@spazioetico

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

La corruzione “SPICCIOLA”

petty corruption.jpg

Torino, corruzione in procura: 7 accusati. “Carabiniere forniva assistiti a penalista in cambio di lavoro per i figli e auto”.

(Fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/

E’ il titolo che abbiamo scelto oggi, 21 giugno 2018: un caso esemplare di “ORIENTAMENTO AL PRIVATO”, una condotta che un agente pubblico non dovrebbe tenere.

Una storia di piccola corruzione: c’è l’appuntato che si adopera per portare clienti a un avvocato e l’avvocato lo ringrazia rendendogli più facile la vita: ed ecco che entrano in scena il medico che esegue gratuitamente l’intervento agli occhi, il concessionario che fa un buon prezzo, il ristoratore che offre la cena a 18 persone. Il barista perseguitato da un poliziotto, che si rivolge al carabiniere, che conosce l’avvocato giusto. Un intricato sottobosco di miseria umana. Piccoli problemi, piccoli guadagni, piccoli ricatti, piccoli favori…

Stiamo parlando di “interessi-guida” che, in questo caso, nulla hanno a che fare con l’ambizione di gestire un potere o far parte di una ristretta cerchia elitaria, come nel caso di Roma. Si posizionano, più che altro, nella parte inferiore della piramide di Maslow,

maslow.jpg

nella soddisfazione di interessi primari, come la sicurezza, propria e della propria famiglia. In questi casi si usa anche il termine “petty corruption“, per intendere la corruzione “spicciola” così diversa dalla corruzione “sistemica” eppure così tanto diffusa.

Questa commedia torinese suggerisce un interrogativo inquietante: qual era il senso della vita di queste persone? Per cosa vivevano? 

Probabilmente, la vita di queste persone non andava da nessuna parte in particolare: tiravano a campare. A stare un po’ meglio del proprio vicino di casa. Ad annegare il più tardi possibile. Una vita da randagi che frugano nei rifiuti. 
Una vita guidata dai bisogni più banali: cambiare la macchina, curarsi gli occhi, andare fuori a mangiare. 

È questa la “dimensione etica”, la questione morale, che chi si occupa di prevenzione della corruzione deve affrontare. Non tanto la mancanza dei valori dell’etica pubblica, bensì la caduta e la crisi di qualunque valore. Di qualunque sogno, idea, sentimento in grado di fare allargare lo sguardo, dare un senso, una direzione, alla vita. 

Senza valori siamo come pesci che si dimenano in una pozzanghera. Soffochiamo nel presente. Abbiamo perso quell’oceano chiamato futuro. E senza futuro non c’è responsabilità. E quando si diventa irresponsabili, la corruzione non sembra più un problema. Anzi, sembra un’ottima opportunità. Se sei dalla parte giusta. Che poi è la parte sbagliata: quella del corrotto o del corruttore. Ma tu non sai che è sbagliata, perché sei già morto dentro.

 

Manuale Operativo sull’Accesso Civico Generalizzato. Dove acquistarlo?

copertina_ACG_DiRienzo_Ferrarini_Maggioli

… Non è razionale. Sono le normali logiche della vendita dei libri su Internet. Però un po’ di emozione l’abbiamo sentita, Quando abbiamo visto che il “Manuale Operativo sull’Accesso Civico Generalizzato” è in vendita sul sito di Maggioli, Hoepli, Feltrinelli, su due siti di librerie universitarie e che sta per “sbarcare” su Amazon.
Lo abbiamo scritto con molto impegno. Ci abbiamo messo dentro tutto quello che amiamo del nostro lavoro: raccontare storie, proporre modelli e strumenti, sperare che la libertà di informazione (riconosciuta ad ogni cittadino) possa creare un’opinione pubblica più consapevole. Più attenta agli interessi di tutti. Un popolo meno populista, ma anche meno cieco di fronte ai conflitti di interessi e alla corruzione, insomma. Gente capace di elaborare le informazioni e sfuggire alle fake news.
Adesso questo libro, come un figlio, cammina da solo per il mondo. Potrà incontrare molte persone che lo leggono, oppure finire al macero
Dipende da voi.

https://www.maggiolieditore.it/manuale-operativo-sull-accesso-civico-generalizzato.html

https://www.amazon.it/Manuale-operativo-sullaccesso-civico-generalizzato/dp/8891628409

https://www.libreriauniversitaria.it/manuale-operativo-accesso-civico-generalizzato/libro/9788891628404

https://www.unilibro.it/libro/di-rienzo-massimo-ferrarini-andrea/manuale-operativo-sull-accesso-civico-generalizzato/9788891628404

https://www.hoepli.it/libro/manuale-operativo-dell-accesso-civico-generalizzato/9788891628404.html

 

 

 

 

“L’azzardo morale del Principale”. Prevenire la corruzione nelle società e negli enti privati controllati dalla pubblica amministrazione

azzardo morale principle

I Lettori di @spazioetico se ne saranno accorti: siamo “specializzati” in prevenzione della corruzione in Sanità, nelle Regioni e negli Enti Locali. Sono questi i settori che, in questi anni, hanno dimostrato interesse per il nostro approccio, che non insegue gli adempimenti, ma vuole proporre idee e strumenti per affrontare in modo consapevole i fenomeni (conflitto di interessi, mala gestio, dilemmi etici) che innescano il rischio di corruzione.

Oggi, invece, vorremmo parlare della prevenzione della corruzione nelle società e negli enti privati controllati dalla pubblica amministrazione.

L’applicazione della normativa anticorruzione nelle società e negli enti privati in controllo pubblico ha seguito un  percorso abbastanza accidentato. Già il P.N.A. 2013, infatti, aveva previsto:

  • che tali organizzazioni, di natura privata, dovessero adottare delle misure di prevenzione della corruzione e di promozione della trasparenza come se fossero pubbliche amministrazioni;
  • che, dal punto documentale, le misure di prevenzione fossero definite integrando i Modelli 231 eventualmente adottati in precedenza.

Nel 2015 ANAC ha approvato delle linee guida (le n. 8 del 17 giugno 2015)  , elaborate insieme al MEF (che hanno in parte confermato l’orientamento del PNA 2013), ma che sono diventate “obsolete” già nel 2016. La riforma della pubblica amministrazione, infatti, ha ridefinito la normativa sulle società pubbliche (d.lgs. 175/2016) e l’ambito soggettivo di applicazione della normativa sulla trasparenza (d.lgs. 97/2016). Conseguentemente ANAC ha dovuto aggiornare e modificare i propri orientamenti ed ha, finalmente, approvato delle nuove linee guida (Delibera ANAC n. 1134/207).

Dopo questo brevissimo excursus, non vogliamo assolutamente entrare nel merito degli adempimenti previsti dalla normativa, né tanto meno mettere in discussione l’utilità delle linee guida di ANAC, che sempre di più paiono limitarsi a leggere la normativa anticorruzione, anziché leggere i fenomeni corruttivi.

No, nulla di tutto questo. Vorremmo soltanto farci (e farvi) una domanda:

  • la strategia di prevenzione della corruzione nelle società e negli enti privati controllati dalla P.A. è veramente in grado di tenere sotto controllo il rischio di corruzione? 

La risposta che ci sentiamo di dare è: “Non del tutto!”.  La strategia scelta dal legislatore (e conseguente ANAC) è a prima vista sensata: applicare alle società e agli enti privati in controllo pubblico le stesse misure previste per le pubbliche amministrazioni (identificazione di un RPCT, identificazione dei processi a rischio, introduzione di misure di controllo sui processi, pubblicazioni obbligatorie, ecc …)  Ma se le società e gli enti controllati devono adottare le stesse misure di prevenzione delle amministrazioni controllanti, allora controllante e controllata dovrebbero essere esposte agli stessi rischi di corruzione. E questo non è vero. 

Il sistema di prevenzione delle pubbliche amministrazioni, definito dalla L. 190/2012, si concentra sugli uffici e sulla gestione dei processi. Gli organi di indirizzo non sono considerati “a rischio”. Questo perché la L. 190/2012 gestisce i fenomeni corruttivi generati dall’azzardo morale del dipendente pubblico, cioè la corruzione che si genera quando il dipendente pubblico (AGENTE) favorisce interessi propri o di terzi, anziché lavorare e decidere nell’interesse della collettività (PRINCIPALE).

relazione principale agente

Effettivamente, i Ministeri, le Regioni, i Comuni, le Agenzie Nazionali e tutti gli enti della pubblica amministrazione sono fortemente esposti al rischio di azzardo morale da parte degli agenti pubblici. Azzardo morale che si concretizza in varie fattispecie di reati: peculato, corruzione, concussione, ecc …

Le società e gli enti privati controllati (specialmente le società strumentali o gli enti che erogano servizi di pubblico interesse o servizi alla pubblica amministrazione) sono in effetti molto spesso degli Agenti, delegati ad agire e finanziati dalla pubblica amministrazione, che funge da Principale.

relazione principale agente 2

Quindi in parte ha senso cercare di prevenire la corruzione che si genera “dentro” le società e gli enti privati in controllo pubblico, come cerca di fare l’attuale normativa. Questa strategia però non è in grado di tenere sotto controllo un rischio specifico, che si manifesta esclusivamente nelle società e negli enti privati controllati: il rischio di corruzione che si genera fuori dalla controllata, magari proprio in seno alla P.A. controllante, e che usa la società o l’ente in controllo come veicolo, come strumento.

È una forma di corruzione difficile da identificare e gestire. E’ l’azzardo morale del Principale. E’ la corruzione del sistema.

Questa corruzione è difficile da identificare anche perché a volte non intacca la performance dell’organizzazione, ma è sotto gli occhi di tutti. Molto spesso, nei decenni passati, le società pubbliche sono state create per consentire alle pubbliche amministrazioni di aggirare i vincoli normativi. Era abbastanza diffusa l’abitudine di fare assumere il personale dalle società controllate e poi di fatto farlo lavorare presso l’amministrazione controllante… Queste ed altre “manovre” non erano messe in atto in cattiva fede. Non erano corruzione. Ma dimostrano che le società controllate possono essere facilmente usate per scopi diversi da quelli per cui sono state create.

Ovviamente, il rischio di azzardo morale dell’agente a vantaggio proprio o di terzi è sempre dietro l’angolo, e quindi ben vengano le misure di prevenzione previste dalla L. 190/2012 per le pubbliche amministrazioni, che devono essere adottate anche dalle società controllate e dagli enti privati in controllo pubblico! E ben vengano anche i Modelli 231, che presidiano anche il rischio di azzardo morale dell’agente a vantaggio della società o dell’ente.

Tuttavia, gli stessi enti e le stesse società dovrebbero andare oltre il mero adempimento e controllare il rischio di azzardo morale del Principale che si scarica su tutti processi di queste organizzazioni e che può causare gravi danni (di immagine ed economici) mettendo  rischio la loro stessa esistenza.

Noi di @spazioetico abbiamo provato ad illustrare questo particolare “bias normativo” con un caso (come al solito) che ci sembra assai esplicativo. Lo potete trovare al seguente indirizzo: https://www.slideshare.net/m_dirienzo/spazioetico-anticorruzione-societaincontrollopubblico

 

Un fumetto di @spazioetico, per raccontare il conflitto di interessi

1a

Anche noi di @spazioetico ogni tanto ci divertiamo. Ma ci divertiamo in modo responsabile…

Abbiamo deciso di scrivere il nostro primo fumetto. Parla del Comune di Busecca, un Comune “difficile” nei dintorni di Milano. E del Comandante della Polizia Municipale, Pietro Ghisa, alle prese con la delinquenza dilagante e con un Sindaco appena eletto, che vuole riempire la città di telecamere per la videosorveglianza.

Ci sono anche Gaetano Rottweiler (Carabiniere Italo-Tedesco) e la “Bidoni Srl” che non fornisce al Comune telecamere propriamente funzionanti.

1Ma non tutto è perduto! Arriva la “Wonderful Spa”, con le sue meravigliose telecamere… talmente meravigliose, che si decide di frazionare gli affidamenti, per affidare sempre a lei il servizio di installazione e manutenzione!

Al fumetto segue una analisi delle reti di collegamento e degli interessi in gioco, per dimostrare che le convergenze di interessi (gli interessi pubblici che vanno “a braccetto” con gli interessi privati) a volte sono pericolosi tanto quanto i conflitti di interessi.

Il fumetto lo trovate QUI

Buona lettura!

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: