descrivere la condotta e le motivazioni umane nello scambio di beni e servizi e a mostrare come i sistemi si autoregolino. Oggi un approfondimento culturale sui doni potrebbe rappresentare un’utile integrazione al dibattito che si va costruendo su interesse pubblico e interesse privato.

E’ anche per questo motivo che l’Ocse, pur riconoscendo il principio generale che i dipendenti pubblici sono tenuti a non chiedere o accettare regali o mance da individui o organizzazioni che possono influenzare la loro imparzialità, ammette, tuttavia, che in pratica non è sempre realistico e talvolta anche non auspicabile vietare rigorosamente tutti i tipi di regali e altre utilità (Towards a sound integrity management, 2009).

Invece di optare per una politica ‘a tolleranza zero’, le amministrazioni andrebbero incoraggiate a scegliere di sviluppare un orientamento più sfumato. Occorre essere consapevoli del rischio, che è tipicamente proprio degli strumenti fortemente basati su regole/procedure, di indebolire la capacità dell’individuo e la disponibilità a mettere in discussione il proprio processo decisionale etico. Quando le persone si confrontano solo con le regole, vi è un rischio significativo che si concentreranno su una rigida applicazione della regola, piuttosto che sul principio etico sottostante.

Le amministrazioni, pertanto, potrebbero anche optare per opzioni meno “formalistiche”. Invece di avere una policy specifica, potrebbero sviluppare una policy dei casi concreti attraverso incontri, ad esempio, di formazione con approccio valoriale. Questo approccio ha il forte vantaggio di coinvolgere realmente i dipendenti a sviluppare una comprensione dello “sfondo etico” delle regole contenute nel Codice. Attraverso questo approccio si analizza in modo ottimale il processo decisionale etico rafforzando le competenze e l’impegno a conformarsi sulla base di soluzioni concordate.

(continua…)

Le slides relative a questo articolo possono essere scaricate a questo link

Il webinar dedicato a questo argomento può essere ascoltato a questo link

 

 

A code is nothing…

3bA code is nothing, coding is everything“.

Così disse Muel Kaptein nel 1998 (in compagnia del suo collega Wempe). Kaptein, uno dei massimi esperti in codici di comportamento/codici etici, olandese, è spesso citato dai manuali OCSE quando si tratta di dare orientamenti su come si codificano e, soprattutto, su come si trasferiscono le regole di comportamento ed i valori etici sottostanti ai dipendenti (nel caso di Kaptein poco importava se pubblici e privati). Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: