SPAZIOETICO ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

IL CONFLITTO DI INTERESSI. Un caleidoscopio di situazioni a rischio

FORMAZIONE GENERALE CON APPROCCIO CONTENUTISTICO E VALORIALEattraverso il modello SPAZIOETICO

Destinatari: ENTI LOCALI, AMMINISTRAZIONI DEL SERVIZIO SANITARIO  (ogni altro Ente coinvolto nell’applicazione della legge 190/2012)

Obiettivo del percorso formativo. 

  • Approfondire il tema del conflitto di interessi fornendone una definizione condivisa,
  • Illustrare, attraverso casi concreti, cosa si intende per “interesse primario”, “interesse secondario”. 

 

Al seguente link si possono consultare alcune RISORSE di @spazioetico sul conflitto di interessi: https://spazioetico.com/risorse-spazioetico-conflitto-di-interessi/ 

Da un po’di tempo la nostra riflessione (e parte dei nostri corsi di formazione) sono concentrati sul fenomeno del conflitto di interessi. Un fenomeno complesso, la cui gestione è spesso ridotta ad un semplice adempimento burocratico (una firma in calce a un modulo che suggerisce tra le righe che è meglio non averli i conflitti di interessi!)

In realtà il conflitto di interessi non è una condotta illecita, ma una situazione di fatto che può, se non correttamente gestito, diventare un precursore della corruzione.

E’ difficile comprendere il fenomeno, ma lo è ancora di più trovare dei modelli che riescano a tradurre questa complessità in modo efficace dal punto di vista formativo.

Ci abbiamo messo quattro anni a comprendere i meccanismi che avviano ed alimentano un conflitto di interessi ed altri due per imparare a raccontarlo nel migliore dei modi. E’ stato un percorso lungo e faticoso e ringraziamo chi ha partecipato ai nostri corsi (e ci ha proposto situazioni concrete da decodificare). Ringraziamo anche i nostri casi che, quasi vivendo di vita propria, ci hanno condotto là dove mai avremmo pensato di arrivare.

Fare formazione sul conflitto di interessi presuppone il possesso di una precisa strategia che consiste in almeno quattro passi, compiuti i quali un formatore può responsabilmente auto-dichiararsi un umile apprendista in questa appassionante materia.

Per approfondire il nostro punto di vista sull’argomento, si prega di consultare l’articolo: “Il conflitto di interessi che non c’era”. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: