@spazioetico

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

Divagazioni estive (3): tra Privacy e Trasparenza…

di Massimo Di Rienzo & Andrea Ferrarini

In questa terza divagazione estiva (da leggere sotto l’ombrellone oppure in casa, preferibilmente davanti a un ventilatore) abbiamo deciso di rendere omaggio a Italo Calvino e di parlare della relazione tra privacy e trasparenza. Relazione che oggi assume sempre di più la forma di un conflitto insanabile. Ma forse, a ben guardare, privacy e trasparenza sono le due facce di una stessa medaglia: la medaglia della gestione delle informazioni, che genera rischi ed opportunità. Buona lettura.


LE CITTÀ‘ IMPROBABILI (OMAGGIO AD ITALO CALVINO)

Passeggiando nel vasto giardino pensile costruito sul tetto della sua reggia, il Gran Kan guardava in silenzio le ombre lunghe delle cose al tramonto.

“E’ il tramonto che getta le ombre, come reti, sul mondo?” chiese il Gran Kan a Marco Polo “Oppure siamo noi ad essere gettati dentro la luce?”. Marco Polo non rispondeva mai alle prime domande che il Gran Kan gli rivolgeva. Perché sapeva che il Gran Kan gli avrebbe fatto subito una seconda domanda per rispondere alla sua prima domanda e una terza per rispondere alla precedente, fino ad arrivare alla domanda vera.

“E’ meglio la luce o l’ombra?”. Quella era la vera domanda del Gran Kan davanti al tramonto. “Devo cogliere il frutto di questo albicocco, che arrossisce nella luce dell’estate, oppure devo sedermi all’ombra dell’albicocco, per prendere un po’ di frescura?”

“Mio Sire” rispose Marco Polo “durante i miei viaggi ho visto persone che durante il giorno mangiavano albicocche, oppure persone sedute all’ombra degli albicocchi o ancora persone che mangiavano albicocche sedute all’ombra degli alberi. Ma non ho mai visto nessuno mangiare frutta o riposarsi all’ombra durante la notte

Il Gran Kan abbandonò il tramonto e scrutò lo straniero negli occhi. Marco Polo abbassò lo sguardo e continuò a parlare: “Senza la luce non c’è ombra. E non possiamo scegliere la luce senza scegliere anche l’ombra. La luce rimbalza sulle stoffe della tua veste preziosa ed entra nei miei occhi. E nella mia mente questo rimbalzo diventa il colore verde e dorato della tua veste di seta. La luce rimbalza sulla tua veste e il tuo corpo ferma la luce. Anche questo silenzio della luce entra nei miei occhi e questo silenzio diventa un’ombra nella mia mente.”

“Ma è meglio la luce o l’ombra?” chiese ancora il Gran Kan, che quando arrivava alla sua prima domanda, non poteva far altro che ripeterla ogni volta uguale, in attesa di avere una risposta

E Polo: “Ogni nostro sguardo getta nel mondo le ombre inseme alla luce. Il rischio insieme all’opportunità. Per il borseggiatore nascosto nei vicoli tortuosi di una città, la luce è un rischio e l’ombra è una opportunità. Ma per il passante derubato l’ombra del vicolo è stata un rischio e la luce della piazza sarebbe stata un’opportunità”

“Ora ho capito” concluse il Gran Kan “La luce e l’ombra si scambiano le parti di ora in ora, di luogo in luogo. Di persona in persona. E ad ogni sguardo vediamo i rischi e le opportunità ballare abbracciati”.

E quella sera Marco Polo raccontò al Gran Kan di città improbabili, di come sguardi diversi costruiscono diverse città.
Le città e gli sguardi: Privazia

Si dice che gli abitanti di Privazia, un tempo, avessero nomi che li distinguevano. Adesso si chiamano tutti “Omissis” oppure “Ehi-tu!”. Ma questo non è sicuro: gli abitanti di Privazia, infatti, distruggono tutto ciò che contiene dati personali: lettere, libri, fotografie, documenti. Persino le ordinanze e le leggi promulgate dai suoi Governatori vengono distrutte, non appena cessano dalla loro carica. E i giornali del giorno prima vengono raccolti di casa in casa e mandati al macero, sostituiti dai giornali del giorno dopo. La città è stata costruita dai suoi abitanti sul fondo del cratere di un grande vulcano spento.

Così il viandante che arriva a Privazia di prima mattina si lascia il sole alle spalle, mentre scende gli innumerevoli gradini scavati nella lava, che conducono al centro della città. Quando arriva davanti alle mura, il suo passaporto viene bruciato dalle guardie. Perché il viaggio a Privazia è senza ritorno. E i suoi occhi devono abituarsi all’oscurità, allo stridore delle auto senza targa che investono i pedoni, alla gente che si imbuca a caso ai pranzi di matrimonio, perché il nome degli sposi non è mai scritto sulle partecipazioni.

Dopo qualche tempo, anche il viandante non ricorda più il suo nome. Perché Privazia, città che ha deciso di chiudere gli occhi, ruba lo sguardo anche a chi vorrebbe vedere.
Le città e gli sguardi: Trasparenzia

Se fuggi da Privazia e risali di nascosto il cratere, ti basterà percorrere pochi metri e arriverai a Trasparenzia. Non ti accorgerai di essere entrato in città, perché non ci sono mura che la difendono. E vedrai che fuori dalle case ci sono degli enormi citofoni, che ti danno tutte le informazioni riguardo alle persone che ci vivono: il nome del capo famiglia di ogni famiglia, ma anche il nome della moglie, dei figli e dei parenti fino al terzo grado. Oltre all’albero genealogico di ciascuna persona, sul citofono è indicata anche la professione svolta, il reddito annuo e l’orientamento sessuale. I citofoni di Trasparenzia sono davvero enormi e riuscire a trovare il bottone giusto da schiacciare è un bell’affare. Ma tanto i palazzi e gli appartamenti non hanno le porte. E quindi puoi entrare senza suonare.

Le fanciulle di Trasparenzia indossano vesti succinte di stoffa trasparente. E quindi all’inizio ti innamorerai di ciascuna di loro. Ma poi capirai quanto è difficile amarsi a Trasparenzia. La città, infatti, non ha segreti, e quando un uomo incontra una donna non le fa la corte: le fa la disclosure. Le chiede la misura della vita e dei fianchi, la taglia del reggiseno e il nome di tutti i suoi ex fidanzati. E lui deve dichiarare se vuole fare sesso e basta, oppure avere una relazione stabile.

Per le strade le videocamere accese a tutte le ore sono lì per ricordarti che “più attentamente sarai osservato e meglio ti comporterai!”. Un giorno magari ti stuferai di questa città senza segreti e vorrai tornare nel cratere. In molti fanno così: passano la vita a fare avanti e indietro tra Privazia e Trasparenzia. Le due città si scambiano gli abitanti. E gli abitanti buttano via tutto, quando passano da una città all’altra. Un ragazzo e una ragazza vivevano a Trasparenzia. Poi lei emigrò a Privazia. Lui le scrisse mille lettere d’amore, chiedendole “come stai?”. Ma lei bruciava le sue lettere e, per questioni di riservatezza, non forniva dettagli della sua vita a Privazia.

Le due città si stanno avvicinando ogni giorno di più. Trasparenzia non ha mura e si allarga. Un giorno assedierà Privazia, circonderà con le sue case il suo cratere. Le due città allora forse si guarderanno. Ma senza vedersi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: