NUOVO CORSO @Spazioetico – Il conflitto di interessi nelle attività di controllo in ambito sanitario

Presentazione del corso

IL CORSO DI FORMAZIONE IN MODALITA’ ELEARNING E’ ANCHE FRUIBILE SULLA PIATTAFORMA “SPAZIOETICO ACADEMY“.

Le organizzazioni che hanno interesse ad acquistare il corso possono scrivere a: info@spazioetico.com

DISPONIBILITA’: immediata.

ACQUISTABILE SU MEPA. Codice “SE73”.

FRUIBILITA’: su piattaforma Spazioetico Academy oppure su piattaforma dell’Ente committente.

Disponibile anche per una fruizione INDIVIDUALE.

Il conflitto di interessi è un meccanismo di base della corruzione. Il suo ruolo nell’emersione e nell’amplificazione del rischio di corruzione è poco noto. Il conflitto di interessi è una situazione, uno “stato di cose” particolare, che si instaura tra l’agente pubblico, gli interessi della sua sfera privata e le attività o le decisioni che l’agente pubblico deve gestire nell’interesse collettività, con particolare riferimento alle funzioni svolte nell’area dei controlli in ambito sanitario (Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali, Istituti Zooprofilattici, ecc…).

Visto da questa prospettiva, il rischio di conflitto di interessi è associato a determinati “scenari” o situazioni e non a comportamenti, perché i comportamenti che l’agente pubblico potrebbe mettere in atto, per favorire il proprio interesse secondario a discapito dell’interesse primario, rientrano già nella casistica del rischio di corruzione.

Il corso di formazione accompagna il partecipante a decodificare correttamente gli scenari che richiedono, da parte sua e da parte della sua organizzazione, una attenta analisi volta a stabilire la necessità di dichiarare una situazione di conflitto di interessi e, se del caso, alla astensione.

Obiettivi formativi
– Definire correttamente una situazione di conflitto di interessi 
– Riconoscere una situazione di conflitto di interessi che si manifesta all’interno del processo di controllo in ambito sanitario 
– Acquisire la capacità di valutare l’intensità degli interessi secondari ed il rischio di corruzione connesso
– Gestire una situazione di conflitto di interessi con gli strumenti regolamentari dell’organizzazione e dell’Ordinamento giuridico.

Modalità didattica
Conoscere le misure di contrasto alla corruzione non basta. Occorre comprendere come i meccanismi che sono alla base delle dinamiche corruttive, e, cioè, le vulnerabilità organizzative, la configurazione degli interessi ed i meccanismi di auto-manipolazione, influenzino l’agire degli agenti pubblici in concreto. L’uso di scenari di vita reale e la formazione attraverso “dilemmi etici” dovrebbe costituire lo standard di riferimento per la formazione in materia di prevenzione della corruzione.

Per SPAZIOETICO la formazione rappresenta la misura di prevenzione della corruzione più rilevante. Essa dovrebbe essere erogata attraverso modalità innovative che favoriscano la partecipazione ed il coinvolgimento non formale degli agenti pubblici. Ad esempio, l’analisi di casi e concreti e l’apprendimento attraverso “dilemmi etici”.

Quello che proponiamo non ha nulla a che vedere con l’aggiornamento professionale, cioè con una formazione centrata sulla figura dell’esperto che trasferisce contenuti. Noi siamo “formatori” e quello che trasferiamo sono nuove modalità di osservare fenomeni e di leggere ed interpretare le dinamiche che generano il rischio di corruzione. Ovviamente, all’interno di un contesto normativo che rappresenta la cornice di riferimento dell’agire quotidiano degli agenti pubblici.

Nel corso di questi anni abbiamo sviluppato contenuti e metodi che fanno parte del nostro DNA di formatori, mettendo a disposizione delle amministrazioni e delle organizzazioni prodotti e servizi sempre più personalizzati e adattabili alle nuove modalità di fruizione.

L’approccio SPAZIOETICO è di riferimento per la formazione in materia di prevenzione della corruzione. Il Piano Nazionale Anticorruzione (aggiornamento 2019) privilegia una formazione basata sull’esame di “casi concreti”, con riferimento a situazioni, fatti e vicende che i dipendenti vivono e osservano nello svolgimento della loro quotidiana attività professionale. Per questo, abbiamo inserito, all’interno del corso, dei “real-life scenario”, cioè dei “casi concreti” nei quali un personaggio di nostra invenzione affronta il suo percorso all’interno del “processo” che intendiamo analizzare. L’analisi del rischio di corruzione si poggia quindi su “storie” che servono agli individui per orientarsi e costruire in autonomia le proprie “mappe”.

Moduli 
Il corso si sviluppa in 3 moduli: 

Modulo 1. I Meccanismi di base della corruzione 

Modulo 2. Il conflitto di interessi 

Modulo 3. Nel Mondo di Mezzo