Scheda corso – VALUTARE E GESTIRE IL CONFLITTO DI INTERESSI IN 5 PASSI (corso online a fruizione individuale)

Una solida valutazione delle situazioni di conflitto di interessi si costruisce attraverso un’indagine approfondita sulla minaccia all’imparzialità, in termini di probabilità, e sulla minaccia alla percezione di imparzialità, in termini di impatto. Il consolidamento di siffatti meccanismi di valutazione che promuovono la cultura della gestione del rischio permetterebbero di superare le questioni di certezza del diritto e di operare in uno schema di piena consapevolezza degli Agenti così come dei valutatori interni (RPCT, dirigenti, ecc…).

Il corso mira a trasferire un “metodo di valutazione e di gestione” delle situazioni di conflitto di interessi in ogni processo organizzativo pubblico.

NUOVO CORSO. VALUTARE E GESTIRE IL CONFLITTO DI INTERESSI IN 5 PASSI.

DESTINATARI: Aperto a tutte le organizzazioni pubbliche (amministrazioni centrali, Enti Locali, amministrazioni del SSN, Enti pubblici, società controllate e/o partecipate).

Il corso è disponibile per una fruizione individuale.

IL CORSO DI FORMAZIONE IN MODALITA’ ELEARNING E’ ANCHE FRUIBILE SULLA PIATTAFORMA “SPAZIOETICO ACADEMY“.

Chi vuole ricevere maggiori informazioni in merito al corso può scrivere a: info@spazioetico.com

DISPONIBILITA’: 10/15 giorni dall’acquisto

Una solida valutazione delle situazioni di conflitto di interessi si costruisce attraverso un’indagine approfondita sulla minaccia all’imparzialità, in termini di probabilità, e sulla minaccia alla percezione di imparzialità, in termini di impatto. Il consolidamento di siffatti meccanismi di valutazione che promuovono la cultura della gestione del rischio permetterebbero di superare le questioni di certezza del diritto e di operare in uno schema di piena consapevolezza degli Agenti così come dei valutatori interni (RPCT, dirigenti, ecc…).

Il corso mira a trasferire un “metodo di valutazione e di gestione” delle situazioni di conflitto di interessi in ogni processo organizzativo pubblico.

La conformazione testuale dell’articolo 42 del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 – Codice dei contratti pubblici – permette, per la prima volta, di costruire un “metodo di valutazione”. Le Linee Guida ANAC n. 15/2019 «Individuazione e gestione dei conflitti di interesse nelle procedure di affidamento di contratti pubblici», inoltre, forniscono un chiaro orientamento alle stazioni appaltanti, le quali devono individuare preventivamente possibili situazioni di rischio che possano far emergere, nelle varie fasi della procedura, conflitti di interesse non dichiarati o non comunicati. Il rischio che si intende evitare può essere, ai sensi dell’art. 6-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241 e dell’art. 53 del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, soltanto potenziale e viene valutato ex ante rispetto all’azione amministrativa.

Spazioetico ha sviluppato un metodo di valutazione “per scenari“. L’uso degli scenari nella valutazione dei conflitti di interessi si rivela un’arma molto utile per non cadere vittime della complessità di questo fenomeno.

Il nostro obiettivo è di trasferire questo “metodo di valutazione” e permettere ai partecipanti di indagare la prevedibilità di scenari in cui i vari elementi di un conflitto di interessi interagiscono in maniera tale da generare un’interferenza (e la caduta di un interesse primario). 

L’attività di valutazione mira a valutare se un conflitto di interessi si è manifestato nella realtà, così come farebbe un giudice amministrativo e, conseguentemente, annullare un provvedimento finale. Oppure come farebbe il Presidente di una commissione di gara che si trova a valutare l’astensione di un commissario o se escludere o meno un concorrente (ex art. 80  comma 5, lett. d del Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50). 

Questo metodo di valutazione, peraltro, potrebbe essere adottato anche nella situazione in cui un Agente pubblico sta valutando se dichiarare di essere in conflitto di interessi e proporre di astenersi. Così come potrebbe essere il metodo di valutazione del superiore gerarchico o del RPCT che si trova a valutare l’astensione del dichiarante. 

La valutazione si compone di 5 STEP:

  1. Chi è il Soggetto in Valutazione (SIV)?
  2. Quale è la sua potenzialità di influenzamento?
  3. Ha interessi nella vicenda? Quanto sono intensi?
  4. Questo scenario minaccia l’imparzialità della procedura? (PROBABILITA’)
  5. Questo scenario può rappresentare una minaccia alla percezione di imparzialità? (IMPATTO)

.