La formazione sui casi concreti e quella telefonata dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione che non arriverà mai…

telefono_SNA

Proprio in questi ultimi mesi dell’anno Spazioetico sta realizzando percorsi di formazione in materia di prevenzione della corruzione che potremmo definire di terza generazione.

La prima generazione della formazione in materia di prevenzione della corruzione vedeva docenti e partecipanti impegnati nell’interpretare la normativa e nel decodificare la strumentazione a volte piuttosto incoerente messa a disposizione. Più che di “formazione” si sarebbe dovuto parlare di “aggiornamento professionale”. Il fabbisogno formativo era guidato dalla emergente normativa e della fitta regolamentazione che è stata adottata in seguito. L’approccio “casi concreti” era una indicazione metodologica già presente nel PNA 2013, ma rappresentava poco più che una scommessa giocata da formatori (noi di Spazioetico) che si annoiavano mortalmente durante i corsi in cui si leggevano le norme o le disposizioni del PNA. Stiamo parlando degli anni 2013-2015, per intenderci. 

La seconda generazione della formazione ha visto crescere la qualità della domanda che è stata progressivamente “guidata” dall’organizzazione committente. Si individuavano aree specifiche e si richiedevano interventi che fossero maggiormente contestualizzati non solo rispetto alla tipologia di amministrazione ma anche rispetto ai diversi processi e aree a rischio all’interno della stessa organizzazione. L’approccio “casi concreti” era un’opzione, anche se ormai nota, che caratterizzava una certa offerta formativa. Stiamo parlando degli anni 2016-2019.

La terza generazione della formazione, quella che ci potrebbe vedere impegnati in futuro, è ancor più orientata dalla consapevolezza dei committenti (RPCT e uffici formazione), i quali cominciano a comprendere che la dimensione organizzativa è solo il luogo dove si scarica la corruzione, ma che la dimensione economica ed etica, le reti di relazioni, i conflitti di interessi ed i bias cognitivi, per intenderci, sono elementi indispensabili da affrontare nel percorso di crescita della consapevolezza rispetto al fenomeno corruttivo. Per queste tematiche, l’approccio “casi concreti” è l’unico approccio possibile, perché è l’unico approccio in grado di mettere in scena e far comprendere la complessità delle dinamiche generative dell’evento corruttivo.

Il PNA 2019 ribadisce che l’approccio “casi concreti” non può essere più una opzione oppure una felice sperimentazione, ma… L’Autorità valuta positivamente, quindi, un cambiamento radicale nella programmazione e attuazione della formazione, affinché sia sempre più orientata all’esame di casi concreti calati nel contesto delle diverse amministrazioni e favorisca la crescita di competenze tecniche e comportamentali dei dipendenti pubblici in materia di prevenzione della corruzione“.

Una vera presa di posizione, si direbbe. Tanto che poi… “L’Autorità auspica che, con la Scuola nazionale della pubblica amministrazione e con le strutture pubbliche che rilevano fabbisogni formativi e programmano iniziative di formazione, possano svilupparsi progetti educativi improntati ai criteri sopraesposti“.

Ovviamente stiamo aspettando una chiamata dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione con cui non abbiamo mai avuto il piacere di collaborare. Ma questo è solo un dettaglio narcisistico. 

Ci possono essere, infatti, modalità diverse nell’utilizzare l’approccio che ormai potremmo battezzare “CASI CONCRETI”.

Il nostro approccio è piuttosto semplice. Per noi di Spazioetico:

1. Occorre avere familiarità con la teoria dell’Agenzia «ESTESA»
2. E’ necessario imparare a immaginare «SCENARI»
3. Nell’analisi dei casi, si sospende il processo decisionale e si analizza il “dilemma etico”.

Quest’ultimo passaggio sembra anch’esso in linea con le indicazioni contenute nel PNA 2019: “Gli interventi formativi è raccomandato siano finalizzati a fornire ai destinatari strumenti decisionali in grado di porli nella condizione di affrontare i casi critici e i problemi etici che incontrano in specifici contesti e di riconoscere e gestire i conflitti di interessi così come situazioni lavorative problematiche che possono dar luogo all’attivazione di misure di prevenzione della corruzione“.

Alcune amministrazioni ci hanno proposto percorsi più strutturati e, per noi, assai interessanti. Ad esempio il Comune di Rho ci ha chiesto di realizzare per il 2019-2020 una serie di tre diversi interventi:

  1. 2 giornate di formazione di formatori interni (dicembre 2019). Durante le giornate viene presentata la metodologia per analizzare casi concreti e scenari che presentano dinamiche di conflitto di interessi e rischio di corruzione.
  2. Avvio di gruppi di lavoro (2020) all’interno dei diversi uffici del Comune, con il supporto di video-lezioni e schede di analisi (realizzate dalla E-Learning Factory di  Spazioetico). I gruppi di lavoro saranno gestiti dai formatori interni che hanno partecipato alla formazione iniziale, con il supporto delle video-lezioni e delle schede di analisi prodotte da Spazioetico. Le video-lezioni conterranno casi concreti da analizzare. Sono state anche individuate le aree e gli uffici da coinvolgere.
  3. 2 giornate di formazione in cui verrà presentato e analizzato il lavoro svolto (2020).

L’utilizzo di formatori interni è anch’essa un’opzione auspicata dal PNA 2019. Infatti occorre, secondo ANAC: “tenere conto dell’importante contributo che può essere dato dagli operatori interni all’amministrazione, inseriti come docenti nell’ambito di percorsi di aggiornamento e formativi in house“.

Diverse organizzazioni ci stanno chiedendo di accompagnarle nella diffusione di Policy e regolamenti interni, proprio per escludere o mitigare il rischio che questi strumenti di regolazione siano percepiti come ennesima burocrazia. Non riusciamo più a contare le amministrazioni ed i singoli dipendenti che ci palesano l’assurdità e la assoluta inadeguatezza della gestione “modulistico-centrica”, ad esempio, del conflitto di interessi. 

Ovviamente in questi anni abbiamo anche osservato lo sviluppo di quelle che potremmo definire delle “derive” della formazione.

Prima di tutto, la formazione sulla mappatura dei processi e sulla valutazione del rischio che, in teoria dovrebbe far parte del passato, ancora sembra essere al centro delle attività formative di molte organizzazioni che, peraltro, inseriscono tale formazione, che è eminentemente specialistica, anche come “formazione generale” cioè rivolta a tutti i dipendenti. Il PNA 2019, rimettendo in discussione la metodologia di valutazione del rischio, ha rinfocolato questa specie di pandemia rischiocentrica che, per molti anni, ha fatto credere a molti che la prevenzione della corruzione si realizzi nel momento esatto in cui io ho assegnato un valore tra 1 e 5 (ed ora “alto”, “medio” e “basso”) ad un fattore di rischio.

Una seconda deriva che abbiamo osservato in questi anni è stato il tentativo, anche del tutto meritevole, di sovrapporre la prevenzione della corruzione alla qualità dei processi e alla performance organizzativa. La formazione in questo ambito serve soprattutto a riqualificare i processi organizzativi con l’idea che meglio funziona un’amministrazione, meno rischio di corruzione ci sarà. Il che è vero in molti casi. Ma si dimentica che la dimensione organizzativa è solo una parte del problema, che la corruzione si genera nella dimensione relazionale, purtroppo assai sconosciuta ai dipendenti pubblici. Pertanto, non c’è nulla di male nell’accompagnare le organizzazioni a lavorare meglio, ma non la si chiami formazione in materia di prevenzione della corruzione, che è tutt’altra cosa. 

Insomma, la formazione di terza generazione è una sfida già attuale. Vi faremo certamente sapere se quella telefonata dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione arriverà mai… Nel frattempo, continuiamo, insieme, a provare a dare un senso alla prevenzione della corruzione per quello che è che dovrebbe essere.