@spazioetico

lo spazio dei comportamenti non esigibili per legge (Lord Moulton)

@spazioetico. Tutti i numeri del 2017

numbers.jpg

Come ogni anno, a @spazioetico si tirano le somme. 

Parliamo dell’anno che si è appena concluso, il 2017.  In totale, nel 2017 @spazioetico ha erogato circa 80 giornate formative.

I temi su cui abbiamo lavorato (in ordine di rilevanza) sono: Conflitto di interessi, Accesso civico generalizzato, Mappatura dei processi, Analisi e valutazione del rischio di corruzione, Clima etico, Whistleblowing, Codice di comportamento, Monitoraggio civico.

Le amministrazioni che ci hanno affidato uno o più percorsi formativi sono amministrazioni del Servizio Sanitario Nazionale (ASL e Ospedali) e Enti Locali (Comuni e Province), per un totale di 34 amministrazioni pubbliche.

Ma la novità di quest’anno è che abbiamo acquisito la professionalità e la capacità di Andrea Ferrarini.

Il “CHI SONO” è finalmente diventato “CHI SIAMO” e insieme  al prezioso contributo di Andrea e a comuni intuizioni, abbiamo sviluppato un modello di analisi della corruzione che prende in considerazione tre DIMENSIONI, che spiegano la complessità di questo fenomeno: la dimensione organizzativa, quella etica e quella economica. Ne parleremo in uno dei prossimi post.

Il nostro 2017 è stato l’anno del “CONFLITTO DI INTERESSI“. Molti nuovi casi, sia per la sanità che per gli Enti Locali e nuove scoperte per noi, ad esempio, abbiamo osservato come siano pericolose le “CONVERGENZE” di interessi ancor più che il conflitto. Inoltre, abbiamo capito che il conflitto di interessi c’è anche e soprattutto tra INTERESSI PRIMARI. Abbiamo inventato uno strumento per la COMPARAZIONE DELL’INTENSITA’ DEGLI INTERESSI, che sembra assai promettente. Abbiamo promosso l’idea degli INTERESSI-GUIDA, cioè di interessi che “attraggono” altri interessi e che determinano le scelte delle persone. Il caso del dottor Dall’Osso è diventato virale. Infine, abbiamo introdotto il termine “COLLEGAMENTO” di interessi in luogo del conflitto di interessi potenziale.

Per il 2018 contiamo di mettere a punto anche uno strumento di analisi e valutazione del conflitto di interessi per le amministrazioni. Ci siamo vicini ma la complessità dell’argomento merita un ulteriore approfondimento.

Per quanto riguarda lo spazio etico abbiamo realizzato un “QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DEL CLIMA ETICO” che è stato adottato già da alcune amministrazioni per rafforzare l’analisi del contesto interno dei Piani triennali di prevenzione della corruzione.

Abbiamo pubblicato numerose NUOVE RISORSE utili per le amministrazioni sia in fase di elaborazione del Piano triennale, sia in fase di formazione.

Parlando di trasparenza, il 2017 è stato l’anno dell’ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO. Oltre a tanta formazione erogata, abbiamo prodotto uno strumento che si è dimostrato assai efficace per una corretta gestione delle istanze da parte delle amministrazioni. Si tratta della “CHECK-LIST” che offre una sequenza logica di attività, entro cui leggere in modo sistematico (e coerente con i principi di trasparenza enunciati nel d.lgs. 3372013) le linee guida di ANAC la circolare del DFP e gli orientamenti del Garante della Privacy. 

Oltre alla check-list abbiamo commentato attraverso casi alcuni dei Pareri del Garante della Privacy, vero e proprio dominatore della scena. Abbiamo anche promosso una modalità di “valutazione dell’interesse a conoscere” basata sulla rilevanza e attualità dell’interesse stesso, il cosiddetto TEST DELL’INTERESSE PUBBLICO.

Ed ora i numeri del blog @spazioetico. Abbiamo più che raddoppiato gli accessi, ricevendo 21.494 visite alle nostre pagine, con circa 12.000 visitatori; una media giornaliera di 65 visite. 

Abbiamo molte altre cose in preparazione. Restate sintonizzati!

 

 

 

Un’assicella di legno che chiamiamo IMPARZIALITA’

1

Che cosa è l’imparzialità?

A volte la percepiamo come un “meccanismo di funzionamento” delle organizzazioni, specialmente quelle pubbliche. In questo senso l’imparzialità è una “regola”, nel senso etimologico della parola “regola” che veniva utilizzato dagli antichi romani. Si trattava di un’assicella di legno diritta, che serviva a tirare le linee. Quindi l’imparzialità sembra essere un “sistema regolatore” del funzionamento del settore pubblico. A questo fa riferimento esplicito la Costituzione italiana quando afferma: “I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione” (articolo 97).

A volte, però, si manifesta come un “valore”, un principio di riferimento dell’etica pubblica. Nei Codici etici e di condotta il principio di imparzialità viene inserito nei primi articoli, dove si enunciano, appunto, principi e valori di riferimento.

A volte l’imparzialità sembra essere una “qualità” dell’agente o del decisore pubblico. Questa interpretazione sembra la più fallace, dal momento che l’imparzialità è una qualità dell’organizzazione (come ben espresso in Costituzione quando si parla degli “uffici pubblici”) e delle decisioni che essa esprime, mentre una qualità dell’agente necessaria affinché l’azione amministrativa sia “imparziale” potrebbe essere l’indipendenza e la terzietà di giudizio.

L’imparzialità sembra essere anche un “interesse”. Studiando il conflitto di interessi in ambito pubblico ci siamo accorti che tra gli interessi che devono essere promossi dall’agente pubblico l’imparzialità rappresenta un interesse primario espresso dal “principale” pubblica amministrazione/governo. Anche se a me sembra, a dire il vero, che non sia corretto dire che esiste un interesse primario all’imparzialità. L’imparzialità rappresenta il meccanismo che permette di salvaguardare alcuni interessi primari, tra cui, ad esempio, la preservazione delle corrette condizioni di concorrenzialità di un mercato (locale, nazionale, internazionale).

Comunque la si voglia vedere, in maniera simile ai quanti di energia, l’imparzialità assume diversi stati a seconda di come viene osservata.

Proviamo a semplificare e ad uniformare i punti di vista. Se partiamo dal principio che una cosa è “etica” perché serve, cioè è utile, allora possiamo abbinare il concetto di imparzialità come valore all’imparzialità come “sistema di funzionamento”. E’ giusto che i procedimenti amministrativi e le decisioni che ne scaturiscono abbiano la caratteristica di essere imparziali, perché questo serve a qualcosa. Ma a cosa esattamente?

In generale, l’imparzialità serve a mantenere gli interessi in gioco egualmente distanti dal centro del processo (decisionale). Si parla di “equidistanza DEGLI interessi” oppure, se si tratta di valutare la posizione dell’agente pubblico, diremmo “equidistante DAGLI interessi”.

L’etica pubblica è piena di condotte che devono assicurare tale equidistanza. Si pensi al divieto per un agente pubblico di orientare un utente ad uno specifico operatore privato. Si può, anzi si deve, consentire una scelta informata tra diversi erogatori pubblici e privati, ma non si può individuare un singolo operatore privato e segnalarlo all’utente perché questa condotta peccherebbe di imparzialità, dal momento che si mostrerebbe di non essere in una posizione di “equidistanza DAGLI interessi”.

La modalità di approvvigionamento in ambito pubblico sembrerebbe alquanto bizzarra ad un privato cittadino. Perché elaborare un bando di gara, formare una Commissione di valutazione, eseguire una serie a volte faticosa di procedure, se non per assumere (e dimostrare di aver assunto) una decisione imparziale, cioè, presa in equidistanza dagli interessi in gioco?

Anche l’astensione in caso di conflitto di interessi è una condotta necessaria a garantire imparzialità del processo decisionale, così come il divieto di accettare doni, regali o altre utilità che mostrerebbe una “vicinanza” di interessi inammissibile.

Questo concetto di imparzialità, piuttosto stringente, nasce nella Repubblica di Platone, quando il filosofo teorizzava l’eliminazione di ogni relazione familiare ed economica per i guardiani della Repubblica così da assicurare che essi fossero del tutto imparziali nella difesa di Atene sia dall’esterno che dall’interno.

Ma l’imparzialità che conosciamo oggi e che regola il sistema pubblico deriva dalle teorie dell’utilitarismo sociale di Jeremy Bentham e di John Stuart Mill che nel diciottesimo secolo immaginarono un mondo dove le decisioni si distinguessero in giusto o sbagliate sulla base dell’utilità che esse generavano per il maggior  numero di persone. Il concetto di utilità corrispondeva a “felicità” anche se questa parola ha reso la vita difficile agli utilitaristi. All’epoca si trattava di una vera rivoluzione. Nessun dogma di fede o di altra natura che guidasse le nostre decisioni. Solo uno sguardo alle conseguenze (per questo si chiamò anche “consequenzialismo”) delle azioni.

Cosa c’entra con l’imparzialità? Moltissimo a dire il vero. Una tale visione comporta che quando un “agente” che ha un atteggiamento votato all’utilitarismo deve prendere una decisione deve considerare quale scenario porterà maggiore utilità o felicità ad un numero più elevato possibile di persone. Questo vuol dire che il suo “interesse personale”, che non a caso noi chiamiamo ora “interesse secondario”, deve essere valutato come “irrilevante”. Perciò la decisione dell’agente “utilitarista” è giusta se è imparziale, cioè se esclude interessi e desideri dell’individuo che assume il ruolo di agente pubblico.

In un interessantissimo articolo del croato Tomislav Bracanovic, “Utilitarian Impartiality and Contemporary Darwinism” del 2007, viene riportato un esempio di William Godwin che illustra bene il significato ed il paradosso che, in qualche misura, è contenuto in questa “idea” di imparzialità. Nel suo Enquiry Concerning Political Justice, Godwin immagina una casa in fiamme. Si tratta della casa dell’Arcivescovo Fenelon che convive con una normale cameriera. Entrambi potrebbero morire a causa dell’incendio e i pompieri debbono fare una scelta perché non potranno salvare entrambi. Chi decideranno di salvare? Se seguissimo la teoria utilitarista non avremmo dubbi (anche se a me un po’ di dubbi verrebbero, dobbiamo considerare che Godwin nacque nel 1756). Dovrebbe essere salvato l’arcivescovo dal momento che il suo contributo per il bene comune è più rilevante rispetto a quello della cameriera. Questa decisione potrebbe essere alquanto facile se non includiamo alcun interesse da parte di colui che prende la decisione, mettiamo il caso sia il capo dei Vigili del Fuoco. Ma ora proviamo ad alterare lo scenario. Poniamo che il capo dei Vigili del Fuoco sia il marito della cameriera dell’arcivescovo Fenelon. Cambia qualcosa? Per gli utilitaristi non cambierebbe nulla. Occorre che l’agente escluda qualsivoglia interesse o desiderio affinché la sua decisione sia assolutamente imparziale. Solo così verrà massimizzato l’interesse al raggiungimento di una più diffusa felicità.

Ma per i “non utilitaristi” cambierebbe davvero molto. Sarebbe una decisione altamente dilemmatica se il capo dei Vigili del Fuoco avesse un’alta percezione dell’interesse primario alla salvaguardia di un protagonista della scena pubblica che si contrappone e confligge con l’interesse alla salvaguardia della famiglia. Probabilmente, gli verrebbe chiesto di astenersi dall’assumere tale decisione perché, avendo degli interessi secondari in gioco, rischierebbe di compromettere l’imparzialità della decisione, e, quindi, di far prevalere l’utilità personale a scapito della utilità collettiva.

Se l’esempio vi sembra un po’ astruso, considerate ora il caso di un servizio pubblico che è stato gestito da un operatore economico privato e che un’amministrazione deve affidare nuovamente perché sono scaduti i termini contrattuali. Il servizio, nella percezione dell’agente pubblico che deve provvedere al nuovo affidamento, è stato ben erogato dall’operatore economico e non esiste alcuna ragione per dover cambiare. Ebbene, l’agente pubblico deve decidere se avviare una procedura di gara oppure, ad esempio, prorogare l’affidamento. Per un agente pubblico che si ispira all’utilitarismo non ci sarebbero dubbi. Avviare una gara con evidenza pubblica mette in competizione i privati che hanno interesse a promuovere un servizio di qualità ad un costo competitivo generando maggiore utilità per i cittadini. Tuttavia, ad una persona normale sembrerebbe strano dover sacrificare una relazione ben avviata e che produce un servizio percepito come “di qualità” sull’altare dell’imparzialità.

Questo ragionamento a volte giunge ad effetti alquanto paradossali nel campo in cui io stesso opero. Alcune amministrazioni sentono di dover operare la rotazione nell’assegnazione degli incarichi di formazione in materia di prevenzione della corruzione. A volte è capitato di sentirmi dire che, nonostante il brillante risultato ottenuto in termini di efficacia e qualità della formazione erogata, non è possibile affidarmi l’incarico anche per l’annualità successiva a causa della necessità di dovere provvedere ad una rotazione, con il rischio esplicito, per le amministrazioni, di non avere garantita la medesima qualità.

Si potrebbe pertanto affermare che, al fine di salvaguardare l’imparzialità di una decisione, venga richiesto agli agenti e alle organizzazioni pubbliche di comportarsi contro-natura. Ed è proprio quello che sostengono coloro che si contrappongono alle teorie utilitariste.

Un secondo scenario aiuta a comprendere meglio questo interessante aspetto. Peter Singer illustra il caso delle donazioni alle agenzie che si occupano di sostegno ai Paesi in via di sviluppo. Singer afferma che se dovessimo controbilanciare, in termini utilitaristici, la felicità che verrebbe generata dal donare alle agenzie in contrapposizione, ad esempio, con comprare una automobile alla propria figlia per andare all’Università, non avremmo dubbi su cosa scegliere. La prima scelta, infatti, permetterebbe di non far morire di fame i bambini di una determinata area depressa, mentre la seconda si risolve nella “comodità” di un unico individuo. Ma noi non nasciamo con lo spirito dell’imparzialità in testa. Contrariamente siamo più propensi a soddisfare una utilità sicuramente minore ma affettivamente rilevante. Perciò è più probabile, come succede nella realtà, che quei soldi finiranno nell’acquisto dell’automobile per nostra figlia, con grande scandalo degli utilitaristi, che potrebbero spingersi ad accusarci di essere degli assassini (e qualche volta succede davvero).

Ebbene, se è difficile mantenere questo livello di percezione dell’utilità generale in decisioni della sfera privata, lo è ancora di più quando diventiamo agenti pubblici. In effetti, ci viene chiesto di considerare le relazioni affettive, familiari, economiche e gli interessi che ne scaturiscono del tutto irrilevanti. Oppure, se non ci riusciamo o se gli interessi in questione minacciano l’imparzialità della decisione, ci viene chiesto di farci da parte. A ben vedere, l’agente pubblico si trova in una posizione alquanto peculiare.

Certo non chiederemmo all’agente pubblico di tenere una condotta così “contro-natura” senza una buona ragione. In effetti, un sistema di regole così pervasivo può essere giustificato se, almeno in qualche modo, noi avvaloriamo alcune delle tesi dell’utilitarismo sociale e se impariamo a conoscere le implicazioni delle scelte pubbliche “parziali”.

In realtà, le conseguenze delle scelte parziali in ambito pubblico si verificano nel medio-lungo periodo. Si tratta di effetti difficilmente percepibili dall’agente pubblico ed è per questo che l’ordinamento cerca di cautelarsi con regole piuttosto stringenti.

In assenza di imparzialità potrebbero innescarsi pericolosi fenomeni come, ad esempio, la selezione avversa che facilita l’instaurarsi di monopoli e cartelli nell’economia di uno Stato. Nella selezione avversa un agente pubblico modifica le condizioni di concorrenzialità di una parte del settore privato locale per determinare un vantaggio a favore di un soggetto o di un gruppo di soggetti (ai quali può essa stessa appartenere o meno), provocando una selezione dei concorrenti, alcuni dei quali si troveranno in una posizione di vantaggio rispetto agli altri. Tale selezione sarà sfavorevole in quanto resteranno in piedi solo i concorrenti disposti a violare le regole (monopolio), oppure, gli altri concorrenti inizieranno ad assumere le stesse condotte dei concorrenti favoriti (cartelli).

Per spiegare questa dinamica ricorro quasi sempre ad un caso. Una operatrice sanitaria che lavora all’interno di un ospedale pubblico  (Marta) si trova di fronte ad una paziente (Francesca) che esprime una domanda esplicita di orientamento verso un ambulatorio privato, dal momento che l’ospedale non è in grado di eseguire una particolare prestazione sanitaria. La paziente intende colmare la sua asimmetria informativa percependo l’operatrice sanitaria pubblica come la detentrice dell’informazione rilevante. Ora, l’agente pubblico risponde indicando un ambulatorio privato dal momento che percepisce il particolare fabbisogno dell’utente e nello spirito della “presa in carico” attua una condotta che presumibilmente verrà premiata con la soddisfazione della paziente. Quando eroga quella informazione Marta considera solo le implicazioni di breve periodo di quella scelta, cioè dimostrare che il suo ufficio produce un risultato nell’ottica del “buon andamento”. Ma esistono anche le implicazioni di medio-lungo periodo. In un secondo scenario mostro uno specialista del dipartimento (il dottor Lupi) che detiene alcuni biglietti da visita di un ambulatorio privato a lui in qualche modo collegato. Marta pensa di dare a Francesca proprio uno di quei biglietti da visita. In quel modo premierebbe un operatore economico che non compete sulla base dei normali meccanismi di concorrenzialità (qualità + prezzo), ma in base alla particolare relazione che può vantare (con il dottor Lupi) all’interno di quell’ospedale pubblico. Lo scenario, pertanto, dovrebbe essere completato mostrando, da una parte, la soddisfazione della paziente, dall’altra l’estrema insoddisfazione degli altri ambulatori privati che erogano la medesima prestazione, i quali saranno penalizzati da quel meccanismo e saranno indotti, se tale meccanismo diventa la regola, a comportarsi in maniera analoga all’operatore colluso per continuare ad avere la speranza di lavorare.

In questo caso, come in molti altri, operano una serie di interessi secondari convergenti nonché un potente “bias cognitivo” dell’agente pubblico, in particolare, l’eccesso di fiducia (overconfidence), cioè, la fiducia nelle nostre valutazioni e nei nostri giudizi che deriva dal credere che abbiamo informazioni più accurate e complete di quanto non siano realmente. Marta, infatti, non ricostruisce correttamente lo scenario, almeno non lo ricostruisce in maniera completa e su questo basa la sua decisione che è contraria all’etica pubblica (in particolare è contraria all’articolo 12 comma 3 del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici). Il suo comportamento potrebbe essere percepito da un osservatore esterno come “parziale”, dal momento che favorisce un determinato operatore economico privato a scapito di altri.

Per una maggiore comprensione di quanto ci sembri innaturale scegliere in maniera imparziale, riprendiamo il caso esposto prima del servizio pubblico gestito da un operatore economico privato e che un’amministrazione deve affidare nuovamente perché sono scaduti i termini contrattuali.

L’interesse secondario dell’operatore economico affidatario è di mantenere e stabilizzare il proprio rapporto con l’amministrazione così da ridurre il rischio di impresa. L’agente pubblico ha un interesse secondario nei confronti dell’operatore economico; si è trovato bene a lavorare insieme e ritiene che cambiare significa rischiare di trovare un operatore peggiore. Questa convergenza di interessi è potente e in assenza di una forte percezione delle conseguenze di una scelta parziale, rischia di attivare lo stesso bias cognitivo del caso precedente, cioè, l’eccesso di fiducia, In questo caso, l’idea dell’agente pubblico di conoscere quale operatore economico eroga il miglior servizio, non avendo alcuna conoscenza degli altri.

Nel breve periodo, pertanto, una condotta “parziale” dell’agente pubblico (la scelta, ad esempio, di prorogare l’affidamento all’operatore economico) generata da una convergenza di interessi secondari sembra essere premiante. Ma nel medio-lungo periodo, l’aver modificato le condizioni di concorrenzialità di quel mercato (l’agente pubblico non ha scelto in base alla migliore qualità del servizio o alla economicità del prezzo ma in base a proprie valutazioni del tutto personali e influenzate dalla relazione che si era instaurata con l’operatore economico) può determinare una selezione dei concorrenti tale da escludere alcuni competitor dal mercato. Questa dinamica, sempre nel medio-lungo periodo, distorce il mercato, fino ad arrivare a situazioni di monopolio o alla generazione di cartelli. In tali condizioni l’operatore privato non avrà più alcun interesse a fornire un servizio di qualità o economicamente vantaggioso dal momento che non si dovrà confrontare con la concorrenza. E questo genera spreco di risorse e abbassamento della qualità dei servizi.

Ora l’esempio riporta una situazione alquanto idilliaca in cui l’agente pubblico favorisce l’operatore economico privato in quanto ritiene che abbia svolto un buon lavoro, ma occorre considerare che la stragrande maggioranza di decisioni parziali assunte da agenti pubblici si basa su collegamenti di interessi diretti o indiretti che generano interferenze che nulla hanno a che fare con la qualità del servizio.

Vi sembra che stiamo parlando di aria fritta? Avrei un numero talmente elevato di esempi di selezione avversa in questo nostro sfortunato Paese da riempire tutto l’articolo, perciò confido nella vostra capacità di contestualizzare e vado avanti.

La tendenza dell’uomo ad essere “parziale” non è nemica solo dell’utilitarismo. Anche il Darwinismo e la teoria evoluzionistica sembrerebbe non andarci per nulla d’accordo. Come è concepibile, infatti, che in un ambiente spietato come l’evoluzione della specie in cui il più forte ed adattabile sopravvive e il più debole si estingue, possa essere stato generato un meccanismo di parzialità ed altruismo?

Secondo la prima spiegazione, fornita da William Hamilton e nota come “selezione parentale”, sembrerebbe che l’altruismo si sia generato in piccoli gruppi di individui geneticamente collegati. Secondo questa teoria, è opportuno favorire i nostri simili (da un punto di vista genetico) dal momento che portano una parte significativa del nostro corredo genetico.

Robert Trivers fornisce una seconda spiegazione. E’ opportuno essere altruisti nei confronti di chi si mostra altrettanto altruista. In questo modo, si genera una “comunità” di individui che operando in questi termini di reciprocità possono adattarsi meglio e prevalere rispetto a coloro che non hanno il medesimo atteggiamento.

La terza spiegazione è di Darwin stesso. Esisterebbe non solo l’evoluzione degli individui, ma anche l’evoluzione dei gruppi. I gruppi che si adattano meglio sono quelli che al loro interno esprimono un certo grado di altruismo che li mette in posizione di vantaggio rispetto agli altri gruppi.

Tutte le spiegazioni tentano di gettare luce su una evidenza comune a tutti: le persone tendono a favorire individui nei confronti dei quali esprimono un legame parentale, oppure un legame di reciprocità (si veda “l’economia del dono” di Marcel Mauss e il collegamento di interessi che viene generato dall’accettazione di un regalo, di un benefit o di altra utilità), oppure membri del proprio gruppo sociale. In qualche modo sembrerebbe che, dal punto di vista evoluzionistico, abbia pagato in termini di adattamento e sopravvivenza l’essersi mostrati parziali nei confronti di coloro che appartengono ai gruppi di individui appena citati.

Dunque, il senso comune ci impone di riconsiderare la nostra “attitudine” ad essere imparziali. Per questo c’è bisogno di un forte “sistema di regole” che si contrappone a questo diffuso sentimento di parzialità.

Siamo individui che esprimono un certo grado di parzialità nelle decisioni quando sono implicate relazioni di un certo tipo, cioè, entro un certo grado di socialità e che generano interessi. E questo deriva dal fatto che ci siamo adattati meglio comportandoci in questa maniera.

Ci viene richiesto di fare un passaggio ulteriore per adattarci alla complessità delle società moderne. Cioè, considerare che il nostro “gruppo sociale” non sia più rappresentato solo dagli individui con cui siamo in grado di entrare in relazione, ma da una comunità più ampia di livello locale, nazionale o ultranazionale fatto di persone che probabilmente non conosceremo mai e con le quali non entreremo mai in un collegamento di interessi diretto.

E’ difficile farlo non è vero? Anche se non lo vogliamo ammettere affrontiamo la complessità dei tempi moderni con atteggiamenti e comportamenti che abbiamo consolidato nel Pleistocene.

E’ per questo che abbiamo bisogno dell’imparzialità. A me piace pensare che l’imparzialità sia una assicella di legno che ci serve per tirare una linea dritta anche quando ci verrebbe di disegnare un cerchio perché pensiamo, erroneamente, che in quel modo arriveremo prima al punto.

Racconto di Natale @spazioetico

natale_MdR_AF.png

Se @spazioetico fosse una famiglia, cosa accadrebbe il giorno di Natale? Ovviamente ci sarebbero due papà: Massimo Di Rienzo e Andrea Ferrarini e le loro rispettive mogli. Ma, si sa, il Natale è la festa dei bambini, e allora ci dovrebbe essere anche i figli, che ovviamente si chiamerebbe Onesto e Chiara, visto che parliamo di integrità e trasparenza! Dal momento che i papà viaggiano sempre in treno, un giorno Onesto potrebbe chiedere a Babbo Natale un bel trenino Frecciarossa in miniatura, mentre Chiara potrebbe voler giocare con l’allegro chirurgo. E qui ha inizio il nostro assurdo racconto di Natale…

Onesto ha chiesto un modellino del treno Frecciarossa per Natale. E Massimo Di Rienzo lo ha comprato su Ultrazon, che garantisce una consegna quasi immediata vessando il proprio personale con condizioni di lavoro estreme.

Mentre Chiara ha chiesto l’allegro chirurgo. E Andrea Ferrarini lo ha acquistato, sempre online, attraverso il gruppo di “genitori responsabili” su Facebook. Il gruppo è composto, appunto, da “genitori responsabili” che in aperta ostilità con lo sfrenato consumismo del Natale, cercano di contenere le spese scambiandosi i giochi usati.

Ma cominciamo da Onesto. Come in una tragica simulazione della vita reale, anche il Frecciarossa in miniatura è destinato ad arrivare in ritardo. Ultrazon ammette, con una ferale mail, l’impossibilità di consegnare entro il 24 dicembre a causa del protrarsi delle assurde richieste dei propri lavoratori che, quest’anno, vorrebbero addirittura togliersi le maschere ad ossigeno che li tengono in vita durante il lavoro. Il Frecciarossa arriverà con 120 min… ops, arriverà solo il 6 gennaio.

Povero Onesto, il giorno di Natale è proprio deluso di non trovare il proprio trenino e pone una domanda fatidica a Massimo Di Rienzo:

Papà, perché Babbo Natale non mi ha portato il trenino Frecciarossa? Sono stato forse cattivo”?

Ma certo che no, Onesto” risponde Massimo Di Rienzo “forse c’è stato un problema… vediamo se lo zio (Andrea Ferrarini) sa cos’è successo (e se non lo sa, improvvisa!)

Onesto va dal dallo zio e ripete la domanda.

Sicuramente è un caso di mala gestio nella consegna dei regali… bisogna chiedere a Babbo Natale!” risponde Andrea, non sapendo di firmare così la condanna a morte del povero papà Massimo!

Infatti, Onesto è un bambino intelligente e, anche se non ha mai capito che razza di lavoro facesse il papà (Massimo Di Rienzo), ogni tanto sbircia nei suoi appunti. Era rimasto colpito quel giorno in cui aveva letto che esisterebbe un modo per conoscere qualsiasi cosa: “L’accessibilità TOTALE. Deve essere proprio il modo giusto per sapere cosa è successo con il mio regalo”. Corre da papà Massimo e gli dice: “Papà, dobbiamo presentare una istanza di ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO a Babbo Natale!

Il 26 di dicembre, l’istanza di ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO è pronta per essere inviata all’Ufficio Consegne Regali di Natale (UCRN), con sede in Via Rovaniemi 25 a Roma. Nell’istanza, Onesto chiede a Babbo Natale l’ostensione “della documentazione relativa alla gestione (arrivo letterina, produzione, impacchettamento e invio)” del suo trenino Frecciarossa.

Il 31 dicembre, con grande sorpresa di papà Massimo, arriva la risposta dell’Ufficio Consegne, a firma del dott. Elfo Puccini che, essendo di Milano, è l’unico a non essere in ferie quel giorno:

Caro Onesto,

ci scusiamo per l’increscioso ritardo nella consegna del tuo regalo. Tuttavia, non possiamo fornirti le informazioni richieste, perché nella tua istanza non si ravvedono le finalità di controllo sul buon andamento dell’Amministrazione Natalizia, che sono tipiche dell’istituto dell’ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO. La tua richiesta sembra piuttosto finalizzata a tutelare il tuo diritto al regalo di natale. Infatti la tua letterina per Babbo Natale è stata protocollata dall’Ufficio Ricezione Letterine (URL) ed è a tutti gli effetti una istanza di parte che ha avviato il procedimento amministrativo di consegna dei regali. Ti consigliamo, quindi, di fare una istanza di ACCESSO DOCUMENTALE ai sensi della L. 241/1990”.

Papà Massimo gira la risposta allo zio Andrea, che dopo aver letto, esclama: “Accidenti, nipote mio. Non so se sei titolato per fare un accesso ex. L. 241/1990: ora dovremo dimostrare che hai un interesse legittimo, concreto e attuale ad accedere al procedimento di consegna… Secondo me dobbiamo lasciare star stare… E’ troppo difficile parlare con Babbo Natale…

No zio” risponde Onesto “io voglio difendere il mio diritto di sapere! Ormai non è più una questione personale, ma una questione di trasparenza! Non voglio più sapere se sono stato buono o cattivo. Piuttosto, come tutti i bambini, ho diritto a conoscere come Babbo Natale e i suoi Elfi gestiscono i loro regali di Natale! C’è scritto nel libro di papà!

Allora devi cambiare l’oggetto della tua domanda!” interviene papà Massimo. “Devi chiedere di avere accesso al Registro dei Regali, chiedendo i seguenti dati:

  • Data di arrivo delle letterine
  • Regali richiesti
  • Elfi responsabili della commessa
  • Codici di invio del regalo al Reparto Renne
  • data di partenza delle slitte e nomi delle renne responsabili della consegna
  • data di consegna dei regali
  • indirizzi dei bambini riceventi”.

Perfetto” esclama Onesto. E va a riscrivere la sua istanza di ACCESSO GENERALIZZATO.

Passano i giorni. Ormai è il 4 gennaio. Il trenino non è ancora arrivato e Onesto sembra aver dimenticato il suo regalo e anche il suo impegno per la trasparenza natalizia!

Quand’ecco che arriva una R.E.C. (Renna Elettronica Certificata) che consegna la risposta alla seconda istanza di ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO, a firma dell’Elfo Gestore, che si occupa della spedizione dei regali:

“Caro piccolo Onesto,

risponderemmo volentieri alla tua istanza di accesso civico generalizzato. Tuttavia, per autorizzare l’accesso al Registro dei Regali dovremmo contattare tutti i controinteressati, cioè tutti i bambini del mondo. Si tratta di circa due miliardi di controinteressati e questo elevatissimo numero qualifica la tua istanza di accesso come massiva e manifestamente irragionevole. Dobbiamo quindi negare l’accesso. Se ti interessa prendere visione dei dati aggregati relativi alla gestione dei regali, puoi visionare la Sottosezione “Letterine e Procedimenti” della Sezione “Natale Trasparente” sul sito web di Babbo Natale. Augurandoci di averti ancora presto tra i nostri clienti, ti auguriamo un felice anno nuovo e una felice Epifania”.

Onesto ha le lacrime agli occhi: “Papà… ma insomma, questo trenino perché non è arrivato? Davvero sono stato cattivo? Oppure è un caso di maladministration natalizia?

Allora Massimo, per non vedere il suo piccolo figlio in quelle condizioni, fa istanza di riesame all’Elfo responsabile della trasparenza, osservando che non c’è alcuna necessità di contattare i controinteressati dal momento che l’istanza non genera alcun pregiudizio avverso la tutela dei dati personali.

Pochi giorni dopo arriva la ferale risposta dell’Elfo responsabile che, sulla base del Parere richiesto al Garante della tutela dei dati personali, esprime, ancora una volta, il proprio sprezzante diniego:

In primis, in base alla più recente giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’articolo 10 della Cedu non conferisce, in via generale, all’individuo il diritto di accesso alle informazioni in possesso delle autorità pubbliche (e Babbo Natale è di fatto e di diritto un’autorità pubblica), né obbliga tali autorità a conferire allo stesso le medesime informazioni. 

In secundis, la presunta assenza dei controinteressati cozza contro la realtà fattuale. L’istanza del richiedente, infatti, è predeterminata alla conoscenza dell’indirizzo del bambino richiedente. Ebbene, l’ostensione dell’indirizzo consentirebbe di risalire all’identità del relativo bambino ivi abitante. La signoria vostra si troverebbe così a risalire all’identità di tutti i bambini del mondo. Potrebbe, essa stessa, ad esempio, utilizzare tali dati personali a scopi commerciali, ottenendo un illecito vantaggio rispetto agli operatori economici concorrenti e causando una illecita, sproporzionata e ingiustificata interferenza nei diritti e nella libertà dei controinteressati. La signoria vostra, infatti, potrebbe utilizzare tali dati nonostante NON ci sia stata una ESPRESSA AUTORIZZAZIONE da parte dei titolari (bambini riceventi). I dati personali, infatti, devono essere raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi (art. 11 Codice della Privacy, lett. B)).   

Massimo Di Rienzo non riesce più a mentire a suo figlio. Sa che il trenino Frecciarossa, dopo una serie di vicissitudini, scioperi ed errori di spedizione, non sarà recapitato prima del 6 di gennaio.

Cerca di consolarlo come fanno tutti i padri che non sanno cosa diavolo dire: “Sicuramente anche Chiara non ha ricevuto il suo allegro chirurgo in tempo!”. Così vanno a trovare lo zio Andrea Ferrarini.

Appena entrati in casa Ferrarini, il piccolo Onesto non può fare a meno di notare un vecchio ma ancora funzionantissimo “Allegro chirurgo” in bella posa sul tappeto del soggiorno. “Ciao Onesto”, grida sua cugina Chiara, “vuoi giocare con me? Sai che l’allegro chirurgo non era arrivato in tempo? Allora papà Andrea mi ha aiutato a chiedere spiegazioni e, dal momento che il gruppo Facebook è svedese, ho potuto accedere a tutto il processo di consegna in tempo reale. Allora abbiamo capito che la gestione delle spedizioni era stata puntualissima, ma le poste italiane avevano avuto un problema con la consegna. Che trasparenza! Non ho dovuto fare alcuna istanza e nessun procedimento è stato attivato. Era semplicemente un SERVIZIO informativo che mi è stato messo a disposizione. E, tu caro Onesto, come è andato il tuo Natale?”.

Il piccolo Onesto rivolge a papà Massimo uno sguardo pieno di frustrazione e di risentimento. Massimo sa che il piccolo potrebbe chiedergli di aiutarlo ad attivare una ulteriore istanza, chissà, questa volta al Tribunale Amministrativo Natalizio, che prevede un notevole esborso ed un esito incerto, senza contare che se ne parlerebbe a Pasqua del nuovo anno.

Allora fa un lungo respiro e poi si rivolge al figlio: “Figlio mio, non c’è trasparenza senza verità. E’ inutile che continui a scrivere istanze di accesso a Babbo Natale. Te lo devo proprio dire: Babbo Natale… ehm… NON ESISTE!

buone_feste.jpg

…da parte di Massimo Di Rienzo e Andrea Ferrarini @spazioetico.

Accesso Civico Generalizzato. L’uppercut della trasparenza

di Massimo Di Rienzo e Andrea Ferrarini

In un precedente post avevamo posto la questione di una progressiva erosione del nuovo istituto dell’accesso civico generalizzato ad opera del Garante della Privacy che con i suoi pareri ha più volte ribadito la non esistenza di un diritto a conoscere, diversamente da quanto enfaticamente affermato dal (cosiddetto) FOIA italiano.

Se volessimo fare un paragone pugilistico, dalla campana del primo round, data dell’entrata in vigore della normativa, abbiamo assistito ad uno scontro impari, in cui uno solo dei due pugili (il Garante della Privacy) ha menato fendenti, ganci e diretti, mentre l’altro contendente (un fantasma chiamato Trasparenza) ha incassato quasi a difesa abbassata.

Ma come spesso accade nei film di box, proprio quando sembra che il destino è segnato per il contendente evidentemente più debole, ecco il colpo di coda, l’uppercut che non ti aspetti e che mette temporaneamente al tappeto lo stupito contendente stra-favorito dai bookmaker

Grazie alla segnalazione del nostro Andrea Del Negro, RPCT della ULSS n. 4 del Veneto Orientale, nonché appassionato di trasparenza e integrità almeno quanto se non più di noi, abbiamo scovato la sentenza del TAR CAMPANIA – NAPOLI, SEZ. VI – sentenza 13 dicembre 2017 n. 5901.

Leggete bene qui sotto.


E’ illegittimo, per difetto di motivazione, il diniego di accesso civico, opposto in merito ad una istanza ostensiva, avanzata ex d.lgs. n. 33 del 2013, tendente ad acquisire documenti ed informazioni concernenti la presenza sul luogo di lavoro di un dipendente a tempo indeterminato di una società a partecipazione pubblica e, in particolare, ai dati ed ai fogli di presenza e/o a corrispondenti strumenti, anche informatici, di rilevazione delle presenze sul luogo di lavoro, in quanto atti pubblici, relativi ad un determinato arco temporale, che sia motivato con esclusivo riferimento alla opposizione del dipendente interessato; infatti, la documentazione dalla quale emergono i rilevamenti delle presenze del personale in servizio rientra proprio nell’ambito della possibilità di controllo sul perseguimento da parte di un dato ente delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo da parte di questo delle risorse pubbliche, finalizzato alla partecipazione al dibattito pubblico.


Ma ricostruiamo brevemente il caso.

Il signor Gennaro Esposito (nome di fantasia) chiede ad una società partecipata pubblica, Sviluppo Campania (questo nome è reale, invece), assoggettata alla direzione e al controllo della Regione Campania (che è anche socio unico) di acquisire documenti ed informazioni concernenti la presenza sul luogo di lavoro – nel periodo compreso tra l’1.1.2017 e la data della istanza (17.2.2017) – del dott. Bruno Scalise (nome di fantasia), impiegato direttivo con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato.

Per essere precisi, l’istante ha richiesto alla detta società di accedere a dati e fogli di presenza e/o a corrispondenti strumenti, anche informatici, di rilevazione delle presenze sul luogo di lavoro, in quanto atti pubblici, riferiti al dott. Scalise nel suddetto arco temporale.

La società Sviluppo Campania, nella gestione dell’istanza compie tre fatidici errori:

Primo. Fa rispondere in prima istanza, al Responsabile della Trasparenza, negando così il diritto dell’istante ad un riesame interno, privando il procedimento di un possibile intervento del Garante della Privacy e costringendolo l’istante ad esercitare l’opposizione davanti al Tribunale Amministrativo Regionale.  

SecondoNega l’accesso sulla scorta della opposizione espressa dal controinteressato, mentre sappiamo bene che l’opposizione del controinteressato rappresenta una “posizione” da valutare nella gestione del procedimento, ma non può la motivazione basarsi esclusivamente su di essa.

Terzo. La società sindaca e valuta le motivazioni del richiedente, affermando che l’istanza non è tesa ad esercitare un “controllo diffuso” nello spirito della norma ma è stata presentata al fine di accedere a dati personali di un soggetto determinato. Questo, forse, è l’errore più grave, visto che uno dei presupposti della norma è proprio quello di non entrare nel merito delle motivazioni che spingono l’istante a richiedere i dati e le informazioni al fine di escludere l’accesso (al massimo si può rilevare la motivazione in sede di test dell’interesse pubblico per capire la rilevanza e l’attualità dell’interesse a conoscere).

Meglio avrebbe fatto la società ad appellarsi alle ragioni di riservatezza, dal momento che i dati sulle assenze dal servizio potrebbero contenere dati sensibili e personali. E sarebbe stata pienamente in linea con quanto il Garante della Privacy va affermando da circa un anno a questa parte.

Comunque. Il TAR rileva l’esistenza dei tre “difetti di gestione” dell’istanza, ma si spinge anche ad affermare altro.

In sede di ricorso al TAR, infatti, la società partecipata aferma che “la vincolatività dell’atto a contenuto negativo deriverebbe dalla circostanza che si trattava di richiesta afferente a “dati personali”, non rivolta ad esercitare un “controllo diffuso” sull’operato della P.A.“.

Qui sta il quarto errore. La società non ha effettuato il bilanciamento tra l’interesse alla tutela dei dati personali e l’interesse a conoscere, decidendo autonomamente che la motivazione del richiedente nulla avesse a che fare con il controllo generalizzato dell’operato della PA (e chi l’ha detto?). Nel nostro precedente post abbiamo fatto vedere come si realizza questo bilanciamento a seguito del test di interesse pubblico.

Ma non ha effettuato nemmeno il cosiddetto “harm test, cioè non ha fatto riferimento ad alcun pregiudizio concreto che l’ostensione del dato della presenza al lavoro dello Scalise avrebbe comportato. Riguardo ad eventuali dati sensibili (assenze per malattia o altro), afferma il TAR, si sarebbero potuto facilmente procedere con un oscuramento.

Ed ecco il passaggio che ci ha fatto saltare sulla sedia (perché aspettavamo da tempo che qualcuno lo affermasse con uguale perentorietà).

Considerando gli interessi in gioco e cioè il diritto a conoscere se un dipendente di una società in controllo pubblico (assimilata a una pubblica amministrazione ai fini dell’applicazione della disciplina in tema di prevenzione della corruzione e della trasparenza a norma dell’art. 2 bis del d. lgs. 33/2013) e costituita con soldi pubblici, sia semplicemente presente al lavoro in un determinato periodo e il diritto del controinteressato a che non sia rivelata la presenza perché afferente a un dato personale, appare certamente prevalente il diritto a conoscere del richiedente tenuto anche conto che, come dichiarato dallo stesso ricorrente, l’amministrazione nel fornire tale dato generico avrebbe potuto omettere tutte le informazioni che emergevano dai documenti di presenza impattanti con il diritto alla riservatezza del controinteressato, quali per esempio l’astensione dal lavoro per malattia.
Ad avviso del Collegio, infatti, la documentazione dalla quale emergono i rilevamenti delle presenze del personale in servizio rientra proprio nell’ambito della possibilità di controllo sul perseguimento da parte di un dato ente delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo da parte di questo delle risorse pubbliche, finalizzato alla partecipazione al dibattito pubblico“.

E ancora…

Non si comprende in che modo il dato richiesto se diffuso all’esterno (che comunque andrebbe utilizzato dal richiedente nel rispetto del Codice della privacy) potrà ledere le libertà fondamentali dell’interessato, la sua dignità, la riservatezza, l’immagine e la reputazione o ancora esporlo a pericoli mentre diventa necessaria, nello spirito della riforma sulla trasparenza, la conoscenza del dato preciso ed esclusivo al fine di verificare se il soggetto dal 1 gennaio al 17 febbraio 2017 è stato presente presso la società di appartenenza“.

Un vero gancio al mento ben assestato!

Il TAR, per la prima volta (lo sottolineiamo), afferma che il diritto a conoscere prevale sulla tutela del dato personale, se tale dato può servire ad un corretto esercizio del controllo sull’operato della pubblica amministrazione.

Ora vedremo cosa succederà. Questa sentenza mette in discussione un anno di Pareri del Garante della Privacy che, invece, ha sempre affermato che la tutela del dato personale è “Religione di Stato”.

Questo match entra nel vivo ed il nostro interesse cresce. Stiamo per aprire un servizio di scommesse su chi assesterà il prossimo colpo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: