@spazioetico

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

Archivi delle etichette: accesso agli atti

Il test di interesse pubblico nell’accesso civico generalizzato

058_Fight_With_Giant2 (1)

Il nuovo Accesso Civico Generalizzato si sta (faticosamente) facendo largo. Come prevedibile, gli interventi del Garante della Protezione dei Dati Personali hanno iniziato a definire i limiti dal lato della Privacy e a fornire utili informazioni sulla modalità di applicazione, nonché sulla “tenuta” del sistema se comparato ai modelli di FOIA (Freedom of Information Act) considerati all’avanguardia. 

Il caso che trattiamo in questo post fa riferimento ad un Parere richiesto al Garante per la Protezione dei Dati Personali da parte di un Comune italiano ed è pieno zeppo di elementi di interesse di cui vi vorremmo parlare.

Il caso ci permette anche di presentare, di nuovo, la check-list @spazioetico per la gestione delle istanze, con la particolarità di aver introdotto il cosiddetto “test dell’interesse pubblico“. Ci siamo ispirati al modello inglese che ci sembra particolarmente in linea con il sistema che si sta introducendo in Italia.

Dunque…

Il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT) del Comune di San Cesario sul Panaro (che chiameremo Comune di Caciucco) ha richiesto al Garante per la Protezione dei Dati Personali il parere previsto dall’art. 5, comma 7, del d. lgs. n. 33 del 14 marzo 2013, nell’ambito del procedimento relativo a una richiesta di riesame sul provvedimento di diniego di un’istanza di accesso civico presentata da una società (che chiameremo per comodità la Caciucco Marketing Servizi (CMS)).

Ed ecco come, presumibilmente, si è svolta la vicenda, restando più o meno fedeli alla ricostruzione fatta dal Garante (ci perdonerete alcuni elementi di “drammatizzazione“).

Rossiwatching.jpgPer semplificare l’istanza la faremo gestire dal Responsabile dell’Ufficio, il dottor Rossi (non dal RPCT come nel caso reale).

Inoltre, Martaper sostenere le tesi dell’interesse alla promozione della conoscenza (e quindi della trasparenza) chiameremo una stagista svedese (Pernilla).

torquemadaPer sostenere, infine, le tesi dell’interesse alla tutela dei dati personali (e quindi della “privacy“) scomoderemo Torquemada in persona.

Molte delle affermazioni di Torquemada sono stralci del testo del Parere. Occorre anche considerare che il post non tiene in considerazione di tutte le argomentazioni, in particolare quelle addotte dal Difensore Civico che era stato consultato. Una scelta necessaria per mantenere il post all’interno di un regime di sostenibilità. 

Ed ecco il caso.

Rossiwatching.jpg


Al dott. Rossi, Dirigente dell’Ufficio Edilizia del Comune di Caciucco giunge una istanza di accesso civico generalizzato da parte di una società, la Caciucco Marketing Servizi (CMS).

La società vorrebbe accedere alla copia in forma riassuntiva contenente:

  • dati del committente,
  • descrizione dell’intervento,
  • località del cantiere,
  • tecnico progettista,

delle Segnalazioni Certificate di Inizio Attività (SCIAe delle Comunicazioni Inizio Attività Asseverata (CILAconcernenti l’attività degli interventi edili da attuarsi nel territorio comunalepresentate dal 01/01/2017 al 25/02/2017cms

Il dottor Rossi decide di avviare l’istruttoria individuando alcuni soggetti controinteressati. In particolare:

  • COMMITTENTI
  • I PROFESSIONISTI

Ad essi invia una comunicazione, richiedendo di esprimersi. Alcuni di loro effettivamente rispondono nei 10 giorni previsti, lamentando una violazione della tutela dei propri dati personaliManifestano una netta opposizione alla richiesta di accesso civico e alla comunicazione dei propri dati personali al soggetto titolare dell’impresa privata.

Il dottor Rossi è orientato a NEGARE l’accesso, dal momento che ritiene fondate le motivazioni dei controinteressati.

Vuole esperire un ultimo tentativoInvia una mail al titolare della CMS e gli spiega la situazione, invitandolo a rimodulare, se del caso, la sua richiesta. Il titolare della CMS, rappresenta, in una successiva mail, di non voler ricevere più i dati del committente, ma solo:

  • il tipo di intervento edile che verrà eseguito,
  • la località dove avviene il lavoro con via e numero civico,
  • il nome del Tecnico Progettista.

Il dott. Rossi, perplesso, sottopone l’istanza ai suoi due collaboratori, Pernilla, una stagista svedese e Torquemada, che la pensano diversamente…

Ecco l’opinione di Pernilla:

MartaFINALMENTE!

Dopo tutte queste istanze di accesso civico che in realtà erano istanze di accesso documentale camuffate

Dopo tutte queste «richieste massive» che a volte sembravano più orientate a «vessare» le amministrazioni…

Una ISTANZA che è nello spirito del Freedom of Information Act! Mi sembra di poter dire che si tratta di una istanza che mira a ottenere dati e informazioni per un “USO COMMERCIALE“.

In effetti, il nostro FOIA (Svezia 1766) nacque da una complessità di elementi, tra cui, non indifferente, la tendenza in atto da parte del ceto borghese e dalla classe imprenditoriale, che si stava progressivamente espandendo, ad ampliare la propria sfera di interessi

Anders Chydenius, il “deus ex machina” del FOIA svedese scrisse un incipit davvero mirabile che, in qualche modo, illustra l’interesse pubblico che soggiace allo strumento dell’accesso ai dati e alle informazioni detenute dall’amministrazione.

foia_svedese.jpg

MartaDunque, l’utilizzo ai fini commerciali del ricco patrimonio di dati e informazioni in mano alle PA è stato uno dei motivi per cui è nato il FOIA nel mio Paese.

Successivamente, questa idea di fare business con i dati delle amministrazioni si è consolidata nel tempo.

Secondo un recente report pubblicato dall’Open DataInstituteOpen Data Institute (2016) Open enterprise: how three big businesses create value with open innovation, un approccio Open è un fattore di grande vantaggio competitivo per le imprese. (Fonte: Fare business con gli Open Data).

In Italia se ne parla da tempo. A questo proposito si può consultare l’ottimo Studio Esplorativo dell’Osservatorio ICT Piemonte del 2011. «Rispetto ai gradi di apertura del dato, il passaggio dal “closed by default” all’“open by default” rappresenta un punto di svolta assolutamente degno di nota: il dato “geneticamente aperto”, ovvero accessibile a chiunque, fin dalla sua genesi e senza alcuna barriera, consente di superare i retaggi che tendevano a privilegiare la protezione del dato per mero amore della tutela intellettuale, tralasciando l’eccezionale potenziale di valorizzazione della PSI (Public Sector Information).»

MartaE poi c’è il «Principio della tutela preferenziale dell’interesse conoscitivo», che è stato ribadito dalla Circolare n. 2/2017 del Dipartimento della Funzione Pubblica (DFP) e che afferma: «Nei sistemi FOIA, il diritto di accesso va applicato tenendo conto della tutela preferenziale dell’interesse a conoscere. Pertanto, nei casi di dubbio circa l’applicabilità di una eccezione, le amministrazioni dovrebbero dare prevalenza all’interesse conoscitivo che la richiesta mira a soddisfare».

Rossiwatching.jpg

Sembrano buone premesse, che il dottor Rossi ascolta con un certo interesse.

Ma poi Torquemada prende la scena e non ci vuole molto a capire che il suo punto di vista è alquanto diverso.

torquemada

 

Io la penso in maniera del tutto differente!

Innanzitutto …In base alla più recente giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’articolo 10 della Cedu non conferisce, in via generale, all’individuo il diritto di accesso alle informazioni in possesso delle autorità pubbliche, né obbliga tali autorità a conferire allo stesso le medesime informazioni.

Un tale diritto, o un tale obbligo, può essere, infatti, ricondotto alla più ampia libertà di espressione tutelata dall’art. 10 della Cedu, soltanto in situazioni particolari e a specifiche condizioni

Pertanto, l’idea che esista una tutela preferenziale dell’interesse conoscitivo, semplicemente, NON SUSSISTE!

torquemada

 

Poi… Ho provveduto ad eseguire una visura camerale.

Marta

 

 

E per quale motivo?

torquemada

 

Volevo vedere CHI ci sta chiedendo questi dati e PERCHE’.

Così ora siamo in grado di capire cosa la CMS ci dovrà mai fare con queste INFORMAZIONI.

La visura ha mostrato che l’attività prevalente dell’impresa è “Gestione database, attività delle banche dati».

Come attività secondaria esercitata nella sede, invece, “Studio e realizzazione di spazi pubblicitari (banner) da pubblicizzare sui propri siti web, per informare, motivare e servire il mercato. Attività di conduzione di campagne di marketing, social media e web marketing. Servizi di gestione dei programmi di fidelizzazione e affiliazione commerciale».

torquemada

 

Ordunque… volete la mia opinione? Ora so cosa ci farà con questi dati la CMS. E’ altamente probabile che saranno utilizzati a fini commerciali

Marta

 

Sì, questo lo avevo capito anche io. Ma non ci trovo nulla di strano.

 

 

torquemada

 

A mio avviso, invece, questo rappresenta un’interferenza ingiustificata e sproporzionata nei diritti e libertà dei controinteressati.

Marta

 

Pernilla cade dalle nuvole…

«Ma perché l’utilizzo di dati e informazioni a fini commerciali non è ricompreso tra le finalità del vostro FOIA?»

 

torquemada

NO. ASSOLUTAMENTE!

Come indicato anche nelle Linee guida dell’ANAC sull’accesso civico, l’accesso “generalizzato” è servente rispetto alla conoscenza di dati e documenti detenuti dalla p.a. «Allo scopo di favorire forme diffuse di CONTROLLO sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la PARTECIPAZIONE al dibattito pubblico» (art. 5, comma 2, del d. lgs. n. 33/2013) (cfr. par. 8.1).

MartaBeh’, forse potremmo oscurare i dati del committente e del progettista. In questo modo potremmo salvaguardare l’interesse della CMS all’utilizzo «statistico» dei dati per fini commerciali, senza invadere la sfera personale dei controinteressatiD’altra parte la stessa CMS ha integrato l’istanza richiedendo, in un secondo momento:

  • il tipo di intervento edile che viene eseguito,
  • la località dove avviene il lavoro con via e numero civico,
  • il nome del Tecnico Progettista.

Non ci resta che oscurare anche il nome del Tecnico Progettista ed avremo «salvato capra e cavoli».

torquemada

 

NO.

Sarebbe comunque un’interferenza ingiustificata e sproporzionata nei diritti e libertà dei controinteressati.

L’indicazione dell’immobile oggetto dell’intervento, infatti, consentirebbe di risalire all’identità del relativo proprietario.

La CMS si troverebbe così a risalire all’identità dei committenti utilizzando tali dati personali a scopi commerciali, nonostante NON ci sia stata una ESPRESSA AUTORIZZAZIONE da parte dei titolari.

I dati personali, infatti, devono essere raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi (art. 11 Codice della Privacy, lett. B)).

torquemadaNon vi sono elementi a garanzia del fatto che la società richiedente effettuerà il plausibile successivo trattamento dei dati nel rispetto dei limiti e delle tutele derivanti dalla normativa in materia di protezione dei dati personali.

Presumibilmente i controinteressati avevano ragionevoli aspettative di riservatezza circa il trattamento dei propri dati personali al momento in cui questi erano stati raccolti, e non potevano prevedere che quei dati potessero essere utilizzati per scopi commerciali e di marketing e comunque per scopi estranei a finalità di partecipazione e trasparenza.

Rossiwatching.jpg

Le evidenze portate da Torquemada sono talmente schiaccianti che convincono il dottor Rossi a NEGARE L’ACCESSO.


 

 

 

Il dottor Rossi, tuttavia, vuole verificare la LOGICA del processo decisionale che ha portato Torquemada ad un diniego così netto.

Decide di utilizzare la check-list elaborata da Andrea Ferrarini per @spazioetico che era stata presentata nel webinar IFEL «Obblighi di pubblicazione e FOIA: linee guida, questioni interpretative ancora aperte e soluzioni organizzative».

tab_1-e1511688690821.jpg

I primi cinque passi sono stati abbastanza facili da superare, non esistendo particolari elementi controversi. Ma d’ora in poi si entra nel vivo.

tab_2.jpg

Ed ecco che emerge il potenziale pregiudizio che va valutato IN CONCRETO. I prossimi passi sono hanno a che fare con il tempo e le risorse che l’amministrazione deve mettere a disposizione per gestire l’istanza.

tab_3-e1511688984973.jpg

Giunto al 12° passo, il dottor Rossi si trova al centro del problemaL’interesse pubblico alla conoscenza oppure, come lo si voglia chiamare, l’interesse alla trasparenza.

tab_12.jpg

Come si fa a rilevare l’interesse pubblico alla conoscenza (alla “trasparenza”) e “misurarlo”

Ad esempio, gli inglesi utilizzano alcuni CRITERI. Li trovate sul sito della l’ICO (Information Commissioner’s Office) leggendo le sue Linee Guida (pag. 3). Diciamo che il dottor Rossi li trova interessanti e decide di prenderli in considerazione per il suo caso.

tab_4.jpg

Il dottor Rossi applica i criteri al suo caso concreto.

tab_6.jpg

Comprende, pertanto, che, in presenza di un pregiudizio probabile e severo agli interessi privati, non sembra essere RILEVANTE l’utilizzo di tali dati e informazioni per l’uso previsto dalla norma che è, ricordiamo, il CONTROLLO e la PARTECIPAZIONE.

Il prossimo passo deciderà le sorti dell’istanza. Si tratta, infatti, di valutare il peso relativo dei due interessi: l’interesse pubblico alla conoscenza (che sembra irrilevante) e l’interesse alla tutela dei dati personali (che sembra, invece, rilevante).

tab_7-e1511689758818.jpg

Non sembrano esserci dubbi. Non ci resta che NEGARE l’accesso. Ma esistono alternative valide da percorrere? Soluzioni che, magari, potremmo proporre a chi ci ha inviato l’istanza per soddisfare, comunque, l’interesse a conoscere senza prevalicare l’interesse (anch’esso pubblico) a tenere nascosti i dati e le informazioni?

tab_8-e1511689897312.jpg

Anche la checklist di @spazioetico porta a conclusioni simili a quelle a cui è arrivato il Garante per la tutela dei dati personali.

Tuttavia, mentre le conclusioni di Torquemada (alias Garante) sono «insensibili alle variazione del contesto», la checklist e, in particolare il «test dell’interesse pubblico», è, invece, «SENSIBILE ALLE MODIFICAZIONI DEL CONTESTO».

Cosa vuol dire?

… Proviamo a «MODIFICARE» alcuni elementi di contesto e ripetiamo il test di interesse pubblico …


  • Il Comune di Rocciardente, a pochi chilometri di distanza da Caciucco, è scosso da una vicenda di corruzione.

  • Alcuni funzionari e un dirigente del SUE (Sportello Unico Edilizia) del Comune sono stati indagati perché, ipotizzano i Magistrati, facilitavano alcuni professionisti a scapito di altri.
  • Secondo la ricostruzione dei Magistrati le asseverazioni di un noto professionista del luogo garantivano sempre la conformità e la completezza della documentazione, anche in presenza di rilevanti difformità sia formali che sostanziali.
  • I funzionari e i dirigenti sotto indagine avevano una frequentazione abituale con il suddetto professionista il quale aveva provveduto a realizzare vari lavori presso le abitazioni dei funzionari senza richiedere alcun pagamento.
  • Presso il Comune di Rocciardente il suddetto professionista oramai gestiva un vero e proprio monopolio delle asseverazioni.
  • Il professionista in questione opera anche a Caciucco, ma non è nota l’estensione della sua operatività.
  • Sui giornali di Caciucco è una ridda di voci e smentite. «L’architetto fa il pieno anche a Caciucco!», titola un quotidiano locale vicino all’opposizione.
  • «Qui a Caciucco non si è mai visto!», replica, invece, un secondo quotidiano, vicino al Sindaco.

Proviamo, ora, ad applicare gli stessi criteri ad un nuovo contesto, particolarmente “eccitato” e “animato” da una vicenda che scuote l’opinione pubblica.

tab_9.jpg

Se ci avete fatto caso, la terza domanda (I dati e le informazioni richieste sono RILEVANTI in riferimento al dibattito pubblico o al controllo da esercitare?”) ora presenta una risposta diversa. A differenza di prima, in cui i dati sembravano essere “irrilevanti”, ora sembra che in tale nuovo contesto tali dati siano determinanti affinché l’opinione pubblica si formi correttamente un’opinione. E questo indipendentemente dalle motivazioni dell’istante (ATTENZIONE! Se si prendono in considerazione le motivazioni dell’istante PER ESCLUDERE L’ACCESSO si gestisce erroneamente l’istanza, Cioè si gestisce un’istanza di accesso civico generalizzato con gli stessi criteri con cui si gestisce un’istanza di accesso agli atti ex 241/90, valutando l’interesse e la motivazione del richiedente. E questo è un errore).

Esiste, pertanto, un rilevante interesse pubblico a conoscere. Ora bisogna capire se tale interesse pubblico è maggiore, minore o pari a quello della tutela dei dati personali.

tab_10.jpg

Una volta determinato il “peso” degli interessi in gioco, dobbiamo capire come muoverci. E’ possibile dare tutto quello che ci è stato richiesto? Oppure fornire dati e informazioni parziali? Oppure differire l’accesso? 

tab_11.jpg

Dunque, una MODIFICAZIONE SIGNIFICATIVA DEL CONTESTO genera un ESITO PARZIALMENTE DIVERSO nella gestione dell’istanza.

Pertanto, in conclusione:

  • L’INTERESSE PUBBLICO ALLA TRASPARENZA non deve essere valutato in astratto.
  • Esso deve essere valutato nel “QUI ED ORA”.
  • Cioè, va valutato nello specifico CONTESTO e nel TEMPO in cui l’istanza viene presentata.
  • Questi due elementi (CONTESTO+TEMPO) fanno che ogni istanza sia diversa e che vada gestita in maniera autonoma rispetto ad un’altra apparentemente simile.

E’ sempre una questione di “atteggiamento”, alla fine. 

img_attitude.jpg

Il caso è davvero interessante dal momento che genera una serie di elementi di discussione.

Prima questione. diversamente da altri casi, qui siamo molto vicini ad essere d’accordo quasi su tutto con il Garante della Privacy, se consideriamo la NORMATIVA VIGENTE. Il meccanismo del bilanciamento di interessi sembra essere corretto. Va detto che il garante della Privacy non fa altro che validare il processo decisionale fatto, in prima battuta da chi, all’interno del Comune, ha risposto all’istanza di diniego e poi dal Responsabile della prevenzione della corruzione in sede di riesame. Fatto importante. Le Amministrazioni stanno iniziando a entrare nel trip dell’accesso civico generalizzato.

Seconda questione. Esistono davvero Pernilla e Torquemada? Non c’è dubbio che Torquemada abbia un riferimento preciso nel Garante per la tutela dei dati personali che ha acquisito una forza davvero notevole, considerando anche la prossima entrata in vigore del Regolamento UE (maggio 2018). Ma quale è il riferimento istituzionale di Pernilla? Cioè, chi prende le parti dell’interesse pubblico alla trasparenza? Dal punto di vista procedurale, l’RPCT può chiedere un Parere al Garante Privacy in sede di riesame. Questo, come abbiamo visto, è molto utile per non cadere in errori che potrebbero compromettere l’interesse dei controinteressati. Attraverso i Pareri, inoltre, tutti gli osservatori, cioè le altre amministrazioni, hanno la possibilità di calibrare il tiro. Insomma, si genera una certa conoscenza condivisa. Ma dalla parte dell’interesse pubblico alla trasparenza? A chi si può chiedere un Parere? Dal punto di vista procedurale non esiste un “omologo” del Garante; non esiste il Garante della Trasparenza a cui l’RPCT può chiedere un Parere in sede di riesame. L’ANAC, a seguito delle Linee Guida, ha subito espresso la netta contrarietà a generare Pareri sull’argomento. Il Difensore Civico non è un’Authority e, poi, il suo Parere potrebbe avere il problema di non essere “unico”. Insomma, se dalla parte della Privacy si sta progressivamente consolidando l’interesse pubblico alla tutela dei dati personali, dalla parte della Trasparenza, che ricordiamo è il principio ispiratore della normativa, non si sta consolidando alcun “interesse pubblico alla conoscenza” che sia un po’ più concreto di “controllo e partecipazione”. Lo si deve ricostruire empiricamente, ad esempio, attraverso il test dell’interesse pubblico. A mio avviso, questo è un problema di questa normativa, che andrebbe corretta, almeno nella “istituzionalizzazione” di una serie di criteri-guida che orientino l’operatore pubblico nella corretta gestione dell”istanza.  

Terza questione. Che discende direttamente dalla seconda. Abbiamo visto come il contesto sembra incidere nella valutazione dell’interesse pubblico, ma abbiamo preso in prestito criteri dell’ICO inglese. Sarebbero operativi anche in Italia? Se così non fosse e la valutazione non dovesse tenere in considerazione i dati di contesto, allora la tutela dei dati personali la farebbe davvero da padrone, anche in presenza di situazioni in cui sarebbe davvero interessante per l’opinione pubblica capire come sono andate effettivamente le cose. Il nuovo contesto che abbiamo presentato con i fatti di corruzione di Rocciardente avrebbero davvero la potenzialità di far cambiare le carte in tavola? Non abbiamo ancora una risposta, almeno fin quando il Garante non si esprimerà su un caso in cui, diversamente dall’uso commerciale di dati e informazioni, invece, emergerà un interesse al controllo generalizzato dell’operato della PA in un contesto “caldo”. Siamo in fervente attesa. Anche perché solo allora potremo verificare se un agente pubblico, cioè qualcuno che prende decisioni in nome e per conto della collettività, ha lo stesso regime di tutela del cittadino qualunque o non sia, come noi preferiremmo, sottoposto ad un regime di accountability e di responsabilità superiore (e conseguentemente di minor privacy).

Quarta questione. Come abbiamo visto, il rapporto tra Accesso civico generalizzato e modelli di Freedom of Information Act (FOIA) a cui dovrebbe ispirarsi sembra perdere colpi. L’interesse pubblico che deve emergere per contrastare efficacemente l’interesse alla tutela dei dati personali fa riferimento all’utilizzo dei dati e delle informazioni per favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico. Nei modelli originari di FOIA, soprattutto quello svedese del 1766 il controllo e la partecipazione erano importanti ma non erano gli unici principi di riferimento. Anche qui, una parola di chiarezza sul fatto che la trasparenza è anche opportunità di business, ovviamente all’interno di certe regole, non sarebbe male accolta, anche perché escluderebbe pretestuosi dinieghi per uso commerciale dei dati. Al di là del caso che abbiamo trattato, a volte le istanze di accesso civico generalizzato per uso commerciale potrebbero non generare alcun pregiudizio particolare alla tutela dei dati personali, sempre che i dati venissero forniti a tutti i potenziali competitor privati in campo, ad esempio, pubblicandoli proattivamente.

Quinta questione. I dati e le informazioni oggetto dell’istanza, cioè, i provvedimenti finali dei procedimenti relativi ad autorizzazioni e concessioni, ai quali viene equiparata la segnalazione certificata di inizio attività (cfr. orientamento ANAC n. 11 del 21 maggio 2014) e che vengono presi in esame nel caso hanno avuto uno strano destino. Prima del 2016 rientravano tra gli obblighi di pubblicazione previsti dal decreto 33/2013. Dopo la novella del 2016 in cui è stato abrogato l’art. 23, comma 1, lett. a), del d. lgs. n. 33/2013,  gli stessi dati non dovevano essere più pubblicati. Sono rientrati nel gran calderone dei “dati ulteriori” e perciò soggetti ad accesso civico generalizzato. Ed è esattamente quello che afferma il Garante, che però ricorda che non esiste un regime “speciale” per questi dati “derubricati” dagli obblighi. Che strana traiettoria. Ma, alla fine, questi dati e informazioni, sono importanti per la trasparenza oppure no? Si rimane un po’ disorientati. 

Post scriptum. La prima immagine del post rappresenta Davide contro Golia. E’ da intendersi come la trasparenza (Davide) che combatte contro la privacy del decisore pubblico (Golia) e ne esce (speriamo) vincitrice. 

Per accedere alla presentazione Powerpoint del post, cliccare qui.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale.

Contributo alla consultazione sulle linee guida ANAC recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e limiti all’accesso civico generalizzato

Al dott. Cantone, Presidente ANAC

Consultazione

Schema di “Linee Guida recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all’accesso civico di cui all’art. 5 co. 2 del d.lgs. 33/2013

OSSERVAZIONI PRESENTATE DA

Laura Strano –  Community Facebook Trasparenza Siti Web PA

Carmela PaceMovimento Roosevelt

Massimo Di Rienzo –  Spazio Etico

Andrea Ferrarini – Libero professionista

Andrea Lisi – ANORC

PREMESSA

Il nostro contributo riguarda in primo luogo l’impianto metodologico utilizzato nella redazione delle Linee Guida, come documento di orientamento delle PA nell’attuazione del nuovo diritto di accesso alle informazioni da esse detenute.

Partiamo dall’assunto, contenuto opportunamente nell’introduzione del documento posto in consultazione, e cioè che “i limiti e le esclusioni previste dall’art. 5 bis del d.lgs. 33/2013, rappresentano eccezioni e come tali da interpretarsi restrittivamente” (punto 2.1).

Cosa ci aspetteremmo, a tal fine, da queste Linee guida?

In particolare tre cose, che non risultano essere presenti nell’attuale schema posto in consultazione:

  • Le Linee Guida dovrebbero contenere un modello di visualizzazione del “procedimento di accesso civico generalizzato”, cioè una semplificazione grafica delle “fasi” e dei “momenti decisionali” e di come dovrebbero essere organizzati per rendere più accettabile il rischio di cattiva gestione. Ad esempio, per la FASE 1 “input”, si dovrebbe indicare cosa deve contenere una istanza per mitigare il rischio in capo ai richiedenti di indicare erroneamente un procedimento, sia in capo agli operatori pubblici riceventi di valutare in maniera erronea a quale delle tre fattispecie corrisponde l’istanza di accesso. E così via per le altre fasi che introducono momenti di valutazione discrezionale, quale, ad esempio, la valutazione circa l’esistenza del “controinteressato” ed il “bilanciamento degli interessi”. Un esempio potrebbero essere le flowchart disponibili sul sito dell’ICO inglese.
  • Le Linee Guida per promuovere l’attuazione del nuovo diritto di accesso dovrebbero, inoltre, illustrare un numero significativo di esemplificazioni, dati, documenti e informazioni a cui non è stato possibile accedere in passato e che, invece, potranno essere oggetto di accesso generalizzato, spiegando, eventualmente, il diverso destino che tali istanze dovranno avere se presentate con il nuovo dispositivo normativo. A tale proposito si consiglia di utilizzare, ad esempio, i resoconti della Commissione per l’accesso, individuando casi risolti con il diniego all’accesso agli atti che, in caso di istanza di accesso generalizzato, dovrebbero concludersi con un accoglimento. Insomma, da un punto di vista metodologico, le Linee Guida dovrebbero offrire un vasto panorama di illustrazioni, schemi, rappresentazioni, semplificazioni, ecc, che esaltino un modello di accompagnamento oramai largamente praticato nel resto dei Paesi che adottano una normativa sull’accesso.
  • Le Linee Guida (o, alternativamente, una documentazione allegata), dovrebbero, infine, contenere suggerimenti e modelli per la corretta tracciabilità del processo decisionale e gestionale dell’operatore pubblico. A nulla, infatti, servirebbe un diritto di accesso generalizzato, se non venissero informati e formati gli operatori pubblici a gestire e conservarne correttamente la documentazione all’interno della quale si consolida il processo decisionale. Ad esempio, nel mondo sanitario, sarebbe opportuno fornire schede in cui si esemplifica la corretta registrazione degli incontri tra medici e informatori scientifici; anche in questo caso abbiamo dei validi esempi dal mondo anglosassone.
  • Le Linee guida dovrebbero spiegare alle amministrazioni come gestire la fase di contenzioso, almeno in alcuni casi particolari. Ad esempio: in caso di accoglimento parziale di una istanza di accesso per la quale è stato identificato un contro-interessato, come si deve comportare il PRCT, nel caso in cui il richiedente gli presenti istanza di riesame (chiedendo l’accoglimento totale), mentre il contro-interessato presenta direttamente ricorso al TAR (per chiedere che sia negato l’accesso?) Il RPCT deve aspettare l’esito del ricorso al TAR?
  • Le Linee guida costituendo la disciplina regolamentare per le Amministrazioni che non adottino un proprio Regolamento ed essendo in tal caso destinate sia ai dipendenti che ai cittadini, dovrebbero nell’allegato “ modalità per esercitare il diritto di accesso civico “essere più complete ed esaustive anche con riferimento alla tutela del cittadino richiedente o del cittadino controinteressato.

———————————————————————————————————————————–

Ciò premesso, si formulano le seguenti osservazioni, in ordine ai temi/paragrafi del documento messo in consultazione, secondo lo schema riportato nel modulo da Voi predisposto, al fine di facilitare l’inserimento dei contributi.

  1. L’accesso civico generalizzato: caratteristiche e funzioni

2.1 Introduzione

Eliminare il mero riferimento al FOIA, in mancanza di una compiuta declinazione, nelle Linee Guida in consultazione, di come vada configurato in Italia tale “nuovo sistema, in analogia agli ordinamenti aventi il Freedom of Information Act (FOIA), ove il diritto all’informazione è generalizzato e la regola generale è la trasparenza mentre la riservatezza e il segreto eccezioni”.

2.3 Distinzione fra accesso generalizzato e accesso agli atti ex L. 241/90

Si propone di eliminare l’ultimo paragrafo da “ nel rinviare …” a “ … documentale “ perché con detto paragrafo si fornirebbe, già nelle prime pagine, un criterio orientativo molto restrittivo, in base al quale in tutte le ipotesi in cui l’accesso agli atti ex L.241/90 sia stato negato, sarebbe negato anche l’accesso generalizzato, senza fare alcun cenno all’attività valutativa del pregiudizio concreto e del suo maggior peso rispetto al valore collettivo della trasparenza. L’anticipazione, in questa prima parte delle linee guida, di argomenti affrontati molto più avanti al punto 6.2.3, potrebbe inoltre indurre in errore e deresponsabilizzare le Amministrazioni che non proseguissero nella lettura completa delle Linee Guida. Si rammenta che le Linee Guida costituiranno il regolamento per tutte le Amministrazioni che non emanino una propria disciplina.

  1. Prime indicazioni operative generali per l’attuazione § 3

Adozione di una disciplina sulle diverse tipologie d’accesso § 3.1

Inserire nel Regolamento anche una sezione informativa sul diritto di accesso inoltrato al Responsabile anticorruzione titolare della Banca dati e una sezione sull’accesso alle informazioni ambientali, sì che le amministrazioni si organizzino perché i cittadini abbiano un’ampia informazione.

Adeguamenti organizzativi § 3.2

Aggiungere alla fine dopo “dati richiesti “ : “ferma restando l’individuazione del Responsabile del procedimento, ai sensi della vigente normativa, nomina importante perché il cittadino possa avere un interlocutore responsabile. “

  1. Ambito soggettivo e oggettivo di applicazione dell’accesso generalizzato

Ambito soggettivo

Ambito oggettivo

  1. Distinzione fra eccezioni assolute all’accesso generalizzato e “limiti” (eccezioni relative o qualificate) §5

5.1 Eccezioni assolute

5.2 Limiti (eccezioni relative o qualificate) § 5.2

Nell’attività valutativa delle amministrazioni il danno “specifico, concreto e diretto” agli interessi-limite, per prevalere e portare alla esclusione dell’accesso, deve essere valutato come più serio di quello che la mancata disclosure produrrebbe inevitabilmente alla collettività: Inoltre il processo logico seguito deve essere esplicitato chiaramente nella motivazione del diniego all’accesso.

Si richiama, a tal proposito, quanto suggerito da Mario Savino in Giornale Dir. Amm., 2016, 5, 593:

“Le tecniche più diffuse sono il “test del danno” e il “test dell’interesse pubblico”. La prima (harm test) richiede che l’amministrazione valuti se l’accesso possa danneggiare uno degli interessi-limite in modo “specifico, concreto e diretto” (natura del danno), nonché “ragionevolmente prevedibile” o “non meramente ipotetico” (probabilità del danno), secondo le formule più in voga nei FOIA. La seconda tecnica – public interest test – esige di considerare, in aggiunta, anche il danno che il diniego di accesso comporterebbe per l’interesse pubblico alla conoscenza delle informazioni: solo quando il primo (danno all’interesse-limite) è ritenuto più serio e probabile del secondo (danno all’interesse conoscitivo della collettività) l’accesso può essere negato.”

Alla lettera a) del quinto paragrafo del punto 5.2 nelle parole “tra gli interessi elencati all’art. 5, co. 1 e 2” si segnala un refuso: si tratta dell’articolo 5-bis e non dell’articolo 5, come indicato.

5.3 La motivazione del diniego d’accesso 

  1. Le eccezioni assolute 

6.1 Segreto di Stato

6.2 Altri casi di segreto o di divieto di divulgazione

6.2.1. Esemplificazione di casi di segreto e divieti di divulgazione

6.2.2. Eccezioni assolute in caso in cui l’accesso è subordinato dalla disciplina vigente al rispetto di specifiche condizioni, modalità o limiti, inclusi quelli di cui all’art. 24 c.1 della legge 241/90

6.2.3 Divieti di divulgazione espressamente previsti dal regolamento governativo di cui al co. 6 dell’art. 24 della legge 241 /1990 e dai regolamenti delle pubbliche amministrazioni adottati ai sensi del co. 2 del medesimo art. 24 § 6.2.3

Si consideri che l’art. 8 del D.P.R. 352/1992, cui le linee guida fanno riferimento, è tuttora in vigore “in via transitoria” in attesa dell’adozione del regolamento governativo (di cui all’art. 24 della legge 241/90) mentre il resto del DPR 352 è stato abrogato. Si offre alla considerazione dell’Autorità il fatto le disposizioni contenute nel citato articolo 8, nel prevedere che le amministrazioni emanassero i propri regolamenti in ordine all’esclusione dell’accesso a determinate tipologie di documenti, delimita l’ambito di tali regolamenti, stabilendo i criteri da utilizzare per valutare, sempre nel caso concreto e con riferimento ad un periodo temporale specifico, il pregiudizio che osterebbe all’accesso ai documenti.

Posto che con i regolamenti adottati all’epoca da alcune amministrazioni, in attuazione del D.P.R. n. 352/1992, erano state individuate ipotesi di esclusione, ai fini dell’accesso ex 241/1990, che dopo 25 anni e tante riforme in materia di trasparenza difficilmente potrebbero  attagliarsi all’innovazione dell’accesso civico del 2013 e dell’accesso generalizzato di quest’anno, si sperava che le linee guida ANAC fossero proiettate a far superare  le condizioni di incertezza delle amministrazioni e far loro compiere quel salto necessario ad attuare la recente riforma.

Ci aspettavamo un manuale di istruzioni per l’uso, seppure per un periodo sperimentale, invece, ci ritroviamo con indicazioni alquanto bizantine, talvolta molto contraddittorie,  del tipo “Nelle more dell’adozione di tale nuova disciplina e ferma restando l’attivazione immediata dell’esercizio dell’accesso generalizzato a partire da 23 dicembre 2016, le sole amministrazioni che abbiano adottato regolamenti in attuazione del D.P.R. 352/1992, contenenti esclusioni ai fini dell’accesso 241, sono autorizzate ad applicare, ove necessario, tali esclusioni anche ai fini dell’accesso generalizzato“.

In questa maniera si rischia di fornire alle amministrazioni, del tutto arbitrariamente, una sponda per trincerarsi dietro regolamenti emanati con riferimento ad altra normativa (art. 24, comma 4 peraltro non più in vigore) basata su un tipo di accesso che presuppone un interesse diretto, mentre qui, come per l’accesso civico introdotto nel 2013, si parla di un diritto di accesso che trova specifica giustificazione nell’interesse pubblico alla trasparenza.

Nulla vieta alle amministrazioni, nel ragionare se vi siano cause che ostano ad un accesso generalizzato da valutare in concreto, di ripercorrere percorsi logici già utilizzati in passato, inseriti o meno in regolamenti emanati per altre tipologie di accesso, magari per confermarli o discostarsene, a seconda del caso concreto e del raffronto tra il pregiudizio- limite e l’interesse pubblico alla trasparenza.

Cosa diversa è avallare che, laddove vi siano dei regolamenti già emanati, le PA (prevalentemente si tratta di Ministeri ed altri enti pubblici nazionali) applichino questi regolamenti anche all’accesso generalizzato, fino all’adozione di nuovi regolamenti, mentre le PA che non abbiano in passato emanato regolamenti in merito, nelle more dell’emanazione di proprie regole, applicano le linee guida dell’ANAC.

Questa impostazione conservativa, fatta di rinvii,  adatta più a depotenziare l’innovazione che ad accompagnarla e guidarla, appare peraltro andare ben oltre i poteri assegnati  – con il comma 6, dell’art. 5-bis  – all’ANAC che,  d’intesa con il Garante per la protezione dei dati personali e sentita la Conferenza unificata, dovrebbe solo adottare linee guida recanti indicazioni operative,  non certo prorogare l’entrata in vigore delle norme o autorizzare deroghe a questa o quella PA,  come sembrerebbe doversi intendere da una lettura del periodo riportato sopra in virgolettato ed anche da questo che segue: “In ogni caso, decorso il termine del 23 giugno 2017, le esclusioni previste nei regolamenti adottati in attuazione del D.P.R. 352/1992 non sono più applicabili con riferimento all’accesso generalizzato.”

6.2.4 Eccezioni all’accesso nei procedimenti tributari § 6.2.4

Si chiede di esprimere in maniera più semplice e con qualche esempio pratico cosa si intenda con il seguente periodo:

“Una volta divenuti accessibili, anche i dati ed documenti dei procedimenti tributari saranno poi soggetti all’applicazione dei limiti di cui all’art. 5 bis, co. 1 e 2.”

6.2.5. Eccezioni all’accesso concernente l’attività della pubblica amministrazione diretta all’emanazione di atti normativi, amministrativi generali, di pianificazione e di programmazione

6.2.6 Eccezioni all’accesso nei procedimenti selettivi

  1. I limiti (esclusioni relative o qualificate) al diritto di accesso generalizzato derivanti dalla tutela di interessi pubblici

7.1. Sicurezza pubblica e ordine pubblico

7.2. Sicurezza nazionale

7.3 Difesa e questioni militari

7.4 Relazioni internazionali § 7.4

Laddove a titolo esemplificativo si riportano tra gli atti relativi all’ambito delle relazioni internazionali meritevoli di attenzione, ai fini dell’accesso generalizzato:

 “documenti concernenti le procedure relative alla negoziazione ed alla stipula di accordi ed atti internazionali con altri Stati, ove vi sia la necessità non solo di tutelare la necessaria riservatezza degli atti inerenti i negoziati, ma anche per salvaguardare l’integrità degli stessi rapporti diplomatici con i Paesi interessati, che potrebbero essere pregiudicati se tali atti fossero resi accessibili; ciò sempre che gli stessi documenti od atti non siano stati pubblicati nel corso di conferenze internazionali”

Per una comprensione maggiore, usando come esempio un caso recente di denegata ostensione dei documenti ufficiali, si domanda all’ANAC di specificare, a titolo illustrativo, se ritenga, che i dati sulla posizione italiana nei negoziati internazionali del genere TTIP e CETA, destinati a condizionare gli interessi economici e della sicurezza anche alimentare di imprese e cittadini, vadano esclusi o meno dall’accesso generalizzato, secondo quali criteri e con quali limiti temporali.

7.5 Politica e stabilità finanziaria ed economica dello Stato § 7.5

I contratti dello Stato, anche in ambito finanziario, una volta sottoscritti, devono, a nostro parere, essere tutti pubblici. Se è vero che gli equilibri di finanza pubblica sono tutelati dagli artt. 81, 97, 117 commi 2 e 3 e 119 Costituzione e che, dal 2012, abbiamo il vincolo della parità di bilancio, il bene collettivo richiede che sia la sottoscrizione del debito e dei contratti finanziari (il cui peso assorbe la metà del PIL),  sia la gestione delle risorse pubbliche siano il più trasparenti possibile ché il danno alla credibilità delle istituzioni e al potenziale di sviluppo del Paese, in caso di mancata disclosure, è evidentemente di portata incalcolabile.

Chiediamo all’ANAC di esprimersi sulle ipotesi di accesso generalizzato ai contratti stipulati dalle PA, anche nel settore dei prodotti finanziari e derivati, facendo qualche esempio concreto.

7.6 Conduzione di indagini sui reati e loro perseguimento

7.7 Regolare svolgimento di attività ispettive

  1. I limiti (esclusioni relative o qualificate) al diritto di accesso generalizzato derivanti dalla tutela di interessi privati

8.1 I limiti derivanti dalla protezione dei dati personali

8.2 Libertà e segretezza della corrispondenza § 8.2

Aggiungere, come esempio, il caso in cui la Commissione per l’accesso ha espresso l’avviso che l’Amministrazione debba consentire la visione del protocollo informatico ed il rilascio della password del programma di contabilità del Comune al consigliere comunale, con la motivazione che la finalità è valutare la correttezza e l’efficacia dell’operato dell’Amministrazione. Pertanto richieste inerenti singoli atti e documenti sulla corrispondenza pubblica oggetto di accesso civico generalizzato, dovranno essere vagliati attentamente alla luce della finalità del decreto: controllo diffuso sull’operato della pubblica amministrazione e sull’uso delle risorse, fermo restando l’oscuramento dei dati sensibili e giudiziari.

8.3 Interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica, ivi compresi proprietà intellettuale, diritto d’autore e segreti commerciali

  1. Disciplina transitoria § 9

Rinominare il titolo del punto § 9 da “Disciplina transitoria” a “Registro degli accessi”

Motivazioni espresse nei punti seguenti.

Eliminare il punto b)

Il decreto 97/2016 è entrato in vigore il 23 giugno 2016. Si elimini pertanto dalle linee guida l’introduzione del termine entro cui le Amministrazioni debbano dotarsi di un Regolamento, dato che la previsione di detto termine da parte di ANAC non è prevista dalla normativa e, nei fatti, procrastina ulteriormente l’operatività dell’istituto dell’accesso generalizzato, precostituendo un alibi dilatorio per le Amministrazioni.

Al punto c), doposia istituito presso ogni amministrazione un registro delle richieste di accesso presentate (per tutte le tipologie d’accesso)aggiungere: “L’elenco delle richieste presentate e il relativo esito vanno pubblicate nella sezione Amministrazione Trasparente sottosezione dati ulteriori o nella sottosezione Accesso civico.”

Motivazione:

Il Registro non può non essere pubblicato on-line nel sito web, perché diversamente sarebbe anacronistico e inutile.

Si propone di inserire nei c.d. dati ulteriori un registro-elenco delle istanze presentate e il relativo esito. Pubblicare l’elenco delle richieste di accesso civico generalizzato e dei relativi esiti nella sottosezione di Amministrazione Trasparente, c.d. dati ulteriori, è il minimo che si possa fare per dare senso e concretezza al disposto dell’art. 3 comma 1  del d.lgs 97/2016 che si cita testualmente “Tutti i documenti, le informazioni e i dati oggetto di accesso civico, ivi compresi quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente sono pubblici e chiunque ha diritto di conoscerli, di fruirne gratuitamente, e di utilizzarli e riutilizzarli ai sensi dell’articolo 7. “

Se un dato è pubblico ma  non è pubblicato on-line, un cittadino del comune di Messina non potrà sapere se analoga richiesta è stata valutata positivamente dal comune di Bolzano o ancora peggio se in un Ministero non dovesse essere attuata l’auspicata organizzazione interna, l’ufficio interno x potrebbe non essere al corrente dell’esito di una richiesta inoltrata e già valutata negativamente dall’ufficio y, il che si pone in contrasto con i principi di trasparenza e semplificazione, aggravando inutilmente il sistema pubblica amministrazione. Nessun servizio si rende al cittadino che, ignaro dell’esistenza di precedenti richieste, reiteri istanze di accesso generalizzate già valutate ed esitate ma disconosciute. Questa non sarebbe trasparenza, sarebbe inutile e finta semplificazione.

ALLEGATO – MODALITA’ PER ESERCITARE IL DIRITTO DI ACCESSO CIVICO

Chi può presentare istanza di accesso civico ai sensi dell’aet. 5 del dlgs n. 33/2013?

E’ necessario motivare l’istanza di accesso civico?

Con quale modalità può essere presentata l’istanza di accesso civico?

Al punto c) specificare che le istanze possono essere inviate con posta elettronica ordinaria, unitamente alla copia in formato digitale del documento di identità.

Prima di ogni punto inserire “ovvero” per chiarire che si tratta di modalità alternative.

L’’uso del fax può essere consentito ma non è da incentivare per i costi di gestione che comporta la documentazione cartacea.

A chi deve essere indirizzata l’istanza di accesso civico?

Cosa si deve indicare nell’istanza?

Bisogna pagare per poter effettuare l’accesso civico?

Aggiungere dopo “supporti materiali” : “ si rammenta alle Amministrazioni che non è possibile predeterminare costi fissi in via preventiva e presuntiva come già peraltro affermato anche dalla Commissione per l’accesso, (Oneri economici connessi all’esercizio dell’accesso parere 8.35 del 19 dicembre 2014) e che, nel caso di istanze di accesso civico ai dati documenti e informazioni la cui pubblicazione è obbligatoria, non è richiesto alcun rimborso. 

Il soggetto destinatario dell’istanza è obbligato a darne comunicazione a eventuali soggetti controinteressati?

Quali sono i termini procedurali dell’accesso civico?

Eliminare il periodo “ovvero, nel caso in cui l’istanza riguardi dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi del d. lgs. n. 33/2013”

Motivazione: Bisogna specificare che la pubblicazione sul sito istituzionale della PA dei dati o documenti trasmessi ai richiedenti, in virtù dell’accesso civico generalizzato, deve essere assicurata tempestivamente, anche se  l’istanza non riguarda informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria, e ciò nel pieno rispetto di quanto disposto dal comma 1 dell’art. 3 del d.lgs. 33/2013, che include tra i dati pubblici tutti quelli oggetto di accesso civico, senza fare distinzione tra accesso ex comma 1 o comma 2 dell’art. 5 del d.lgs 33/2013. 

Esistono rimedi alternativi al ricorso al giudice nel caso di rifiuto o mancata risposta da parte dell’amministrazione?

Dopo “dal comma 6” aggiungere “dell’articolo 5,”

Quando si parla del difensore civico, aggiungere che ”purtroppo il rimedio non è possibile in tutte le Regioni ; si auspica che laddove sia previsto dalla normativa vigente, leggi o Statuti regionali , in considerazione dei nuovi importanti compiti attribuiti le istituzioni si attivino per l’istituzione del difensore civico.”

L’ente destinatario della richiesta di accesso civico può chiedere un parere formale al Garante per la protezione dei dati personali?

E’ possibile in ogni caso ricorrere al giudice?

Integrare le informazioni aggiungendo : “Il ricorso deve essere proposto entro 30 giorni dalla conoscenza della determinazione impugnata o dalla formazione del silenzio, mediante notificazione all’amministrazione e ad almeno un controinteressato.  L’amministrazione può essere rappresentata e difesa da un proprio dipendente a ciò autorizzato.

ALTRO:

Si suggerisce di inserire un’ultima parte alle Linee Guida, in considerazione che le stesse linee guida costituiranno Regolamento per tutte quelle Amministrazioni che non abbiano adottato un proprio regolamento o che, pur avendone adottato uno per la disciplina della L.241/90, non lo aggiornino in tempi brevi. In tal caso le stesse Linee Guida ANAC costituiranno il Regolamento di riferimento per il cittadino.

Questa parte che suggeriamo di aggiungere dovrebbe:

a) illustrare un numero significativo di esemplificazioni, dati, documenti e informazioni a cui non è stato possibile accedere in passato e che, invece, potranno essere oggetto di accesso generalizzato, spiegando, eventualmente, il diverso destino che tali istanze avrebbero avuto se fossero state presentate con il nuovo dispositivo normativo. A tale proposito si consiglia di utilizzare, ad esempio, i resoconti della Commissione per l’accesso. Insomma, da un punto di vista metodologico, le Linee Guida dovrebbero offrire un vasto panorama di illustrazioni, schemi, rappresentazioni, semplificazioni, ecc, che esaltino un modello di accompagnamento oramai largamente praticato nel resto dei Paesi che adottano una normativa sull’accesso.

b) Aggiungere ad esempio che i consiglieri comunali godono di un non condizionato diritto di accesso.

c) rammentare che il diritto garantito dall’articolo 10 del TUEL al cittadino residente di accedere agli atti degli enti locali non è condizionato alla titolarità in capo al soggetto accedente di una situazione giuridica differenziata , atteso che l’esercizio di tale diritto è equiparabile all’attivazione di un’azione popolare finalizzata ad una più efficace e diretta partecipazione del cittadino all’attività amministrativa dell’ente locale e alla realizzazione di un più immanente controllo sulla legalità amministrativa (Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi, seduta del 27 settembre 2011. Conformi: seduta del 10 maggio 2011; seduta del 15 marzo 2011; seduta del 7 luglio 2011; seduta del 17 gennaio 2013).

d) rammentare le deroghe: richieste fornite ai fini dell’esercizio del diritto di difesa da cittadini o difensori muniti di mandato.

e) rammentare il principio di leale collaborazione istituzionale cui deve essere informata l’acquisizione di documenti amministrativi da parte di soggetti pubblici .

f) rammentare che per l’accesso alle informazioni ambientali in attuazione della Convenzione di Aarhus, ratificata dall’Italia con la legge 108 del 16 marzo 2001, e ai sensi del decreto legislativo n. 195 /2005 chiunque, senza essere tenuto a dimostrare la sussistenza di un interesse giuridicamente rilevante, può accedere alle informazioni relative allo stato dell’ambiente e del paesaggio nel territorio nazionale.  

f) elencare i link utili:

  • Sito ANAC e linee guida
  • FAQ ANAC
  • Commissione di Accesso

Si presta il consenso alla pubblicazione integrale e non anonima sul sito dell’ANAC delle osservazioni dinanzi formulate e si acconsente con la trasmissione al trattamento dei dati personali secondo le modalità riportate sull’informativa reperibile all’indirizzo: http:://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/MenuServizio/privacy

 

 

 

 

 

 

 

Trasparenza sotto l’ombrellone

5b

Chiacchiere estive, da fare sotto l’ombrellone. La BCE ci bacchetta perchè abbiamo la qualità della regolazione peggiore tra i Paesi europei. Cosa significa qualità della regolazione? Facciamo un esempio: le leggi sulla trasparenza. Il ritmo è di una “riforma” ogni tre anni, con scarsi risultati, anzi, come nell’ultimo caso, un deciso passo indietro.

Per spiegarlo utilizzo una allegra storiella di corna, in perfetto stile Tognazzi e Gassman in quei meravigliosi film di quelle che dovevano essere altrettanto meravigliose estati degli anni ’60.

I protagonisti sono un marito in cerca di nuove avventure ed una moglie a cui non tornano i conti.

Davide Morini, è un tipico marito quarantenne italiano che, a un certo punto della sua vita, annoiato del solito menage familiare e assalito da pruriti da avventuriero, decide di farsi l’amante. Alla moglie, Marta, una donna intelligente che ha praticamente portato avanti la famiglia da sola, racconta di andare a giocare a calcetto, mentre invece si produce in performance amorose con una collega di lavoro.

Una sera Marta si insospettisce dopo che il marito, al ritorno dall’ennesima partita, risponde in maniera piuttosto elusiva ad alcune sue domande. Decide di andare più a fondo sulla questione.

Vuole sapere, in particolare, chi sono questi tipi con cui gioca a calcetto, non li ha mai conosciuti, ma Davide gli oppone un netto “diniego” dal momento che a Marta, così sostiene Davide, non è mai interessato nulla del calcetto: “Il calcetto è uno svago, a cosa ti serve sapere con chi vado a giocare? Non ti cambia nulla“(1).

Alle incalzanti proteste della moglie, Davide si difende asserendo: “quando ci siamo sposati ti avevo concesso, proprio perchè tu potessi fidarti totalmente di me, di accedere alle informazioni sul mio conto in banca e questo mi sembrava già abbastanza!“.

Allora Marta si infuria dicendo che in quel momento delle informazioni sul conto in banca non le interessava nulla e che non stava a Davide decidere quali informazioni rendere accessibili. Marta sbotta: “non è che se io voglio sapere se c’è qualcosa che non va tra noi, sei tu a decidere quali informazioni posso avere e quali no! Troppo comodo“. (2)

E continua, sempre più certa che c’è qualcosa di strano: “Fammi vedere i messaggi sul telefonino, o almeno i contatti di questi famosi amici del calcetto“.

In quel momento Davide tira fuori una argomento che, a suo insindacabile giudizio, non può essere messo in discussione: “Eh no, mia cara, così entri in una zona protetta; la mia privacy, anzi la nostra privacy non si deve violare per nessun motivo. E poi, così metti bocca su chi posso e chi non posso frequentare e questo renderebbe il nostro matrimonio un inferno“. (3)

La conversazione si chiude con Marta scurissima in volto: “ma il nostro matrimonio è già un inferno!

In quel momento Davide decide che deve fare qualcosa per salvare la sua reputazione di marito fedele pur seguitando nella sua sordida avventura. Organizza una vera partita di calcetto con alcuni suoi vecchi amici, sconosciuti a Marta, mettendola al corrente di tutti dettagli organizzativi, messaggi, contatti e invitandola a venire a vedere la partita.

Al termine della piacevole serata di riconciliazione Davide ammonisce Marta con: “Non pensi che il nostro matrimonio si legittimi ogni giorno di più sulla base della nostra reciproca fiducia? (4) Smettila, ti prego, di controllarmi in maniera così ossessiva e vedrai che andrà tutto per il meglio“. (5)

Marta si avvolge tra le sue braccia e dorme serenamente il sonno dei giusti. (6)

 

N.B. Lo stereotipo, di cui mi scuso, è il maschio avventuroso e la moglie sospettosa; ma posso testimoniare anche di situazioni contrarie. Inoltre, se, come alcuni (e come anche a me succede), vi identificate con Davide piuttosto che con Marta, allora non c’è speranza per questo Paese, nel senso che se percepite Marta come una inguaribile idealista, oppure come una maledetta rompiscatole e se pensate che “occhio non vede, cuore non duole”, be’, allora…

(1) cioè Davide sostiene che Marta non ha titolo ad accedere a quelle informazioni, in quanto non ha un interesse diretto, concreto e attuale, alle informazioni al quale ha chiesto l’accesso. E chi lo ha deciso? Ovviamente Davide che è il soggetto sorvegliato. In più la legge 241/90 (che è alla base del principio di cui stiamo parlando) esclude l’accesso in chiave di controllo dell’operato del decisore pubblico/Davide, ma si occupa di altro, cioè di mettere un soggetto nelle condizioni di utilizzare determinate informazioni per difendersi in giudizio, cioè, Marta avrebbe dovuto dire a Davide che quelle informazioni gli sarebbero servite nella causa di divorzio che avrebbe in mente di promuovere (uh?), mentre in realtà quelle informazioni le servono proprio per capire cosa fare.

(2) Ed è vero! il Dlgs 33/2013 in cui si sbandiera una sedicente “accessibilità totale” a dati e informazioni della pubblica amministrazione, in realtà, stabilisce che il “controllore”, cioè Marta, possa accedere solo a determinate informazioni, E chi decide a quali informazioni può accedere Marta? Guardacaso proprio il “controllato”, cioè il decisore pubblico/Davide, cioè colui che ha stabilito le regole. E’ uno dei tanti paradossi di quello che ho chiamato “Trasparentismo”, cioè un atteggiamento da parte del soggetto controllato che si atteggia a voler essere trasparente ma che, nei fatti, decide su cosa e come possa essere effettuata la sorveglianza…

(3).. per questo l’ultima speranza rimasta a Marta (e a noi) è il nuovo accesso civico promosso dal dlgs 97/2016 e che dovrebbe permettere a chiunque di accedere a dati e informazioni anche senza un interesse diretto (cosiddetto FOIA italiano). Senonchè, il numero e la vaghezza delle cause di esclusione permette al controllato (il decisore pubblico/Davide) di opporre facilmente un diniego. L’alibi migliore è sempre quello della privacy che, a tutt’oggi, è il principio che esclude gran parte della possibilità di fare chiarezza su comportamenti e scelte del decisore pubblico. Ma ci sono anche molte altre cause di esclusione che, peralto, sono dei “criteri” (ad esempio, la tutela delle relazioni internazionali) e per questo interpretabili da parte del decisore pubblico che potrà escludere l’accesso se prevede che l’esito della sorveglianza gli sarà sfavorevole (delegittimante), mentre potrà ammettere l’accesso se prevede che l’esito della sorveglianza gli sarà, al contrario, favorevole (legittimante).

(4) Ed ecco la versione italiana della trasparenza che, invece che uno strumento di sorveglianza, si trasforma in uno strumento di legittimazione e che ne determina l’assoluta inutilità. Il decisore pubblico rende visibili solo i dati e le informazioni che servono a “spiegare” e illustrare ai cittadini/utenti l’ardua complessità del suo operare. Questo al fine, si dice, di determinare una rinnovata fiducia con il pubblico. E questo con buona pace del fatto che la legittimazione di chi governa o amministra, di solito, dovrebbe essere garantita dal voto popolare…

(5) C’e da dire, infine, che a queste affermazioni non si è ancora spenta l’eco della tonante esplosione avvenuta nel luogo esatto dove era sepolto Karl Popper…

(6) Meglio avrei detto: “il sonno dei cornuti”…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: