SPAZIOETICO ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

Il senso del Professor Baroni per i concorsi. Ovvero cambiare l’anticorruzione ripartendo dall’analisi delle relazioni

La concorsopoli umbra è uno spaccato mirabile dell’attuale configurazione dei rapporti tra politica e amministrazione, ma ci aiuta a capire molto di come le persone tendono ad usare in maniera tossica le relazioni della propria sfera privata e a sovrapporle a volte in maniera consapevole a volte inconsapevole con la sfera pubblica.

Platone affermava che ai guardiani della Repubblica avrebbero dovuto strappare dalle mani i figli per sottolineare il rischio della sovrapposizione tra sfera privata e sfera pubblica, ma noi non possiamo e non dobbiamo ragionare così. Abbiamo capacità di individuare, valutare e gestire il conflitto tra interessi della sfera privata (interessi secondari) e interessi della sfera pubblica (interessi primari).

Perciò al di là e al di fuori della solita retorica che vorrebbe che il problema dei concorsi fosse solo ed esclusivamente un problema di conflitto tra politica e amministrazione (nelle università tale dinamica potrebbe non esistere eppure si manipolano lo stesso i concorsi) proviamo a capire quali sono i meccanismi che intervengono su questo processo, mettendo sotto osservazione non tanto il processo organizzativo che il più delle volte risulta ineccepibile, quanto piuttosto la dinamica “bisogni-relazioni-interessi” che orienta le scelte degli attori di tale processo.

Ora vi proponiamo una carrellata di situazioni, alcune prodromiche ad eventi di corruzione, altre ad eventi di abuso d’ufficio, altre ad eventi non sanzionabili penalmente, altri non sanzionabili neppure disciplinarmente, ma che comunque generano rischio di corruzione nei concorsi.

Il Professor Baroni è a capo del Centro Interdipartimentale di Inutilità Pubblica, organismo, per l’appunto, interdipartimentale che lui stesso ha creato e che ha sviluppato fino a farlo diventare un Centro di ricerca, comunque inutile, ma di fama internazionale. Sull’orlo del pensionamento l’Università ha deciso di selezionare tramite concorso un nuovo Direttore.

Ovviamente il Professor Baroni non fa parte della Commissione di valutazione del concorso, ma conoscendo assai bene alcuni dei commissari per averli fatti partecipare ad alcune inutili ricerche, e vantando dei crediti relazionali, pone in essere diversi tentativi al fine di orientare la decisione finale a vantaggio di tal Giovan Battista Lo Schiavo, attuale factotum del Professor Baroni e candidato in pectore a sostituirlo.

Siamo dentro ad un caso di corruzione? Probabilmente sì. Ma quale è l’utilità, cioè il vantaggio del Professore? Qui ci possono essere situazioni assai diverse tra loro e che chiamano in causa bisogni e relazioni della sfera privata del Professore. 

Prima ipotesi. Forse l’unica che leggeremmo sulle pagine dei giornali a seguito di una eventuale emersione dell’evento di corruzione. Una volta affidato l’incarico a Lo Schiavo, in cambio quest’ultimo promette di “remunerare” il Professor Baroni con ulteriori incarichi o consulenze. Si stabilisce tra i due una relazione di scambio, un classico scambio corruttivo fondato sulla convergenza di interessi secondari. Il bisogno del Professor Baroni, in questo caso, verrebbe interpretato come la volontà di garantirsi ulteriori entrate economiche “come se non bastasse la pensione!!!“, tuonano i giornali.

Seconda ipotesi. Il Professor Baroni non è una persona disonesta né ha interesse a continuare a lavorare in eterno. Ha a cuore, tuttavia, la sua (inutile) creatura. Ha versato letteralmente il sangue per metterla in piedi e tirarla su e non vuole farla morire in mano a dei burocrati che nulla hanno a  cuore se non la regolarità formale di un concorso. Pertanto cerca di orientare la commissione per soddisfare un bisogno assai più profondo di quello economico. Questo bisogno, che noi chiamiamo di “generatività” ha che fare con la prosecuzione della propria vita professionale. L’eredità professionale assomiglia molto all’eredità familiare ed è presente soprattutto in persone che hanno investito e speso gran parte della vita nel lavoro. In questo caso, la relazione con Giovan Battista Lo Schiavo non è di scambio. Non si tratta di dare qualcosa ora per ricevere dopo. Siamo di fronte ad una relazione interpersonale molto stretta, che noi chiamiamo di “mentorship attiva” ed assomiglia molto alla relazione che esiste tra padre e figlio. Il mentore si assicura, attraverso una condotta distorsiva dell’imparzialità, la stabilizzazione del proprio Discepolo e, attraverso di lui, la prosecuzione della propria “vita” professionale. 

Terza ipotesi. In questa ipotesi capiremo perché il discepolo si chiama Giovanni Battista Lo Schiavo. Costui era un giovane neolaureato, quando entrò a far parte del Centro ed andava molto a genio al Professor Baroni, soprattutto per la grande disponibilità che gli mostrava e per la assoluta incapacità di essere assertivo nei suoi confronti. L’attaccamento di Lo Schiavo si fondava su un unico presupposto: “Quando me ne vado, ti metto al posto mio“.  Lo Schiavo, per questa frase pronunciata un giorno dal Professore si rende disponibile a qualsiasi attività istituzionale e collaterale, tanto che per un periodo, porta i figli di Baroni a scuola e li va a riprendere. Baroni, ovviamente, si è sempre sentito in debito con il ragazzo, che intanto si è fatto uomo. Cerca di fare quello che può. Chiama alcuni Commissari e si attiva per orientare il giudizio. Quale è la relazione che si sovrappone in questo caso? Siamo sempre all’interno di una relazione di scambio, un debito relazionale per la precisione. Ma molto diverso da quello, economico, della prima ipotesi. I MUNERA, cioè i doni che Lo Schiavo aveva elargito a Baroni devono essere remunerati in futuro. Quando si presenta l’occasione, Baroni sovrappone la relazione con Lo Schiavo che fa parte della sua sfera privata, con l’azione amministrativa, generando delle interferenze.

Quarta ipotesi. Il Professor Baroni ha nel tempo strutturato una rete di relazioni con alcuni politici locali al fine di mantenere la sua posizione all’interno dell’Università. In quel contesto, infatti, non si muove foglia che non lo dica il notabile locale. Giovanni Battista Lo Schiavo è un giovane tirapiedi del suddetto notabile, al quale lo stesso Lo Schiavo ha dedicato tempo e dignità per una propria ambizione di carriera politica. Il politico locale ha “tollerato” che il Centro Interdipartimentale fosse gestito dal Professor Baroni, ma ora vuole qualcosa in cambio, pertanto “impone” al Professor Baroni quella che loro chiamano, in una intercettazione telefonica, la “tassa di successione”.

Quarta ipotesi bis. Il Professor Baroni ha nel tempo strutturato una rete di relazioni con operatori economici che hanno forti interessi nelle attività del Centro interdipartimentale. In particolare, da uno di questi soggetti ha ricevuto una serie di incarichi di collaborazione e numerosi benefit. Anche Giovanni Battista Lo Schiavo è legato al suddetto operatore economico. L’operatore economico non può lasciarsi scappare l’occasione di piazzare un suo uomo a capo del Centro per garantire continuità alla sua posizione di controllo. Pertanto “impone” a Baroni, in virtù del rapporto di (quasi) dipendenza che li lega, di operare al fine di assicurare la leadership a Lo Schiavo: “Ne trarremmo tutti beneficio“.

In queste due ipotesi (aggregate) si sovrappone una relazione della sfera privata del Professor Baroni, una specie di relazione di agenzia se ci pensiamo bene, alla relazione di agenzia pubblica. Baroni ha, allo stesso tempo, un Principale pubblico manifesto ed un Principale privato “occulto” a cui deve rendere conto promuovendone gli interessi.

Quinta ipotesi. “Qui comando io. Qui si fa a modo mio!!!” Il Professor Baroni è il centro di un sistema solare, intorno al quale ruotano una moltitudine di satelliti. Egli è all’interno di una relazione di agenzia con il suo Principale pubblico, in cui gioca il ruolo di “agente”. Tuttavia, una percezione esagerata del suo bisogno di autorealizzazione gli fa pensare che la relazione sia ribaltata: lui è il Principale, gli altri lavorano per lui, compreso il Direttore di Dipartimento, “quell’incompetente!

Sesta ipotesi. Tutti adorano Giovanni Mario Lo Schiavo. Tutti pensano, compreso il suo mentore, il Professor Baroni, che non si possa trovare miglior leader futuro per il Centro interdipartimentale. Lo Schiavo ha ormai in mano le relazioni istituzionali ed è di gran lunga il ricercatore più competente dell’Università. Il Professo Baroni ed il capo-dipartimento riterrebbero una sciagura che quel posto cadesse in mano ad un soggetto esterno, terrorizzati dal fatto che potrebbero ritrovarsi con un incompetente. Per questo, una sera si ritrovano con i commissari e pianificano una strategia per “blindare” Lo Schiavo. Purtroppo gli inquirenti, che sono sulle tracce di uno dei commissari, per altre vicende, ascoltano la conversazione e fanno scattare una retata. In questa ipotesi avviene qualcosa di ancora più peculiare. Non solo nessuno degli attori ottiene alcuna utilità economica, ma nemmeno viene a sovrapporsi la sfera privata di alcuno con quella pubblica. In questo caso, infatti, gli agenti decidono di premiare un interesse primario, cioè il buon andamento del Centro che verrebbe garantito dalla vittoria di Lo Schiavo e di eliminare l’altro interesse primario, cioè l’imparzialità dell’azione amministrativa che, nella loro visione alquanto distorta, metterebbe a rischio il funzionamento stesso dell’organizzazione. 

Potremmo andare avanti ancora per molto, ma abbiamo pietà dei vostri occhi e delle vostre orecchie.

Come potete notare, in molte di queste ipotesi non ci troviamo di fronte ad un evento di corruzione, dal momento che non è possibile ravvisare un’utilità a fronte del pregiudizio di un interesse primario. Tuttavia, l’inquinamento ab-externo dell’azione amministrativa (come definisce il PNA 2013 la corruzione) è presente e in grado di generare una vigorosa interferenza. 

Ma quello che è più evidente è la particolare complessità delle dinamiche relazionali che possono stabilirsi, crescere, mutare e, infine, “tossificare”. con il termine “tossificazione” noi intendiamo rappresentare l’uso strumentale delle relazioni che gli agenti talvolta operano al fine di soddisfare bisogni della propria sfera privata. 

Ci rendiamo anche conto che questa dimensione del rischio di corruzione è totalmente sconosciuta all’attuale architettura di prevenzione della corruzione che ANAC (e la legge 190/2012 con i PNA successivi) ha messo in piedi, tutta orientata a prendere in esame la dimensione organizzativa. Ebbene forse in nessun caso come nei concorsi, sia in ambito universitario sia in ambito clinico, dalla dimensione organizzativa si rischia di non tirare fuori alcuna anomalia, rendendo il lavoro di prevenzione di scarsa se non nulla utilità.

E allora, si può intervenire su questi fenomeni con la prevenzione della corruzione? 

Anche se comprendere la dinamica dei bisogni è essenziale per indagare il fenomeno corruttivo, tuttavia i bisogni sono oggetti piuttosto invisibili e sfuggenti. E’ assai complicato agire sulla percezione dei bisogni. Non si può entrare nella testa delle persone più di tanto. Se un Professore percepisce la fine della sua carriera professionale come la fine della vita stessa ha bisogno probabilmente di un sostegno psicologico, ma non possiamo condannare una persona per questo, né chiedergli di far emergere il suo conflitto interiore.

La prevenzione della corruzione dovrebbe esplorare elementi meno soggettivi, come le relazioni, cioè le tracce che le dinamiche tra bisogni lasciano, Le relazioni sono oggetti “misurabili”. I bisogni, invece, sfuggono alla valutazione soggettiva o intrapsichica, facilmente manipolabile o alterabile.

A volte le relazioni umane e professionali nelle quali siamo coinvolti sembra ci possano appagare pienamente per quelle che sono. Altre volte le consideriamo, anche inconsciamente, un mezzo per ottenere altro. Abbiamo dato un nome a queste dinamiche, soprattutto quando sono abbastanza intense ed idonee ad innescare eventi corruttivi, ovvero, “tossificazione della relazione”.

Nella realtà delle nostre organizzazioni fenomeni di questo tipo sono all’ordine del giorno. La nostra scarsa capacità di decodificare correttamente le relazioni e la sovrapposizione tra relazioni rappresenta il motivo della nostra scarsa capacità di individuare il fenomeno corruttivo prima che esso debordi in atti palesemente ed irrevocabilmente illeciti.

Il processo che chiamiamo di “concorsi e prove selettive” soffre enormemente di relazioni tossiche, di sovrapposizioni tra sfera privata e pubblica e, quindi, di conflitti di interessi. Come unica misura di prevenzione viene richiesto ai commissari di gara di compilare una dichiarazione in cui attestano di non essere in conflitto di interessi. Sembra più un meccanismo che le organizzazioni utilizzano per sviare la responsabilità.

Diversamente esse dovrebbero fornire supporto a chi interviene nel processo e a chiunque abbia interessi nel processo a categorizzare correttamente le relazioni della sfera privata e a misurare intensità assoluta e percepita di tali relazioni.

Per chi “tossifica” le relazioni, invece, non ci dovrebbe essere spazio all’interno della sfera pubblica. La tossificazione distrugge la relazione fondamentale tra Principale pubblico e agente, ma distrugge anche le relazioni private, mercificandole.

In effetti, se ci pensate bene, dareste fiducia ad un tizio che si mostra vostro amico per la pelle solo perché vuole arrivare a conoscere la vostra splendida sorella? 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: