@spazioetico

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

Archivi delle etichette: asimmetrie informative

C’è Capitale e capitale. Storie di mancata prevenzione della corruzione

rome + 6A-ConvertImage = capital sentence

di Massimo Di Rienzo & Andrea Ferrarini

Capitale è una parola con significati diversi. Se ha l’iniziale maiuscola (Capitale), significa che stiamo parlando di una città meravigliosa, Roma, Capitale di un Paese meraviglioso, l’Italia.

Se invece ha l’iniziale minuscola (capitale) assume vari significati. Un capitale è la somma di denaro di cui una o più persone, fisiche o giuridiche, dispongono, investita in un’impresa commerciale, industriale, bancaria e simili, o in beni mobili o immobili, allo scopo di produrre un reddito o un interesse. Per estensione il capitale sociale è l’insieme delle risorse di tipo relazionale durature che un attore sociale (individuo, gruppo ecc.) può utilizzare, insieme ad altre risorse, per perseguire i propri fini.

Infine, “capitale” significa anche qualcosa che si riferisce al capo, alla testa, intesa come sede della vita; che comporta la morte: la pena, la sentenza capitale.

Il nuovo stadio della Roma e le vicende corruttive che animano le cronache di questi giorni rischiano di trasformare la parola “Capitale”, intesa come lo scenario all’interno del quale si muovono gruppi di potere, in una sentenza capitale per uno di questi gruppi che del “capitale sociale” avrebbe abusato per perseguire propri fini, cioè l’aumento del proprio capitale. Insomma, un bel paradosso linguistico! Condito dal fatto che nemmeno @spazioetico ne esce completamente estraneo, dal momento che un personaggio dei nostri casi, Mister Wolf, ha preso improvvisamente vita ed ha assunto nella realtà il ruolo del protagonista.

wolf & wolf

Wolf ha come compito principale, almeno nei nostri casi, la risoluzione di importanti asimmetrie informative; ma è anche in una posizione di conflitto di interessi e da quelle asimmetrie informative può trarre un vantaggio proprio o foraggiare gli interessi esterni con cui è collegato. Noi utilizziamo questi scenari per illustrare le basi del meccanismo corruttivo (asimmetria informativa + conflitto di interessi). Spesso ci accorgiamo della profonda inconsapevolezza che anima le platee di dipendenti pubblici e, a volte, di politici che assistono alle nostre presentazioni.

L’evento di corruzione romano, pertanto, non ci stupisce più di tanto. Ci convince, invece e sempre più, a promuovere una prevenzione della corruzione che riesca a trasferire le conoscenze, almeno quelle di base, sul “fenomeno corruzione” con particolare riferimento al conflitto di interessi.

Proveremo a descrivere la dinamica corruttiva di questo evento, con i limiti di avere a disposizione informazioni apprese da mezzi di informazioni, focalizzando l’attenzione sugli interessi in gioco:

  • quelli primari, cioè quelli del cittadino romano che dovrebbero essere interpretati da chi guida politicamente la Capitale,
  • quelli secondari, cioè gli interessi dei costruttori (noti a Roma come “palazzinari” con una vaga accezione negativa che tuttavia si sono conquistati e continuano a conquistarsi egregiamente sul campo),
  • gli interessi secondari di chi si è trovato a gestire la negoziazione pur senza aver ricevuto alcun formale incarico (e questa è già un’anomalia gigantesca, come spiega bene Luigi Oliveri nel suo post), in piena continuità con il passato e (ahimè) con il presente nonostante l’enfasi sul “cambiamento”.

“Conflitti” e “cospirazioni” tra interessi

Una dinamica assai interessante da osservare è come si sia progressivamente trasformato l’interesse primario in questa vicenda.

L’interesse primario di una amministrazione comunale è innanzitutto l’interesse del Principale, cioè del cittadino romano “elettore” che attraverso il voto delega la componente politica (Giunta e Consiglio) ad agire per promuovere i propri interessi.

immagine 1

Possiamo descrivere tale interesse primario come un “sistema di interessi” così configurabili:

  • ricevere servizi pubblici adeguati; ad esempio, tappare le buche sulle strade, scuole pubbliche dignitose, ecc… che può essere ricompreso nel più generale interesse alla qualità della vita. Parlando di Roma ci rientra anche il non venire sommersi da cubature ulteriori soprattutto in quei luoghi che non hanno le caratteristiche per contenerle,
  • efficienza nella spesa pubblica già ampiamente devastata da scelte scriteriate nel passato.
  • imparzialità, cioè equidistanza della politica dagli interessi privati (in questo caso dei costruttori detti palazzinari) che hanno fatto il bello e cattivo tempo nelle passate stagioni politiche

immagine 2

La promozione di questi interessi primari era stata, peraltro, alla base della vittoria di una nuova forza politica che si candidava ad interpretare proprio la triade: servizi, efficienza, imparzialità al grido di onestà. L’importante decisione di non candidare Roma per le Olimpiadi, per esempio, era stata fondata proprio su basi logico-razionali che richiamavano da vicino tale interpretazione degli interessi primari.

immagine 3

Qualcosa di diverso è successo con lo stadio della Roma.

In questo caso una vera e propria campagna pro stadio è stata scatenata da una parte della cittadinanza, da una tifoseria accesa e da fortissimi interessi economici (sempre dei suddetti costruttori palazzinari) tutt’altro che sopiti, anzi, assai arzilli vista la situazione critica in cui versa l’economia del mattone almeno nella Capitale.

Immagine 3bis

Insomma, la Giunta Capitolina e il Consiglio si trovano a fronteggiare degli interessi secondari molto intensi. E governare significa anche saper dialogare con gli interessi secondari, senza perdere la bussola degli interessi primari.

immagine 4

Oltretutto è vox populi che il Comune, se si rifiuta di costruire lo stadio, dovrà affrontare una causa milionaria con l’A.S. Roma e questo proprio non se lo può permettere.
Gli interessi primari cominciano ad entrare in conflitto tra loro. In nome dell’interesse primario a “fornire servizi adeguati” sarebbe sensato non fare più il nuovo stadio: si libererebbero risorse da impegnare per tutti i cittadini, anziché favorire l’interesse dei “palazzinari” e delle tifoserie (in contrasto, tra l’altro, con l’interesse primario all’equidistanza). In nome dell’interesse primario all’efficienza (cioè a non sprecare risorse), sarebbe invece sensato costruire lo stadio: si eviterebbe di andare in causa con l’A.S. Roma.

Immagine5bis

Inoltre, si verifica una convergenza tra l’interesse primario all’efficienza e gli interessi secondari. E questa convergenza risulterà essere devastante più di qualsiasi conflitto di interessi.

immagine 5

Tutto questo coacervo di interessi genera una pressione enorme sulla componente politica che entra in DILEMMA. Il dilemma non è cosa da poco visto che si contrappongono ferocemente due componenti importanti del Movimento 5 stelle, i “puri” che avevano contestato fin dall’inizio sia la localizzazione dell’intervento sia, in seguito, le transazioni con i privati per modificare il progetto, che erano state interpretate come “cessioni” a quegli interessi. Dall’altra parte, i “pro-stadio” che, invece, si mostrano, ad un certo punto, possibilisti a patto di ulteriori modifiche strutturali al progetto.
Il dilemma viene risolto in favore della seconda componente. La conclusione di tale dilemma non è stata indolore, dal momento che alcuni dei promotori della componente “puri” vengono estromessi; l’assessore Berdini viene rimosso, una consigliera, Cristina Grancio, che aveva aspramente criticato gli accordi, viene esclusa dal gruppo consiliare.

Quale effetto ha avuto la risoluzione di tale dilemma? Si è generato un nuovo interesse primario che potremmo tradurre in: “fate ‘sto c***o de stadio!” (detto alla romana), che non è, tecnicamente, un interesse primario, ma viene scambiato per tale da quasi tutti, compresi i cittadini romani (tifosi). In una tale “cospirazione” di interessi convergenti, ovviamente, gli interessi primari veri soccombono pesantemente. La localizzazione dell’intervento non è più un problema, il fatto che ci siano in ballo 7 milioni di euro di spesa per le pompe idrovore a carico della cittadinanza, in cambio di cubature al costruttore (palazzinaro), non rappresenta più un problema.

immagine 6

Entra in scena Mister Wolf

Ma è la caduta rovinosa dell’ultimo interesse primario, l’imparzialità, che genera gli effetti più disastrosi. La Giunta, riconoscendo la propria incapacità a gestire una negoziazione così complessa, si fa aiutare da un semi-noto avvocato, Mister Wolf. Tale avvocato riceve una delega informale a trattare con gli interessi privati.

Fermiamoci un istante. Un soggetto, che non fa parte della componente degli eletti, che ha propri interessi secondari da difendere e da promuovere, viene delegato (informalmente) a gestire la negoziazione con gli interessi privati (e che interessi privati)?

6A

E’ vero che questa è una pratica assai diffusa, ma è anche l’ora di dire che è del tutto inappropriata, anche qualora non produca alcun evento corruttivo. Quale percezione degli interessi primari potrebbe mai avere tale personaggio? E’ vero che la componente politica avrebbe potuto indicarglieli con forza, ma ricordiamo che il contesto, in quel momento, ha trasformato gli interessi primari, promuovendo con forza l’interesse: “fate ‘sto c***o de stadio!”. Non si tratta di escludere qualsivoglia supporto tecnico da parte di professionisti esterni, ma MAI lasciarli operare in solitudine. Di fronte all’interesse privato, l’interesse pubblico deve essere sempre rappresentato dalla presenza (fisica) dell’eletto e da meccanismi di riduzione delle asimmetrie informative come, ad esempio, la trasparenza delle transazioni. Anche perché solo l’eletto o un vertice amministrativo o qualcuno di formalmente incaricato a trattare si troverebbe nel ruolo di pubblico ufficiale.

In linea con questo approccio non formalistico è utile sottolineare come anche la stessa leadership del Movimento 5 stelle sia, di fatti, anch’essa “informale”, nel senso che non è stata votata da nessuno, né ha un titolo costituzionale a rappresentare chicchessia.

Dunque, abbiamo una componente politica decisamente inconsapevole (fattore di rischio che noi chiamiamo “carenza operativa”), che, in un contesto di generale opacità (le carte vengono secretate, in particolare il parere dell’avvocatura capitolina in merito alle penali da pagare) e sotto la pressione di un interesse fortissimo alla costruzione dello stadio, si affida ad un soggetto privato per la negoziazione con interessi privati che si sono mostrati estremamente permeabili, nella storia della Capitale recente e meno recente, a condotte corruttive. Vuol dire consegnarsi al demonio.

immagine 7

Peraltro, Mister Wolf ha degli evidenti interessi secondari riconducibili tutti alla sua attività professionale di avvocato e mossi, probabilmente, da un forte interesse-guida: l’essere in grado di esercitare un potere in un contesto dove può soddisfare l’ambizione di contare qualcosa (interesse-guida potentissimo). Tale interesse verrà ampiamente soddisfatto, a seguito della negoziazione andata a buon fine e proprio in ragione della brillante capacità di intervento, con la presidenza dell’ACEA, nota municipalizzata romana. A proposito, non sarebbe il caso di essere così espliciti nel dichiarare che la presidenza di un’organizzazione che gestisce risorse pubbliche così importante viene affidata sulla base di un “premio” e non magari sulla competenza e sull’esperienza.

Gli interessi secondari di Mister Wolf convergono con gli interessi secondari di numerosi componenti politici e tecnici: il vicepresidente del Consiglio regionale, il titolare della Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Capitale (che poi rimuoverà i vincoli paesaggistici sulle tribune dell’ippodromo) e molti altri, di schieramenti politici diversi (anche questo è piuttosto tipico). Tutto viene foraggiato dal noto palazzinaro, il quale ci prova anche a Milano ricevendo un due di picche dall’assessore.

Espelliamo la mela marcia!

La misura “capitale” che è stata adottata è l’immediata esclusione di mister Wolf da ogni incarico, almeno finché non si chiarirà la sua posizione. Ma noi sappiamo bene che il problema non si risolve con il meccanismo noto come: “Espelliamo la mela marcia”. Come afferma mirabilmente Leonardo Ferrante in un post: [“Chi ha sbagliato deve pagare”. Ma la corruzione non è uno sbaglio, non è un errore incidentale di valutazione o di giudizio, non è un equivoco: è un’intenzione precisa e prolungata. Dichiarazioni di questo tipo, pur con il merito di dare la sensazione di una reazione, rischiano di far passare l’idea che per combattere il malaffare basti “fermare” o “espellere” un corpo, piuttosto che far inceppare un sistema reticolare. A Roma, in Italia, il problema è sistemico e richiederebbe una strategia, istituzionale e civica, sistemica.]

Perché la percezione dell’interesse primario di questi personaggi subisce un così feroce depotenziamento, anche se in partenza sembrano essere affidabili, capaci e, tutto sommato, integri? Il problema è costituito, prevalentemente, dall’aver posto un’aspettativa insostenibile, cioè l’essere onesti prima di confrontarsi con il potere. Abramo Lincoln affermava: “Se vuoi scoprire di che pasta è fatto un uomo, mettigli il potere nelle mani“.

Muel Kaptein, uno che si intende molto di integrità e dei meccanismi che mettono a rischio l’integrità delle persone, dice che gli “eletti dal popolo” che iniziano il loro lavoro animati da spirito idealistico corrono il rischio di vedere frustrate le proprie intenzioni perché, magari, raggiungono risultati minori rispetto alle attese, vengono criticati e per questo diventano cinici, persino paranoici rispetto alla condotta dei propri collaboratori. Sembra che Kaptein si sia fatto una breve vacanza a Roma.

Sono fenomeni ormai assai noti. Noi li abbiamo inseriti molto spesso nelle nostre presentazioni perché spiegano molto bene il deterioramento dell’integrità delle persone o, come preferiamo chiamarla, la disonestà delle persone oneste.

La prevenzione della corruzione ai tempi di Mr. Wolf

Quale “morale” possiamo trarre da questa triste (ennesima) tragedia capitolina?

La vicenda è un combinato di “ansia da prestazione” e inconsapevolezza che trasforma gli interessi primari (Capitale) e inserisce un network di persone (capitale sociale) che, in un clima di opacità, dimostrano di possedere potentissimi interessi secondari. Il tutto, una volta emerso, viene gestito attraverso la teoria della mela marcia (pena capitale). Insomma, tutte situazioni che dovrebbero essere “codificate” dalla prevenzione della corruzione. In particolare:

  • organizzazione del processo +
  • analisi degli interessi primari e secondari +
  • etica e consapevolezza degli individui.

Prevenzione della corruzione che, invece, è rimasta alla finestra a certificare una sostanziale fattibilità dell’opera. Con la conseguenza che nessun ruolo ha giocato in questa vicenda in presenza di anomalie gigantesche e di un rischio corruttivo elevatissimo.
Allora, come dovrebbe funzionare la prevenzione della corruzione ai tempi di Mr. Wolf?

Innanzitutto , per prevenire la corruzione, non è sufficiente puntare sull’onestà delle persone. Occorre combinare una serie di attività che che non si concentrano solo sulle persone (teoria della mela marcia), ma anche sul sistema in cui le persone agiscono:

  • analizzare il contesto e garantire adeguati livelli di trasparenza (delle decisioni pubbliche e delle interazioni tra pubblico e privato),
  • identificare chiaramente gli interessi primari e secondari (facendo molta attenzione ai conflitti tra interessi primari e alle convergenze tra interessi primari e secondari),
  • valutare attentamente il rischio corruttivo espresso dalle controparti (specialmente se la tua controparte sono i “palazzinari” romani),
  • gestire con attenzione le deleghe, evitando di assegnare a soggetti privati un potere informale,che consente loro di sostituirsi agli agenti pubblici (politici eletti e funzionari dell’amministrazione).

Potete farvi un’idea di che cosa @spazioetico intende con “prevenzione della corruzione” consultando il Decalogo che abbiamo realizzato per la Sanità.

E comunque, DI QUESTO PARLEREMO PIÙ’ DIFFUSAMENTE IN UN PROSSIMO POST.

Il comportamento di “cooptazione”. Cosa rischiano le comunità monitoranti

Il comportamento di “cooptazione” rappresenta il “metodo di selezione” privilegiato da larga parte della classe dirigente di questo Paese (e non solo).

Co-optare significa “scegliere insieme” e la cooptazione è, tecnicamente, un “Sistema d’integrazione di un corpo consultivo o comunque collegiale, per cui il nuovo membro viene assunto su designazione di quelli già in carica” (fonte: Treccani). Fenomeni di cooptazione sono osservabili ogni giorno soprattutto in politica e in economia. Ad esempio, si sceglie arbitrariamente di assegnare un incarico ad un soggetto al di fuori di un sistema competitivo che premia la qualità e il merito, ma in virtù di relazioni privilegiate (o da privilegiare) con finalità di reciproco vantaggio. L’effetto perverso di un sistema basato sulla cooptazione è il fenomeno della “selezione avversa”, cioè la modificazione delle condizioni di concorrenzialità di un determinato mercato con effetti progressivamente degenerativi del sistema.

Qui ci preme focalizzare l’attenzione sui rischi che il metodo di cooptazione genera, a livello locale e nazionale, nei confronti di coloro che svolgono il ruolo fondamentale di “controllo” dell’azione di governo: le cosiddette “comunità monitoranti“. Esse rappresentano le “cellule fondamentali utili a tenere lontana la cosa pubblica da corrotti e corruttori attraverso forme di controllo diffuso, e a presidiare i territori delegittimando la presenza mafiosa” (Libera).

@Spazioetico è stato invitato alla seconda edizione della SCUOLA COMMON (Scuola Nazionale di Cittadinanza Monitorante). Ci è stato chiesto di riflettere insieme agli attivisti sui rischi connessi alla loro attività, che si possono sintetizzare con questa frase contenuta nel libro “ANTICORRUZIONE POP“: “Riconoscere tutti i rischi di corruzione, di compromesso, di cooptazione e di strumentalizzazione che ti troverai ad affrontare come cittadina o cittadino monitorante”.

Abbiamo provato a farlo, come il nostro solito, con i dilemmi etici.

SCENARIO. Prologo

  • Enrico lavora presso l’Azienda sanitaria locale di XY ed è responsabile dell’attività di Vigilanza programmata sul territorio a tutela della collettività dai rischi sanitari.
  • E’ molto attivo sui temi dell’ambiente e della tutela della salute pubblica, tanto che ha fondato l’associazione OMNIASALUS, di cui è, da sempre, Presidente.
  • L’associazione promuove la cosiddetta “advocacy”, cioè, l’attività di monitoraggio, comunicazione e informazione, orientate ad influenzare i decisori politici locali sui rischi collegati all’amianto.
  • L’associazione, tra le altre cose, fa parte di un importante ed autorevole network nazionale.
  • La principale occupazione di Enrico, quando lavora per l’associazione, è raccogliere e rielaborare dati e informazioni a livello regionale sui luoghi in cui continua a persistere il rischio di contatto con strutture pericolose, che potrebbero esporre la popolazione ad inalazioni dannose per la salute.
  • Periodicamente, l’associazione pubblica sul proprio sito dossier statistici elaborati proprio sui dati rilevati da Enrico.
  • Tutto questo lavoro dovrebbe servire a costruire una mappatura puntuale dei rischi, quanto mai essenziale al fine di predisporre gli adeguati interventi di bonifica delle aree da parte delle istituzioni locali.

SCENARIO (Primo episodio)

  • Enrico ha sempre sottolineato quanto sia importante per l’associazione avere un’interlocuzione privilegiata con l’amministrazione regionale.
  • Questo “rapporto privilegiato” era nato qualche anno prima, quando l’assessore all’ambiente della Regione lo aveva invitato a partecipare ad un tavolo di consultazione su come mitigare il rischio di amianto sul territorio regionale.
  • In ragione del fatto che l’associazione era l’unico soggetto titolare di informazioni attendibili, anche grazie al certosino lavoro di raccolta e rielaborazione di Enrico, l’assessore regionale lo aveva preso a riferimento quando si era trattato di scrivere e adottare il Piano regionale Amianto, un documento di indirizzo e coordinamento contenente strategie e strumenti attuativi per orientare l’attività di prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali su questo tema.
  • I rapporti di stima reciproca con l’assessore regionale si sono andati sempre più consolidando nel tempo, tanto che l’assessore ha iniziato a richiedere insistentemente ad Enrico, anche come forma di riconoscimento dell’importante contributo dato, di fornire una serie di attività formative a beneficio degli uffici regionali in materia ambientale.

All’inizio Enrico tentenna, dovrà giustificarlo al network nazionale. Per fugare ogni dubbio, pone all’Assessore due condizioni:

  • che la formazione sia a titolo gratuito e
  • che sarà lui stesso ad erogarla, ma in qualità di dipendente pubblico e non come Presidente dell’associazione.

L’Assessore accetta ed Enrico risponde positivamente all’invito.

common_1.jpg

SCENARIO (Secondo episodio)

  • L’attività formativa ha avuto tale successo che Enrico, forte della visibilità ottenuta, decide di offrire, attraverso l’associazione, servizi formativi su tutto il territorio regionale, incrementando la reputazione della sua organizzazione e consolidando le entrate economiche.
  • L’Assessore, in tutte le occasioni, non ha mai fatto a meno di sottolineare quanto sia stata profetica la sua intuizione.
  • Dal canto suo Enrico considera quella scelta estremamente fruttuosa, anche perché in questo modo ora è in grado di stabilizzare molti dei giovani collaboratori dell’associazione che hanno vissuto in uno stato di costante precarietà.
  • Tra le stabilizzazioni in vista, anche quella della figlia dell’Assessore che aveva partecipato come tutor a diverse attività formative.
  • Era stato lo stesso Enrico a rendere disponibile la sua associazione per un tirocinio.
  • La ragazza si era dimostrata davvero brillante ed aveva raccolto il consenso unanime dei partecipanti dei corsi e degli altri membri dell’associazione.

Enrico ritiene che stabilizzare la figlia dell’Assessore sia la cosa più giusta da fare…

(SCENARIO. Nemesi)

  • Il mandato della Giunta regionale volge al termine e, a breve, ci saranno nuove elezioni. Questa volta l’assessore si candida ad assumere una posizione diversa e ambisce alla Presidenza della Regione.
  • Nell’arena politica quattro candidati si contendono il delicato incarico e la competizione comincia a farsi sempre più dura.
  • Uno degli argomenti più controversi, proprio perché il territorio è assai sensibile alle questioni ambientali e alla tutela della salute, è la valutazione dell’azione dell’esecutivo regionale, con particolare riferimento all’attuazione del Piano regionale Amianto.
  • Mancano pochi giorni alla pubblicazione del report.
  • Dai dati in mano ad Enrico, con i quali avrebbe dovuto elaborare il report, risulta chiaramente visibile il netto fallimento delle politiche messe finora in atto, con chiara responsabilità in capo all’assessore uscente, novello candidato.
  • Enrico chiama l’Assessore-candidato e gli rivela che i dati non sono per nulla buoni.
  • L’Assessore, anche sulla base dei rapporti ormai consolidati, replica a Enrico: “Forse è il caso di non pubblicare questa volta il report, anche perché siamo in clima elettorale e non mi sembra opportuno”.

Enrico non sa davvero cosa deve fare…

La nemesi finale, ovviamente, è diretta conseguenza con la “spiralizzazione” del rapporto tra il Presidente dell’Associazione e l’Assessore, cioè tra soggetto controllore e soggetto controllato (perché titolare di un potere delegato).

Il “controllore“, se fa bene il suo lavoro, acquisirà informazioni rilevanti per valutare l’azione di governo del soggetto controllato.

Il controllore si trova, cioè, in una situazione di “asimmetria informativa” nei confronti del “controllato”.

Quest’ultimo potrebbe avere un interesse a disinnescare l’efficacia del controllo oppure ad accedere alle informazioni in via privilegiata al fine di trarre un vantaggio dalla diffusione o mancata diffusione di esse ed eludere obblighi di “rendere conto” (accountability).

Il metodo che il controllato (Assessore) utilizza è la “cooptazione“, cioè, egli seleziona il controllore (Presidente) attraverso criteri di scelta del tutto arbitrari, per assicurargli un vantaggio (fornire un servizio formativo) e così re-munerarlo dell’attività svolta in sede di consultazione. In realtà il meccanismo dovrebbe servire a garantire al controllato l’innescarsi di un rapporto privilegiato con il controllore che, solo in seguito, determinerà la richiesta finale, di non pubblicare dati per lui negativi.

Perché il caso è dilemmatico? Le comunità monitoranti hanno l’obbligo di “dialogare” con il titolare di un potere delegato, sia esso un Assessore o un Direttore generale di una ASL, ad esempio. Il lavoro sul campo impone un certo “sporcarsi le mani” nell’accezione più positiva, cioè attraverso una cooperazione fattiva con le amministrazioni. Rifiutare ogni interlocuzione perché questo imporrebbe un “rischio” di cooptazione farebbe venir meno gran parte del motivo per cui una comunità monitorante esiste.

A volte le cause sono assai meno nobili. Si può essere condizionati da un certo narcisismo e dalla volontà di essere il “primus inter pares“. Si può ritenere il proprio lavoro l’unico degno di visibilità, così che l’interlocuzione privilegiata con chi amministra è un segno di forza nei confronti degli altri “competitor” sociali.

Infine, in mancanza di regole o principi chiari e condivisi (quali sono le «regole» del network nazionale? Esistono degli «standard» di condotta? Sono noti a tutti gli anelli della catena?), si può venire influenzati dal fatto di vivere particolari difficoltà economiche e, quindi, dal desiderio (tutt’altro che raro in questi contesti) di garantire lo stipendio a fine mese ai propri collaboratori (come anche il caso del Presidente mostra).

E’ importante, in questi casi, saper interpretare bene il contesto, lavorare in squadra, possedere una cultura organizzativa aperta alla emersione di questioni e critiche (discuss-ability).

E importante anche porsi alcune domande, quali, ad esempio:

  • Quali “scambi” vengono proposti, quali sono già consolidati.
  • Siamo titolari di “asimmetrie informative” nei confronti del soggetto che ci sta proponendo una (presunta) re-munerazione/attenzione?
  • I “sistemi relazionali” nei quali siamo coinvolti sono esposti ad asimmetrie informative?

Nonostante tutte le attenzioni che possiamo avere, a volte ci troveremo in casi fortemente dilemmatici, come quello del Presidente dell’Associazione. 

Allora, forse, è il caso che di porci altre domande:

  • Quale è la scelta (o le scelte) che garantirà di più la coerenza con il «sistema di valori» stiamo perseguendo in questo tempo e in questo contesto?
  • Cosa siamo disposti a perdere?
  • Cosa non siamo disposti a perdere, mai?

N. B. Le slides relative a questo caso possono essere scaricate qui: https://www.slideshare.net/spazioeticomail/il-comportamento-di-cooptazione-rischi-per-le-comunit-monitoranti
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: